Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Contra Info: Rete di traduzioni di contro-informazione

Contra Info è un nodo internazionale multilingue di contro-informazione e traduzione, una struttura gestita da anarchici, anti-autoritari e libertari attivi in diverse parti del mondo. Leggi tutto »

[Torino, Italia] Appello alla solidarietà internazionale per il 16 novembre – giudizio “Scripta Manent”

Il 16 novembre, alle ore 10.00, davanti all’aula bunker a Torino, si terrà la prima udienza del processo “Scripta Manent”, che avrà un lungo percorso di giudizio, e che vede imputati/e 22 compagni/e anarchici/che, di cui sette attualmente in carcere.

L’apparato repressivo dello stato accusa parte del movimento anarchico di attaccarlo con pratiche di: azione diretta distruttiva contro le sue strutture e i suoi uomini, realizzazione e diffusione di stampa anarchica e sostegno ai prigionieri ed alle prigioniere rivoluzionarie.

Il teorema del P.M. Sparagna è quello per cui le posizioni delle compagne e dei compagni indagati sono isolate e lontane dal contesto anarchico.

Il suo è un chiaro tentativo di parcellizzare e rinchiudere l’anarchismo entro determinati recinti, giudiziari ed interpretativi.

Scardiniamo il tentativo di isolare questi compagni e queste compagne e sosteniamo che le pratiche e le posizioni di cui sono accusati/e sono patrimonio di tutti gli anarchici e rivoluzionari, e riaffermiamo la nostra vicinanza e solidarietà agli imputati e alle imputate.

Facciamo un appello a partecipare al presidio di giovedì 16 novembre alle ore 10.00 di fronte all’aula bunker del carcere “Le Vallette” di Torino e rilanciamo, per quel giorno, una chiamata alla solidarietà internazionale con tutti gli anarchici, i ribelli e i rivoluzionari prigionieri; nei luoghi e secondo le modalità che ognuno/a ritiene più opportune.

in spagnolo, inglese, portoghese, tedesco

Amburgo, G20: Riccardo libero!

Il compagno anarchico Riccardo, arrestato in seguito alle giornate contro il G20 ad Amburgo, è stato scarcerato oggi 5 ottobre in seguito alla sentenza che lo ha condannato a 1 anno e 9 mesi con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

Solidarietà ai ribelli del G20! Libertà per tutti e tutte!!

Amburgo: Aggiornamenti sul processo a Riccardo, anarchico imprigionato (G20)

Ricevuto il 23 settembre

Il processo che vedrà imputato Riccardo si terrà il 5 di ottobre alle h.9.00 presso il tribunale di Altona – Amburgo (Max Bauer Allee 91.)

Sarà a porte aperte ma non ci è ancora dato di sapere se la sentenza sarà emessa nello stesso giorno o se slitterà ad un’altra data. Dipende dall’iter processuale (in molti casi hanno sentenziato in un solo giorno anche perché gli imputati hanno confessato).

Sarà giudicato tramite il secondo grado di una corte che prevede pene dai due anni in su (in Germania le corti sono divise in 3 livelli in base alla pena richiesta, non è una corte speciale).

I capi di accusa formalizzati sono: interruzione della pace pubblica, attacco tramite assalto (che equivale a lesioni – concorso in Italia) e resistenza.

Per quanto riguarda la censura alla posta non ci sono stati blocchi sistematici ma qualche lettera viene bloccata (finora sono 3, diluite nel tempo: una cartolina, una lettera, una busta contenente giornali da Amburgo). Poi sono state bloccate che buste contenenti materiale controinformativo e opuscoli.

Indirizzo:
Riccardo Lupano
Jva Billwerder
Dweerlandweg 100
22113 Hamburg
Germany

Vienna, Austria: Striscione esposto fuori dall’EKH

Uno striscione è stato esposto fuori dall’EKH (centro sociale autonomo e progetto abitativo) a Vienna (Austria) in solidarietà con Santiago Maldonado.

LA SOLIDARIETÀ È UN’ARMA!

in inglese, portoghese, spagnolo, tedesco

[Germania] Divieto di Indymedia Linksunten – Misura preventiva del sito Chronik

1° settembre 2017

Indymedia Linksunten è stata vietata. Il 25 agosto 2017 a Freiburg in occasione del divieto della piattaforma linksunten.indymedia.org ci furono varie perquisizioni di case private e del Centro Autonomo KTS, ordinate dal ministero federale degli interni (BMI). Che su due piedi dichiarava Indymedia Linksunten come associazione che poi vietava. Una gestione continuata della piattaforma Internet ora è reato, ma contro chi ne è stato colpito per ora non ci sono dei procedimenti penali. La pagina Internet è attualmente spenta, ma il server evidentemente non è caduto nelle mani delle autorità. Chi ha subito le perquisizioni ha impugnato ricorso e per il 9 settembre è annunciata una manifestazione a Freiburg.

In una carta diffusa alla conferenza stampa del BMI il giorno delle perquisizioni, citano in gran parte delle rivendicazioni d’azioni, documentate anche qui. Il divieto è una risposta agli scontri G20 che appare piuttosto goffa: Giacché non si riesce a prendere chi vandalizza, ecco che tocca a chi ne riporta le notizie. Poco prima delle elezioni parlamentari federali, il divieto ha naturalmente molto a che vedere con la politica simbolo. Ma mostra anche che Linksunten Indymedia con i suoi contenuti radicali a vasto raggio e una costante protezione dell’anonimato di chi scrive è riuscita ad essere una spina nel fianco dello Stato. Perciò il divieto è nel contempola conferma di una linea irriducibile

Misura preventiva
Per prevenire lo spegnimento e simili, abbiamo specchiato il chronik-Blog. Da subito tutti i testi sono richiamabili anche sotto chronik.noblogs.org. Basta sostituire nell’indirizzo il „black“ con „no“. Il trucco funziona con tutti i testi e file.

Esempi:
https://chronik.blackblogs.org  a https://chronik.noblogs.org
https://chronik.blackblogs.org/?p=6587 a https://chronik.noblogs.org/?p=6587
https://chronik.blackblogs.org/files/2017/07/hell.jpg a https://chronik.noblogs.org/files/2017/07/hell.jpg

Chronik.blackblogs.org rimane la pagina principale ed è spesso attualizzata. In aggiunta al nuovo indirizzo di ripiego, parti della pagina sono salvate anche nell’Internet Archive.

