Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Contra Info: Rete di traduzioni di contro-informazione

Contra Info è un nodo internazionale multilingue di contro-informazione e traduzione, una struttura gestita da anarchici, anti-autoritari e libertari attivi in diverse parti del mondo. Leggi tutto »

Lille, Francia: I distributori di cinque banche e una mazza – 18 e 19 giugno 2018

Dopo il commissariato di Vauban, piazza Philippe-de-Girard, ridipinto il 13 giugno (con un tag «Avete le mani sporche di sangue»), altri tag sono spuntati il 18 giugno a Lille sull’edificio di Scienze politiche e la Porte de Roubaix, per Selom e Matisse, due giovani morti il 15 dicembre scorso a Lille dopo una collisione con un treno regionale…

Ma si noti anche che il 19 giugno, e non c’è necessariamente un legame, i bancomat di cinque banche sono stati spaccati in via du Faubourg-de-Roubaix, accanto c’erano delle A cerchiate, e un tag che diceva «Né Dio né padrone né banchiere».

Berlino: Vernice a edizioni Junge Freiheit

25 maggio 2018

La notte scorsa l’edificio delle edizioni della Junge Freiheit (nuova destra) fu marcata coprendo di vernice rossa l’area d’entrata insieme alla porta e alla facciata frontale.

Junge Freiheit scrive concretamente per l’ambito della Nuova Destra e anche se si presentano in come borghesi e apparentemente intellettuali si servono della stessa visione del mondo regressiva dex nazi convenzionali.

Inoltre sono strettamente legati alla AfD. Quando questa il 27 maggio  pianifica una grande sfilata a Berlino, mostriamo che loro stessx e chi vi si collega pagherà. Scendete nella strada!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Monaco di Baviera: Molotov a vetture dell’azienda municipale di Monaco

24 maggio 2018

Alcune molotov lanciate sulle vetture della municipalizzata di Monaco parcheggiate dall’altra parte del muro purtroppo non riuscirono a provocare un danno maggiore. Un vicino chiamava i pompieri che riuscirono a spegnere il fuoco prima che distruggesse le vetture.

Berlino: Vernice a biblioteca del conservatorismo (bdc)

24 maggio 2018

Tre giorni prima dell’annunciata sfilata AfD, la “biblioteca del conservatorismo” nella Fasanenstraße a Charlottenburg fu di nuovo imbrattata. Era giusto stata pulita dopo una visita alla vernice l’8 marzo, la giornata di lotta delle donne.

La bdc dopo l’ultimo incidente si permette una “City-Control” Security con tanto di chiave dell’edificio e fermate prolungate davanti allo stabile. Ma non poterono impedire che la parte posteriore e l’ala laterale della biblioteca nel cortile oggi (o ieri? Chi lo sa…) furono imbrattate vastamente con la vernice.

A valore simbolico non tanto alto perché lx passanti non possono vedere il risultato, ma comunque speriamo che costerà ax destrx un bel po di lavoro e soldi per la pulizia.

Retroscena dell’immobile: antifa-Berlino.info
Abortire la bdc!
AfD nella Spree!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Berlino: Vetri rotti presso “Lavoro e Consulenza”

24 maggio 2018

Nessun giorno senza azione anti-AfD a Berlino prima della sfilata di questo stronzissimo partito. Dopo lunedì (Friedrichshain / Pankow) arrivò martedì (Lichtenberg / censurato da Indy) e, ora, la notte passata evidentemente è stato attaccato l’ufficio di Andreas Wild vale a dire della sua ditta “Lavoro e Consulenza” nella Möllendorffstraße a Lichtenberg.

Dopo i tanti attacchi, il politico AfD Andreas Wild dovrebbe già essere ben abituato a vedere la ragnatela nella facciata di vetro della sua bottega. Il vicinato è arrabbiato dal 2016 vale a dire da quando la bottega è arrivata in loco. La società cittadina per l’edilizia residenziale HOWOGE non ha nessun problema con l’inquilino Wild. Così qui contro i tipi razzisti e omofobi nel quartiere si rimedia da solx.