Che abbiamo pubblicato dei testi per primx, era finora piuttosto un’eccezione, ma non deve rimanere così:

Potete scriverci via i nostri indirizzi Email oppure il nostro formulario di contatto.

chronikde[at]insiberia.net chronikde[at]riseup.net

Per un futuro combattivo! Creare e difendere i propri media!

Traduzione dal tedesco mc, CH

Neumünster, Germania: Distribuita vernice nel giardino di un membro NPD

22 agosto 2017

Per attirare l’attenzione sulla politica disumana della NPD e per provocare alcune notti insonni ai nazi in campagna elettorale, abbiamo marcato con la vernice il giardino di Rebecca Lief, la compagna di Alexander Kevin Meeder. Nella parcella in Mecklenburger Weg, Meeder finora si riposava indisturbato quando l’opera antifascista davanti casa sua gli diventava troppo pesante.

Il nazionalismo non è un’alternativa – neanche nella campagna verde

Fonte: Nationalismusistkeinealternative.net

Traduzione dal tedesco mc, CH

Hohenwestedt, Germania: Danneggiata auto di Rudolf Rosenthal (NPD)

21 agosto 2017

In solidarietà con la campagna NIKA abbiamo attaccato l’auto RD RR 1937 del politico NPD Rudolf Rosenthal a Hohenwestedt. A Rosenthal serve un nuovo set di gomme e un nuovo lunotto.

AFD e NPD non sono solo una “cattiva scelta” ma contraddicono in tutto il loro essere una società emancipatrice e solidale. Perciò chiamiamo alla resistenza comune.
Contro ogni razzismo – sabotare la campagna elettorale AFD e NPD!

Fonte: Nationalismusistkeinealternative

Traduzione dal tedesco mc, CH

Flensburg, Germania: Vernice a posti di polizia

2 e 9 agosto 2017

Nelle notti dal 01 al 02/08/2017 e dall’08 al 09/08/2017 a Flensburg e a Tarp (area Flensburg) attaccati i relativi posti di polizia con la vernice alle facciate e scritta “Welcome to Hell”.
Con questa azione diamo un segnale contro gli sbirri, lo Stato, la repressione e il dispotismo.

E dichiariamo apertamente che è connessa al vertice G20 di Amburgo.

Non assisteremo senza agire all’imposizione degli interessi dello Stato con le orgie di violenza come ad Amburgo.
Manifestazioni pacifiche furono attaccate nel modo più brutale dagli sbirri senza badare al rischio di uccidere delle persone.

Ancora oggi dex compas di tutto il mondo rimangono in galera, a voi ogni solidarietà – non vi dimenticheremo!

Libertà per TUTTX lx prigionierx politicx!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Grenoble, Francia: Solidarietà incendiaria

Tre del mattino di giovedì 21 settembre, seconda giornata del processo dell’autopattuglia bruciata. Siamo entratx nella caserma della gendarmeria Vigny-Musset. Abbiamo incendiato sei furgoni d’intervento e due camion di logistica. Il garage e il magazzino sono stati distrutti su una superficie di più di 1500 metri quadri.

Quest’azione si iscrive in un’ondata di attacchi in solidarietà con le persone che passano in processo in questi giorni. Un abbraccio forte a Kara e Krem. Un pensiero a Damien, recentemente picchiato dagli sbirri. Qualsiasi sia l’esito del processo, continueremo a prendercela con la polizia e la giustizia. La nostra ostilità è un fuoco che si propaga».

Fonte Indymedia Grenoble
(Il post originale è stato cancellato in seguito all’intervento del Ministro dell’Interno francese per “provocazione per commettere atti di terrorismo o apologia di tali atti” 〈articolo 421-2-5 del codice penale francese〉)

[Italia]: È disponibile il numero 8 di FENRIR

È disponibile il numero 8 di FENRIR, pubblicazione anarchica ecologista di supporto ai/le prigionierx, azione diretta, aggiornamenti e analisi sulle lotte anarchiche e di liberazione animale, umana e della terra in tutto il mondo. 84 pagine A4

In questo numero:

– Editoriale
– Se non ora, quando?
– Per un Giugno Pericoloso
– Scia di attacchi alle infrastrutture energetiche e dialogo tra
anarchicx
– Su anonimato, rivendicazione e riproducibilità delle azioni
– Un naufragio in corso?
– La scienza al servizio della repressione
– L’individuo nella società tecnologica. La schiavitù dell’automazione
– Nell’era digitale
– A cosa serve l’energia?
– Canti di festa da terre lontane
– Il sangue nel microchip
– Guerra per la sopravvivenza in Africa
– Cyborg anti-tecnologia?
– Notizie dal necromondo
– Insurrezione contro il destino
– Aggiornamenti sui/le prigionierx e sulla repressione di Stato
– Lettere dal carcere
– Letture consigliate

Il costo è di 3 euro a copia, oppure di 2 euro per ordini di 5 o più copie. Il costo della spedizione con “piego di libri” ordinario è di 1,30 euro.

Per ricevere una o più copie scrivici: fenrir@riseup.net

Aiutaci a distribuire “Fenrir”, se hai una distro o vuoi un po’ di
copie, contattaci!

Vienna: Striscione contro la prigione esposto alla chiesa votiva

Ricevuto il 21 agosto

La scorsa notte uno striscione è stato appeso nel contesto della settimana di solidarietà internazionale con i/le prigionier* anarchic*, quindi due striscioni con scritto “FUOCO A TUTTE LE PRIGIONI” e “LIBERTÀ PER TUTT* I/LE PRIGIONIER*” sono stati esposti alla chiesa votiva.

Le prigioni devono andarsene, devono lasciare la società, devono lasciare le nostre vite e le nostre teste! Inghiottono chiunque combatta per la libertà, sono strumenti della classe dominante per sbarazzarsi di tutto quello che è rivolta e disobbedienza. Per cui la lotta contro la prigione è anche una lotta contro l’autorità in generale.

La settimana di solidarietà internazionale non è ancora cominciata, ma la solidarietà non è qualcosa che dipende dal calendario!

Libertà per i/le prigionier* della resistenza contro il G20!
Libertà per gli/le accusat* della rapina ad Aachen!
Libertà per tutt* i/le prigionier*!

Saluti in solidarietà da Vienna
https://solidarity.international/

in inglese, tedesco

Amburgo: Incendiata auto di una ditta della sicurezza

3 agosto 2017

Nella notte dal 2 al 3 agosto fu data alle fiamme un’auto della Personen-Objekt-Werkschutz Srl.

Solidarietà con lx prigionierx del G20!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Lipsia, Germania: Martelli e vernice a distretto di polizia

31 luglio 2017

Nella notte tra domenica e lunedì abbiamo attaccato il distretto di polizia sud-ovest in via Weissenfels. Al momento non c’erano agenti nello stabile. Abbiamo danneggiato i vetri blindati, un’insegna della polizia e il citofono con dei martelli e spruzzando una “sostanza nera”.

Con quest’azione diamo un segnale contro lo Stato, gli sbirri e la repressione. Ci mostriamo solidali con tuttx lx nostrx amicx che nel quadro del vertice G20 subirono vessazioni, ferite e arresti da parte degli sbirri o che furono altrimenti ricopertx di repressione: non siete solx, la nostra solidarietà vi è certa!

Avversarx del vertice sono ancora in galera settimane dopo il vertice. Questo appare come un’esagerazione proprio per le accuse fiacche che secondo la procura sono in sospeso: “violazione dell’ordine pubblico”, “resistenza” e “delitti di lesione”. E adesso dovrebbero essere oggetto di un trattamento politicamente esemplare.

Vogliamo stabilire un ulteriore contesto:
Da più di un anno è occupato un vecchio stabile delle ferrovie che era inutilizzato da più di 20 anni. Vi è sorto uno spazio autonomo libero, il Black Triangle. Le trattative con le ferrovie per un utilizzo legale sono fallite già da tanto. Già un anno fa, l’impresa inviava una mail che non ci sarebbero “intenzioni di trattative rispetto al terreno appropriato illegalmente” e sollecitava l’abbandono dell’area. A quanto pare la vecchia proprietaria ha l’intenzione di farla sgomberare entro tempi stretti.

Vuol dire che c’è tempesta in arrivo. Ma chi cerca lo scontro con noi fa i conti senza l’oste.
Se ora la Deutsche Bahn mano nella mano con lo Stato e i loro sgherri vuole toglierci uno spazio libero, anche questo sgombero deve avere il suo prezzo. Non rendiamo la vita troppo facile agli sbirri! Siate resistenti! E solidali con tutte le forme d’azione. Siate creativx. Se non potete supportare la gente sul posto, inviate dei messaggi di solidarietà, non importa da dove. Gli obiettivi di merda abbondano per scaricarvi la nostra frustrazione per l’esistente. Perché non un’altra visita al comune tecnico a alla costruzione di lusso dietro l’angolo?
Questo era un assaggio di quel che si devono aspettare nel caso di uno sgombero.

Un giorno dopo lo sgombero alle h 18 ci sarà una manifestazione in piazza Wiedebach.
Il Black Triangle rimane! Liberate finalmente lx prigionierx!
Saluti solidali a tuttx lx prigionierx.
https://www.aktionsticker.org

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Friburgo, Germania: Vernice a direzione della polizia federale e filiale bancaria

29 luglio 2017

Nel fine settimana attorno al 29 luglio ci furono varie azioni simboliche connesse alla repressione del vertice G20 ad Amburgo. Dopo la massiccia protesta nella città portuale contro l’incontro delle più grandi potenze economiche, quasi tre dozzine di amicx sono tuttora in galera. Per questo abbiamo fatto delle passeggiate autonome sotto le galere chiedendo la loro liberazione e rendendo visibile anche qui lo spirito della ribellione.

Ecco una lista incompleta delle azioni in complicità con tuttx dietro le sbarre e con coloro che s’impegnano nella lotta per un altro mondo oltre lo Stato, il capitale, il patriarcato, il controllo della migrazione e il sistema delle galere:

-Nello Stühlinger attacco con la vernice alla direzione della polizia federale
-Spray contro il sistema galera e il G20 nel centro città
-Due striscioni al ponte ferroviario Höllental nella Wiehre
-Attacco alla vernice alla filiale bancaria nella Vauban
-Manifesti DIY in complicità con lx prigionierx

Motivo:
Lo Stato di polizia BRD inizio luglio ha inscenato un’esercitazione controinsurrezionale in tempo reale ad Amburgo. Dove gli sbirri non hanno solamente calpestato le leggi ed i tribunali. È un miracolo che ad Amburgo non c’è stata morte per violenza sbirresca.

Molte centinaia di manifestanti sono statx in parte gravemente feritx: Gli sbirri hanno tentato di assassinare delle persone per imporre il vertice, spingendolx dai muri e dalle impalcature, investendole con le loro vetture, mirando alle teste con i manganelli e addirittura usando armi da sparo. E in parte furono mandati allo sbaraglio dai propri superiori.

Ma la nostra pietà non è per i porci che sono troppo stupidi per trovare un abbeveraggio quando diventa troppo caldo. Gran parte degli sbirri “feriti” furono beccati dal “fuoco amico”. Ogni porco di sbirro collassato ci fa piacere e riteniamo assolutamente fuori luogo la rappresentazione mediatica di una “orgia di violenza degli autonomi”.

Moltx che lavorano per la stampa furono impediti dagli sbirri a fare il proprio lavoro, e ora le redazioni corrotte fanno si che si diffonda l’immagine semplicista di una ribellione della strada rappresentata come “guerra civile” e spacciando i 20.000 camerati del manganello da “salvatori del diritto”.
Con questo si perde totalmente di vista quant’era ed è importante e legittima la resistenza variegata contro l’alleanza tra re sauditi, populisti USA, fondamentalisti del mercato europei e sudamericani e dittature asiatiche.

Alcuni negozi saccheggiati, banche rotte e sbirri che anche loro una volta tanto devono correre sono immagini necessarie che esprimono la speranza in un mondo più libero. Sono immagini delle quali ne vorremmo di più, fintanto che il loro dominio distrugge questo pianeta.