Andreas Wild è colui che esorta al sostegno berlinese di Bernd Höcke. Per ultimo organizzava addirittura dei pullman per la comparsa di Höcke con Pegida il 14 maggio. Escluso dalla frazione parlamentare AfD, continua imperterrito con la sua rotta di destra aggressiva.
Wild è la personalizzazione dell’ideologia AfD: Con sua moglie Daniela (pure membro AfD e co-gestrice di “Lavoro e Consulenza”) ha 7 bambinx e gestisce un’agenzia di collocamento che va a gonfie vele (naturalmente lavoro in affitto, che dal ufficio di collocamento è remunerato con premi dipendenti dal successo), dal 2016 siede nel parlamento di Berlino, è direttore della AfD di Steglitz, sostiene Pegida e le campagne elettorali AfD in altre regioni federali con delle vetture, con degli impianti stereo e del personale…

Nella campagna elettorale 2016 tuttx potevano vedere quanto odia lx musulmanx e lx profughx. Tutto quel che non corrisponde alla sua idea di famiglia patriarcale, lui nel parlamento la settimana scorsa lo definiva come “degenerazione della vita umana”. Ma non è inattaccabile neanche questo esemplare di uomo infinitamente privilegiato dalle condizioni e che non tollera nulla di diverso.

Attaccare il patriarcato! Impedire la grande sfilata AfD!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Berlino: Danneggiata sede AfD

22 maggio 2018

Domenica prossima Berlino si concede una grande sfilata AfD.

S’incita al “Caos invece che AfD”. Per riscaldare noi stessx e lx volgari seguaci di AfD, nella notte al 22 maggio abbiamo attaccato l’ufficio del collegio elettorale AfD Pankow a Blankenburg (Alt-Blankenburg 12 A).

Non c’è retroterra tranquillo!
Creativx e irragionevoli contro la sfilata AfD del 27 maggio!
Fare della loro vita un inferno!
Caos invece che AfD!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Essen, Germania: Vernice e pietre a centrale distrettuale CDU

17 maggio 2018

Nella notte dal 16 al 17 maggio abbiamo visitato la centrale CDU di Essen. Le pietre e la vernice trovarono il loro bersaglio!

Poco meno di 25 anni fa a Solingen i nazi incendiarono una casa perché abitata da migranti turchx con lx loro bambinx; morirono cinque persone. Non è l’unico attentato. Ha una storia e un seguito ed è collocato in un contesto sociale. L’attentato di Solingen era preceduto da altri attentati, come quello di Mölln nel 1992, dove morivano altre persone. I tempi prima degli anni 1990 erano caratterizzati dalla mania per una Grande Germania e dall’aizzamento razzista perorati anzitutto dai media e dalla politica. Quest’ulteriore aizzamento sfociava nei pogrom di Rostock. La CDU fomentava l’aizzamento razzista e alla fine raggiunse un suo obiettivo importante: Pochi giorni prima dell’attentato incendiario il diritto all’asilo fu praticamente abolito. Dopo l’attentato di Solingen l’ondata razzista sembrava lentamente calmarsi. Gruppi nazi troppo offensivi furono vietati e ci si riabituava a una retorica un po’ più umana. Ma la politica razzista rimane collegata indissolubilmente alla CDU sia nelle campagne elettorali sia, peggio ancora, nelle legiferazioni. La CDU non conosce limiti, così anche qui nel Nord Reno Vestfalia (NRW) si accarezza la proposta del ministro degli interni CSU Seehofer per i Centri Ancora. In questi centri d’internamento, lx profughx dovrebbero essere privatix di ogni diritto ed attendere la loro espulsione.