La politica e la direzione operativa hanno preso in ostaggio una metropoli e per questo “studio di fattibilità” misero consapevolmente in pericolo la vita di tante persone. Centinaia di abusi su dex manifestanti e un’amara perdita di controllo erano la conseguenza di quest’arroganza del potere.
Solidarizziamo con coloro che ora sono dentro e dovrebbero scontare l’irresponsabilità del senato di Amburgo, del governo federale e dei loro sgherri.

Ad Amburgo, il vertice è stato ostacolato con successo e in modo vario. Decine di migliaia dopo giorni di diktat sbirresco iniziarono a difendersi e una vasta fetta della popolazione poteva finalmente sfogare la propria rabbia contro la violenza dello Stato ed i merdosi rapporti di proprietà. Purtroppo esiste più di una storia del vertice, anche se Scholz e la sua socialdemocrazia tipo Morgenpost sarebbero volentieri gli unici a scriverla.

Continueremo a lottare contro l’instaurazione di Stati di polizia, a sabotare l’alleanza tra la globalizzazione neoliberale e i populisti reazionari e ad attaccare i vertici dei padroni.
Difenderemo gli spazi e le strutture solidali e c’impegniamo in ogni momento a provocare il caos necessario per distruggere il loro ordine costruito sul petrolio. Siamo dappertutto e siamo arrabbiatx. Con motivi.

Uguale se ad Amburgo o Buenos Aires:
United we stand!
Pas de justice, pas de paix !
Viva la lotta per la libertà!
Capitalistas y fascistas no pasarán!
La nostra solidarietà contro la loro repressione!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Berlino: Bruciato camion STRABAG

26 luglio 2017

Siamo gratx di ricevere ingiurie su tutti i canali e da tutte le parti, ci confermano che ad Amburgo si agiva in modo appropriato. Sì, siamo caotx e non vogliamo solo incendiare le vostre notti ma anche il vostro quotidiano. Il vostro beato ruttino da prima colazione quando sentite le notizie sulle quotidiane barbarie capitaliste ci fa schifo.

Grazie per le prese di distanza, così alcunx traditorx si sono smascheratx, per esempio il liscia-lampade Andreas Beuth.
I nostri nemici ripetono gli stessi rituali d’autopurga come per il 1. maggio ’87 a Kreuzberg, come per le insurrezioni nelle Banlieus 2005, come a Londra nel 2011. Noi invece abbiamo scoperto altre affinità, anche con la gente che ha dato seguito agli appelli di venire ad Amburgo. Alcunx di loro non poterono tornare a casa e ora attendono i processi spettacolo della giustizia di Amburgo. Questx prigionierx devono sapere – non ci distanziamo da nulla.

Per, invece, incendiare nella notte a mercoledì 26/7 a Berlino Lichtenberg un camion della ditta STRABAG, impresa che sostiene non solo a Friedrichshain il gruppo CG nella ristrutturazione delle città in futuri quartieri per le élite e quartieri poveri.

Secondo noi questo è un piccolo segno di solidarietà che mandiamo ad ogni combattente arrestatx durante le proteste contro il G20 come anche a tuttx che sono e saranno perseguitatx. Possiamo attaccare quando e dove vogliamo, sempre e dappertutto.

Anarchicx

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

G20. Aggiornamenti sul processo a Riccardo

È stata fissata la data dell’udienza che vede imputato Riccardo di reati inerenti alle giornate di rivolta contro il G20 d’Amburgo di luglio. Si terrà il 5 ottobre presso il Tribunale di Amburgo.

Invitiamo tutti/e a partecipare alla presenza solidale in aula (Riccardo sarà presente) e presso il Tribunale organizzata per quella data così come alle iniziative che verranno promosse a Genova in quei giorni di cui seguiranno aggiornamenti.

Incontro per discutere iniziative di solidarietà e aggiornamenti
MARTEDÌ 19 SETTEMBRE alle 20h, presso Il maniasso, Piazza Santa Maria in Passione 6 Genova.

in inglese

[Italia]: È uscito Vetriolo – numero 1 – autunno ‘17

Infine abbiamo pubblicato il numero 1 del giornale anarchico Vetriolo. In concomitanza abbiamo anche ristampato il numero 0, per coloro che recentemente ce ne hanno chiesto copie, siccome esaurito da tempo. Dopo svariati mesi di censura è arrivato il contributo che il compagno anarchico Alfredo Cospito scrisse nell’inverno scorso per l’uscita del precedente numero; lettera che venne bloccata e sequestrata per ordine del giudice inquisitore Sparagna, mandante dell’operazione “scripta manent”.

In questo nuovo numero c’è spazio per approfondimenti su questioni aperte nel precedente, in particolare sulla questione delle città, sul frontismo e l’internazionalismo, sulla storia del movimento degli sfruttati, e il proseguo del tentativo di analisi ed elaborazione di una teoria anarchica dello Stato. Inoltre, abbiamo analizzato anche altre questioni: una riflessione etica sul concetto di coerenza; un’altra sulla sopravvivenza negli spazi urbani e sulle modificazioni che in questi avvengono; un articolo di analisi della tecnologia e, in particolare, della robotica, sia da un punto di vista ecologico che da quello delle conseguenze sociali e anti-sociali. Uno spazio importante lo dedichiamo al tema della “guerra”. Con il nostro tono spesso aspro e con articoli polemici, auspichiamo sempre al confronto e alla crescita del movimento anarchico rivoluzionario.

All’interno:

– La finestra sul porcile
– Contro la guerra, contro la pace
– Tempi maduri
– Azione e reazione
– In nome della coerenza
– L’unica amministrazione possibile
– Tradire il fare
– Il dominio tecnologico tra ideologia e realtà
– L’ora di ricreazione
– Un contributo a proposito di frontismo e internazionalismo
– Lo Stato non è un’app
– Una storia sinistra
– Scritto di Alfredo Cospito dal carcere di Ferrara

Per copie del giornale o contatti rivolgersi alla mail: vetriolo@autistici.org
Una copia: 2 euro. Per i distributori, dalle cinque copie in poi: 1,50. Spese di spedizione: 1,30. Spese di spedizione in Europa: 3,50. Gratis per le persone prigioniere.