Vi vediamo il passaggio fluido dalla politica razzista a quella autoritaria poiché anche oltre che su questo campo, la CDU purtroppo non è affatto pigra. Nel solco della CSU bavarese, il governo CDU/FDP sta giusto preparando una legge di polizia molto simile che dovrebbe estendere massicciamente le competenze degli sbirri. La mano autoritaria si vede per esempio anche nella manifestazione autonoma per il 1° maggio a Wuppertal, impedita dagli sbirri su ordine del governo regionale. La manifestazione anno dopo anno aveva realizzato che si svolgesse senza autorizzazione, ed ecco che adesso questo fatto è sotto attacco. Speriamo tanto che l’ultima parola per lx nostrx amicx di Wuppertal non sia ancora detta e lx salutiamo con la nostra azione : Non fatevi mettere sotto! Non perdetevi d’animo!
Attaccare il razzismo e la politica autoritaria!

Fonte: Indymedia (Tor), ausdemherzenderfestung.noblogs.org

Tradeuzione dal tedesco mc

[Oaxaca] Miguel Peralta : Dichiarazione solidale con i/le prigionier* anarchic* di lunga durata

11 juin : Giornata internazionale di solidarietà con tutt* i/le prigionier* anarchic* di lunga durata

Dichiarazione solidale di Miguel Peralta Betanzos (Prigioniero dell’Assemblea Comunitaria di Eloxochitlán di Flores Magón, Oaxaca, Messico)

Saluti a tutt* i/le compas che permettono di trasmettere queste parole sincere.

Non è per niente facile accennare a queste due parole, LUNGA PENA, quando sappiamo già che i loro sistemi di giustizia e penitenziario non servono a nulla; il sistema giudiziario e le persone pericolose che nascondono il viso dietro la bilancia, avidi di carne da rinchiudere, prendono tempo e fabbricano espedienti polverosi per la giustizia, basandosi ogni volta su criteri personali, morali e su comando, per condannare i/le compagn* che sono in lotta contro l’ordine costituito.

Allo stesso modo, è abbastanza complicato assimilare il tempo quando ci si trova in isolamento, e non possiamo soltanto smettere di vivere guardando i giorni, i mesi, gli anni scorrere sul calendario, e sopportare l’umiliazione, combattere le paure generate dalla prigione, le malattie che contraiamo col passare dei giorni, e cercare alternative, improvvisare la resistenza per non ritrovarsi a farsi mettere«i piedi in testa» tutti i giorni, anche questo è un compito difficile.

La risposta a quello che ci viene imposto potrebbe essere una maggiore resistenza, una lunga lotta, anche se a volte non abbiamo più forze. Credo che il nostro spirito resisterà e resterà combattivo, comme battono i nostri cuori rabbiosi, desiderosi di camminare, liberi! Un giorno riusciremo a strappar loro le notti e giorni che ci hanno rubato, compañer@s.

I/Le prigionier* in strada!
Abbasso i muri di tutte le prigioni!

San Juan Bautista Cuicatlan, Oaxaca

Traduzione dell’Audio di Miguel, qui in spagnolo.

Miguel Ángel Peralta Betanzos è un giovane indigeno mazateco, anarchico e membro dell’Assemblea Comunitaria di Eloxochitlán di Flores Magón, Oaxaca. Giovedì 30 aprile 2015, verso le 17h30, Miguel Ángel Peralta Betanzos è stato arrestato nel centro di Messico.

Eloxochitlán di Flores Magón è la culla dell’anarchico messicano Ricardo Flores Magón. Si tratta di un comune di circa cinquemila abitanti che si trova nella regione chiamata Cañada, nello stato d’Oaxaca. Come i due terzi dei comuni dello stato d’Oaxaca, è gestita dal sistemi di usi e costumi o sistema normativo delle comunità indigene. A differenza di altri comuni dello stato d’Oaxaca, a Eloxochitlán anche le donne partecipano al processo decisionale.