Amburgo: Distrutti vetri a Rolls-Royce

13 luglio 2017

Il vertice è passato – Non le nostre lotte!

Questa notte fu distrutto il fronte dell’entrata di Rolls-Royce a Wilhelmsburg.

Negli ultimi giorni e nelle ultime settimane abbiamo, unitx a decine di migliaia d’altrx, portato sulla strada la nostra protesta nelle sue forme più varie. Abbiamo chiarito che ad Amburgo ed altrove rifiutiamo totalmente il G20 ed il suo spettacolo politico.

Dall’inizio lo Stato ha reagito alle proteste con brutale violenza di polizia e disprezzato dei diritti fondamentali della libertà di riunione. La violenza non era solo immediata con i manganelli, il gas lacrimogeno, lo spray al pepe e i cannoni d’acqua, ma anzitutto con una dimostrazione di potere sotto forma di violenza fisica. Ora seguono le attese richieste di procedere con più durezza e con condanne più alte contro lx presuntx “estremistx”.

Ma uguale di come giudichiamo le singole azioni dei giorni passati: È chiaro che: Non permettiamo che ci dividano e siamo solidali con tuttx lx prigionierx!

Ma le proteste contro i vertici sono solo una ragione per riunirci ed esprimere il nostro rifiuto delle stato attuale delle cose. Ancora più importante è radicare le lotte nel quotidiano. Vogliamo organizzarci unitx e solidali contro le coazioni di un ordine sociale capitalista, nazionalista e statalista.

Questo succede con mezzi e per vie differenti ed include secondo noi la protesta militante. Rolls-Royce, oltre alla fabbricazione di macchine di lusso care e tecnica nucleare è anche prima nel mercato mondiale della produzione di sistemi motrici per l’aero- e l’astronautica militare come anche di tecnica navale per la marina. Il sito Amburgo è importante anzitutto per l’ultima. Così Rolls-Royce rappresenta simbolicamente un capitalismo globalizzato che profitta delle guerre e sviluppa dei prodotti che producono ancor più situazioni di violenza per le persone.

Siamo coscienti del fatto che la nostra azione odierna non eliminerà o fermerà i rapporti capitalistici e le esportazioni militari. Ma possiamo essere stimolo per altre azioni…

No G20 continues!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Dresda, Germania: Versata vernice davanti a posto di polizia

10 luglio 2017

Nell’ombra della notte abbiamo marchiato con il “Sangue” un distretto di polizia.

Poliziottx tedeschx nell’occasione del G20 hanno una volta in più dimostrato la loro cieca ubbidienza e il loro cieco spirito di corpo. Manganelli, pugni, pedate, sostanze irritanti, offese ributtanti, in faccia alla gente giovane, vecchia, dex turistx, dex critichx del vertice e a gente di ogni tipo. Ci avete pestatx a sangue, feritix – non solo fisicamente – malgrado fossimo pacificx, non nel cosiddetto “black bloc“. Come dei selvaggi avete pestato le nostre ossa e calpestato la nostra fiducia. Voi le corrazze, noi la pelle nuda. Ci avete rinchiusx, maltrattatx, e tutto questo per 20 persone di grande influenza che tenevano il proprio spettacolo di potere. Seguite i vostri capi tanto ciecamente da dimenticare che siamo anche noi persone, o siete semplicemente disumani?

Per tutto questo e tanto di più abbiamo lasciato della vernice rossa davanti al distretto di polizia. Rosso per il sangue delle vittime della violenza statale e per la fiamma della rivoluzione.

Ci vediamo sulle strade!

I nostri pensieri vanno a chi è feritx e mortx di violenza sbirresca.

ps: sei in servizio e leggi questo? Il tuo superiore, i tuoi colleghi picchiatori, i tuoi straordinari, il tuo lavoro ti fa vomitare? Dimostra la tua responsabilità sociale e pubblica degli interna, inoltra dei reclami, tradisci i tuoi colleghi, licenziati e vieni sulla strada!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Hannover, Germania: Vernice e pietre a commissariato di polizia

12 luglio 2017

Nella notte dall’11 al 12 giugno abbiamo attaccato in astuzia il commissariato degli sbirri nella Höfestraße con pietre e vernice.

Con quest’azione diamo un segnale contro lo Stato, gli sbirri e la repressione. Ci mostriamo solidali con tuttx lx nostrx amicx che nel quadro del vertice G20 sono statx copertx di vessazioni, feritx ed arrestatx o altrimenti di repressione: non siete solx, la nostra solidarietà vi è certa!

Circa mille sbirri che in Amburgo hanno organizzato un’orgia di violenza e di caccia all’uomo e accettato una loro possibile morte: VI ODIAMO!

Per concludere, per anticipare la discussione sulla questione della violenza nei commentari: Siamo esplicitamente solidali con gli scontri nelle notti del vertice. Uguale quanto insensate possano apparire talune azioni e anche se non siamo sempre d’accordo con “la violenza senza senso che s’ubriaca solo di se stessa“: Non c’è ragione per distanziarsi!

Chi di nuovo inveisce contro “i caoti di sinistra“ e “casinari violenti” dimentica in fretta che l’ordine è mantenuto con la violenza della proprietà e della forza lavoro venduta giorno per giorno.

La critica esagerata degli “eccessi di violenza” non è prendere sul serio davanti alla strage europea nel Mediterraneo, i quotidiani eccessi di violenza delle condizioni di sfruttamento capitalista o anche solo davanti all’impiego d’unità di polizia pesantemente armate con armi da guerra in un quartiere di Amburgo.

L’odio e la rabbia contro l’esistente che si è sfogata ad Amburgo è più che comprensibile. Le agitazioni sociali non possono che produrre immagini anche brutte.

Tutto il mondo odia la polizia!
Smash Capitalism!
Dalla solidarietà alla resistenza!

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Amburgo: Bruciata auto diplomatica

8 luglio 2017

Nelle prime ore del sabato del vertice abbiamo dato fuoco a una auto diplomatica parcheggiata nel Dohrnweg ad Amburgo-Sternschanze. Il piccolo furgone per il trasporto di personale governativo bruciava totalmente, e questo vicinissimo alla benvenuta sommossa politica sul Schulterblatt.

Non vorremmo lasciare diffamare quest’azione tra le tante altre documentate che si sono svolte ad Amburgo durante le giornate ribelli, come come “insensata” e “non mirata”. Siamo esplicitamente solidali con i saccheggi e gli scontri nelle notti del vertice, che da parte d’alcunx sono attualmente disprezzati e condannati con faciloneria come “contra-produttivi”. La critica alle singole azioni deve sempre essere possibile – a volte anche pubblica. Ci dispiaciono per esempio le distruzioni di piccole auto nella rivolta contro il vertice. Ma una presa di distanza generale dall’insieme degli eventi lo consideriamo solo borghese, politicamente sbagliato e fatale. Lo stesso vale per la riduzione della critica a un “Per favore non nel nostro quartiere”.

Noi che propaghiamo la perdita del controllo come chance rivoluzionaria; noi che con la parola d’ordine “Tutto per Tuttx” accogliamo con favore le azioni di appropriazione, e le stimoliamo, noi non dovremmo discreditare “l’autonomizzazione”, la “spontaneità” degli eventi di una notte notevolmente resistenziale. Non possiamo ritenere in alcun modo indecenti gli acquisti senza pagare nei supermercati Rewe e Budni. Che tantx nel quartiere ritengono questo pericoloso è peccato, ma non c’è da stupirsi. Il saccheggio e le fiamme al supermercato Bolle fino a raderlo al suolo nel primo maggio 1987 a Berlino è per noi un riferimento positivo solo perché, da fatto storico successo molto tempo fa, non ci da più alcuna noia?

Ma gli attacchi mirati ai convogli di polizia, la distruzione mirata d’infrastruttura del vertice come agire militante facile da comunicare non sono neanche pensabili senza il “chiasso” della ribellione temporanea (inoltre da varie parti d’Amburgo!)! Crediamo di sapere che lx odierni preoccupatx la vedevamo esattamente così, finora. Capiamo che tantx ora nell’imminente campagna elettorale temono l’aizzamento politico interno per una linea repressiva tipo law-and-order. Capiamo che l’individuo potrebbe tendere a stornare dalle proprie strutture dei danni politici. Ma la categorizzazione dell’agire resistenziale screditando “i casini” come apparentemente insensati non sarà di nessun aiuto. Un stare assieme solidale, un’unione solidale delle varie anime della protesta (che per lunghi tratti della protesta è riuscita notevolmente bene) SENZA una dissociazione dax “ragazzx casinarx” suppostamente apoliticx e “venutx da fuori” ci sembra la strategia migliore.

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Rostock, Germania: Vetri rotti a strada commerciale

8 luglio 2017

Durante i giorni di grande resistenza ad Amburgo, gli sbirri imploravano rinforzi da altri paesi federali. E li ottennero. Da Schleswig Holstein e Mecklenburg Vorpommern fu inviato tutto quel che era ancora abile al servizio. Distretti piccoli e medi furono in parte chiusi e grandi distretti lasciati a se stessi con solo poco personale. Rostock era ed è quasi liberata dagli sbirri.

A quanto pare questo fu sfruttato da alcune persone. “Vestite di nero e incappucciate” con dei piedi di porco spaccarono molte vetrine di “rinomati negozi d’abbigliamento”. Mentre ad Amburgo si addestravano al combattimento controinsurrezionale moderno con quasi una lotta casa per casa, nella strada commerciale di Rostock presentavano un contro-concetto adeguato.

Troviamo forte quest’azione! Proprio in vista della repressione massiccia prima e durante (e dopo) il vertice G20 ad Amburgo, la prassi resistenziale è la risposta adeguata. Sono anche saluti tintinnanti ax compas nelle celle ad Amburgo ed altrove. Non siete solx!

Osservatorix di stampa autonomx

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Exarchia: lo squat Themistokleous 58 attaccato (4 persone ricoverate)

Lo squat Themistokleous 58, conosciuto anche come TH58, a Exarchia, è stato attaccato da persone che portavano dei caschi. Questa aggressione in stile mafioso ha causato il ferimento di 4 persone, che sono state ricoverate.

Maggiori informazioni sull’attacco e le cause verrano date dall’assemblea del TH58.

Aggiornamento:

1. Tra i/le 4 persone gravemente ferite (attualmente ricoverate) ci sono un migrante e tre solidali.

2. Gli assalitori hanno agito con modalità fasciste, armati di bastoni di legno e sbarre di metallo e di coltelli, e hanno mirato alla testa degli/lle abitanti del TH58. Tra i/le fascist* sono stat* riconosciut* alcuni membri di altri squat e alcuni migranti, come anche dei venditori di sigarette che vendono tabacco e altre sostanze vicino allo squat.

Un testo politico dello squat Themistokleous 58 squat (Θ58) farà seguito.

in inglese, tedesco, portoghese

Amburgo: Pesanti scontri e saccheggi

6/7/8 luglio 2017

A volte è un piccolo caso a cambiare il corso delle cose. Prima nessunx l’avrebbe pensato, in quel momento men che mai lx protagonistx stessx. Ma forse sentivano che quel che stanno giusto facendo sta assumendo, chissà, una portata più vasta.

Se lx pochx attivistx al parco Arrivati nel Mercato dei Cavalli a San Pauli nel primo pomeriggio di venerdì avessero saputo cosa innescavano, l’avrebbero poi fatto lo stesso? Presumibilmente erano solo frustratx dall’infinita violenza della polizia, dalle continue vessazioni, dal continuo rumore degli elicotteri, questo rumore incessante che picchia sui nervi e s’imprime nella testa. Forse lx rappresentanti della stampa scandalistica hanno ragione con la loro retorica da guerra civile, ma così la distopia di una vera guerra civile nel Medio Oriente da guardare in diretta ci sembra del tutto temeraria, e semmai s’esprime con i rotori sempre crepitanti.
Ma non hanno ancora vissuto nessuna guerra civile.