Bremgarten, Svizzera: Aggiornamento sull’operazione repressiva del 29/5/18

31 maggio 2018

Martedì mattina (29/5/2018) alle ore 6:00 ci fu un’operazione di polizia coordinata in varie paesi d’Europa connessa agli eventi attorno al vertice G20 di giugno passato ad Amburgo. In Svizzera – di quanto ne sappiamo – ci furono tre interventi contemporanei.

Alla ricerca di un reo sospetto a Bremgarten Argovia ci furono razzie nel centro culturale Bremgarten (KuZeB) e in una casa privata; nel contempo perquisivano anche una casa vicino a Winterthur, dove presero la persona ricercata. Nel corso della razzia furono arrestate altre tre persone, una per mancanza di un permesso di soggiorno, le altre due, pare, per essere ricercate dalla polizia per altre accuse. Queste ultime due oggi sono state portate davanti alla procura di Zurigo e fu richiesta la carcerazione preventiva. Il tribunale degli arresti deciderà nei prossimi giorni e fino alla decisione rimarranno nella prigione provvisoria di polizia a Zurigo. Pure oggi, la polizia ha consegnato all’autorità di migrazione la terza persona che poco dopo fu rilasciata con un ordine penale per violazione del diritto di soggiorno. Anche la persona originariamente ricercata si ritrova di nuovo a piede libero. In base a una richiesta di rogatoria di Amburgo fu portata davanti alla procura di Baden Argovia e rilasciata dopo un breve interrogatorio.

L’operazione in grande stile era sicuramente pianificata da lungo tempo: come cooperazione tra la polizia di Amburgo, dell’autorità di giustizia europea Eurojust e della polizia dei rispettivi paesi. In Svizzera parteciparono le polizie cantonali Argovia e Zurigo, dirette e coordinate dalla polizia federale Fedpol. In tutto operarono circa 150 sbirri – incluso un centro operativo mobile per le telecomunicazioni. C’era anche il commando speciale Argus che assaltava la casa privata a Bremgarten ed ha messo le manette e bende agli occhi a tuttx lx abitanti. Nel contempo si sono procurati accesso al KuZeB circa 60 sbirri in gran parte incappucciati, rompendo tutte le porte e potendo agire indisturbati per quasi un’ora prima che arrivasse una persona interlocutrice o unx utente del centro culturale. Finalmente hanno confiscato e portato via due rimorchi pieni di oggetti vari.

Non si tratta di denunciare quest’operazione di polizia come “spropositata”, poiché ogni intervento di polizia è di troppo! Ma pare evidente che fu utilizzato un pretesto per fare un’esercitazione massiccia e mediaticamente gonfiata ad arte per dimostrare apparente forza e per terrorizzarci.
Se le persone coinvolte sono “colpevoli” o meno non ci interessa. La nostra solidarietà non conosce logica statale e vale per tuttx lx accusatx del G20.

Abbasso lo Stato! Sbirri di merda!

Traduzione dal tedesco mc

Winterthur, Svizzera: Stress sbirresco ed arresti nella regione di Winterthur

29 maggio 2018

Oggi martedì 29 maggio 18 attorno alle ore 6:00 la polizia in base a un ordine di comparazione contro una persona fece irruzione in una casa vicino a Winterthur. La persona ricercata è stata arrestata dalla polizia. Durante la perquisizione furono arrestate altre tre persone. Due compas erano sulla lista di ricerca della polizia e un altro compa fu portato via per mancante diritto di soggiorno in Svizzera. I 4 compas di lotta furono portati via dalla polizia e per ora non abbiamo ulteriori informazioni.

Non lasciamo soli gli arrestati!
Per un mondo senza galere!
Sbirri di merda

Bremgarten, Svizzera: Perquisizioni nell’Argoviese dopo le proteste G20

30 maggio 2018

Ieri martedì ci furono delle perquisizioni nel KuZeB a Bremgarten e in un’abitazione privata. Dovrebbero essere connesse alle proteste contro il vertice G