Per tornare al Parco Arrivati, alla manifestazione continuata, intesa come luogo di ricreazione per lx attivistx: non può essere, perciò come sempre la polizia prepara i cannoni d’acqua. Giammai qualcunx deve poter riunirsi impunemente o addirittura senza essere in bella vista, ma è già il classico gesto di una situazione fuori controllo. Da giorni ormai aumenta la solita passerella politica che tuttx conosciamo ma in questo caso portata ai suoi estremi. Ieri gli sbirri hanno smantellato la manifestazione al Mercato del Pesce; caos, vetri rotti e bande aggiro senza fine n’erano la conseguenza. Ormai da quasi 24 ore si avvera la promessa dex autonomx organizzatx e dex attivistx in generale: paralizzeremo la città, attaccheremo ovunque, imprevedibili. Corrisponde l’esaurimento delle forze dell’ordine pubblico. La loro promessa è di proteggere il vertice. Per questo ci vogliono montagne di materiale e personale. Le loro forze non sono mai sufficienti per coprire l’intera area urbana. Questo si vedeva già da giovedì sera, ma ancora di più venerdì mattina. Qui gli sbirri calcolavano con molta gente alla fiera e si asserragliano nella loro roccaforte e non prevedevano che la gente avrebbe attaccato anche altrove. Impressionante il coraggio dex combattenti in mattinata, ancora più impressionante il loro numero della seconda ondata. Raramente l’accordo tra le varie forze funziona così bene come in questi giorni.

Ma ora qui, al parco Arrivati, altrx ancora procedono di nuovo contro la provocazione degli sbirri, osano, si mettono sulla strada, forse qualcunx lancia anche qualche bottiglia contro il cannone d’acqua, una banalità e del tutto insignificante in questo periodo. Gli sbirri rispondono come sempre, sgomberano la gente a getti da una strada comunque bloccata, aggiungono 2 cannonate in direzione demo, come piccola aggiunta per così dire. Ma alcunx sono anche qui, e spingono un container sulla strada, ed ecco ancora acqua, ancora manganelli. E da qualche parte sta la diretta RT.

In prima serata e totalmente esaustx da ore di combattimento arriviamo all’appartamento. Arriviamo direttamente dal riot, dobbiamo respirare un attimo. Guardiamo dalla finestra, il cannone d’acqua urla e spruzza, indistintamente, sux passanti. Qui c’è gente sul divano a guardare un livestream. Che mostra il Mercato dei  Cavalli, e alcune persone riversano container dell’immondizia sul Schulterblatt. Ci corichiamo brevemente e mangiamo. Dopo 30 minuti di sonno ci guardiamo il livestream: sul Schulterblatt la gente da diverse parti lancia delle bottiglie sugli sbirri, il cannone d’acqua spruzza in tutte le direzioni, il clima si surriscalda. Macché manifestazione, andiamo fuori per strada. Attorno a noi camminano dozzine, a ogni incrocio aumentano. Presto sono centinaia che camminano in direzione Schulterblatt. È l’assurdo il meta livello dei nostri tempi. Combatti, puoi guardare dalla finestra gente combattere, e tu come milioni in tv ti vedi combattere. Ecco perché centinaia, migliaia si stanno riversando sulla Schanze.

Lì, gente e fuoco sulla strada, inizia quel che in Germania non abbiamo ancora vissuto. Noi, natx giovani, non avevamo una tale esperienza. Nella Schanze cambia quel che chiamiamo politica, le nostre identità, azioni in qualcosa che al meglio potremmo descrivere come cospirazione pubblica. Non è l’insurrezione, ma ci manca poco. È una ribellione, una rivolta iniziata e difesa da quellx di “noi”, lx classicx attivistx che da giorni girano per la città. Ma quella ribellione è portata avanti da tuttx che erano attiratx dallo spettacolo e dall’autodeterminazione. Questa parte della società, a lungo abbandonata dalla stessa, attratta dalla promessa di poter combattere contro gli sbirri. Ed è quel che succede qui. Iniziato come protesta contro il G20 diventa una rivolta sociale contro i porci sbirri, diventa ribellione sociale. Alla luce del fuoco tutto è di nuovo possibile.

La sensazione dei riot, l’autodeterminazione vissuta per così tantx altrx. Non senza rotture, ma mai così vicino e reale come in questo momento.
Teniamo il Schulterblatt. La concomitanza di diversi fattori (difendere il concerto dei folli, troppo poche forze, a lor dire troppa gente sul tetto e sull’impalcatura, l’aumento della miscela tra “noi” e tuttx lx altrx fa si che questo quartiere è ingovernabile per ore.) Incontrollabile. Tempo per piccole figliole di procurarsi le bevande nel supermercato. È ora che alcunx compas tentano di arrivare fino alla cassetta dei soldi della cassa di risparmio. Ore che non abbiamo sfruttato al pieno.

Si scioglie quel “noi” e “quellx”. Non senza contraddizioni. Non perfettamente. Ma più forte e grande di quel che nella Germania di questi tempi osavamo mai sperare, sognare. Nella lotta per le barricate, nella condivisione dello spumante, in ogni caso per ora non c’è più differenza. Il disprezzo per le autorità si vede negli occhi di tuttx. Tuttx partecipano. Non devi correre per dei mesi a qualche plenum per concordare questo o quest’altro da poi bocciare di nuovo. Devi solo guardare il telefono o la tv, venire e partecipare.

Questo momento è la cosa grande ad Amburgo. In questo momento l’incontro dei folli non trova più nessuna considerazione. Si tratta del conflitto sociale che si manifesta apertamente. Si sfoga la rabbia accumulata contro gli sbirri, accumulata da sempre più grandi parti della popolazione, nutrita da una intera vita, attizzata per una settimana. L’impoverimento. Il sentimento, no, la coscienza che questa società non ha più nulla da offrire. Che ci dobbiamo prendere quel che ci appartiene comunque.
Il supermercato offre. A tuttx tutto, tutto a tuttx!

Anche se per qualche ora ne abbiamo avuto l’impressione, non era ancora l’insurrezione. Per questo il nostro procedere era troppo a casaccio, troppo dipendente dal caso in ogni dove. Non voluta da tuttx. Carx lettrix, la gran parte non è pronta per l’insurrezione. Troppa paura dalla propria coerenza, come notiamo in tanta gente. Va bene. La paura ne fa parte. Speriamo che un giorno avrete più coraggio che paura.

E ne abbiamo di cose da imparare. Suddividere meglio le nostre forze. Pensare più strategicamente se vogliamo davvero difendere un territorio. Allargare il terreno, sfruttare il potenziale dell’assembramento. Ci sembra assurdo se ora c’è gente che si lamenta che nella Schanze si scandivano degli slogan sessisti. Come se non lo fossimo, anche se affermiamo il contrario, e lo tentiamo anche. Il resto della gente lo è ancor di meno. Ma siamo liberx di discutere, di lamentarci, d’intervenire e di agire. Non possiamo aspettarci che delle persone in una tal situazione siano “perfettx rivoluzionarix”.

Ma possiamo spiegare che gli sbirri non sono dei “fighi”, o addirittura per questo delle merde, ma merde perché poliziottx. Possiamo spiegare e l’abbiamo fatto che le bottiglie non dovrebbero essere gettate da sessanta metri, ma che la gente si deve avvicinare, sennò ci feriamo a vicenda. Quasi tuttx lo hanno capito direttamente. Ecco perché incredibilmente tanta gente lanciava bottiglie, così che siamo addirittura disposti a sentirle spaccarsi quasi sopra le nostre teste. La prossima volta con il casco, no?

Quanto ridevamo quando lx vecchx ci raccontavano che nel saccheggio per primo si rompono i superalcolici. Inimmaginabile. Oggi la sappiamo meglio, la prossima volta non ci sarà che birra e spumante e non più straubriachx che lanciano degli estintori nelle barricate in fiamme.

Abbiamo poca esperienza, dobbiamo migliorarci. Costruire la barricata 3 metri davanti alla vecchia auto dex abitanti, non accanto. Questo più tardi può fare la differenza tra simpatia e rifiuto. Continueremo a non dare fuoco agli edifici abitati e di bloccarlo subito se in grado.

Ma il saccheggio ci fu quasi esclusivamente nelle catene, i negozi che si solidarizzavano con le proteste furono salvati e difesi senza eccezione. Non possiamo che essere d’accordo con lx amicx di Crimethinc: “Next time people open up a police-free zone, let’s fill it with the lives we all deserve.”
Ed ai cani che abbaiano: „Some have criticized the rioters who barricated the Schanze district and drove out the police for hours as being “apolitical,” engaging in “mindless chaos.” On the contrary, nothing is more political than creating such a space like this, in which we may once again become the protagonists of our own social and political lives rather than letting the authorities impose their order on us.„

La prossima volta diventiamo migliori. Fare esperienza, fallire, riflettere, provare di nuovo, fallire meglio. Già questa volta era già mica male.

Andiamo a casa. Per strada un’edicola, birra. Una centuria di sbirri bavaresi si ferma ad un incrocio. Disorientati, sfiniti. E tutto l’incrocio urla: “Tutt’Amburgo odia la polizia”. Questa unità del solito non permetterebbe neanche un piccolo insulto.

Qui tuttx lanciano tappi, tabacco, mondezza. Gente che si mette davanti agli sbirri, li insulta: fuori dai piedi, tornate a Bamberg. Gli sbirri si ritirano, da qualche altra parte, da qualche parte diceva il loro capo sta giusto bruciando di più. Chi ci sta seduto vicino ci spiega che parla cinque lingue ma che qui non era mica il benvenuto. Ora ci mostra il suo video-telefonino, lui che lancia bottiglie…

Brindiamo e lo lasciamo con l’indicazione di coprirsi sempre bene il viso.
Alzarsi, sperimentare, fallire. Riflettere, rialzarsi, provarci, fallire meglio.
Questa volta era già mica male. Fino alla prossima!

Lx amicx invisibili

Fonte: Linksunten

Ratekau, Germania: Bruciata auto della polizia

6 luglio 2017

Ecco un’ambasciata ai potenti di questo mondo ed ai loro falsi aiutanti. La vostra sete di profitto v’induce a sfruttare le persone, derubarle della loro libertà o ad ammazzarle.

Nel quadro delle proteste contro il vertice dei potenti ad Amburgo avete attaccato di nuovo: vi opponete alle proprie leggi e regole, riscrivete le regole del gioco e sotto il pretesto di una presunta sicurezza tentate di difendere la ricchezza dex singolx. Siete voi che create un mondo dove il capitalismo può fiorire. Chi perde è chi soccombe nella corsa alla prestazione, al successo e alla concorrenza a beneficio del capitalismo.

Le varie azioni creative e militanti dei mesi passati ci danno forza, confermano la resistenza contro il vostro procedere disumano e senza scrupoli. Avete paura che poche migliaia di persone possano paralizzare il vostro apparato di potere, fosse anche per pochi giorni. Sapendo che il vostro dominio finisce dove inizia la nostra rivolta, la vostra paura non è infondata. Ed esattamente per questo tentate di criminalizzare con ogni mezzo a vostra disposizione la variegata protesta prevista contro il vertice dei potenti.

Chi crede che i potenti del mondo ci tratteranno mai equamente mentisce a se stessx. Noi sappiamo chi siete e che cosa fate – nei prossimi giorni presenterete al pubblico in modo impressionante e senza badare a perdite il vostro monopolio della violenza. Ma il fuoco della ribellione si diffonde. Con ogni colpo contro unx dex nostrx amicx, ogni fermo o, alla vigilia, colpo repressivo ax attivistx riattizzeremo il fuoco e contrattaccheremo pienx di rabbia l’esistente.

Nelle prime ore della mattina abbiamo riattizzato il fuoco. Una Mercedes Vito parcheggiata davanti al posto di polizia operativo a Ratekau nel circondario Ostholstein è totalmente bruciata. È un piccolo contributo per contrapporre qualcosa ai servi dei potenti. Gli sbirri nella stazione non subivano alcun rischio oppure ferita. Ben consci che questo è solo una parte irrilevante della rivolta contro i potenti, ci rallegra a maggior ragione che nella stessa notte ci fu un attacco riuscito a un posto degli sbirri ad Ammersbek nel circondario Stormarn.
Libertà per tuttx lx prigionierx politicx!

#NoG20                                                                   #WelcomeToHell

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH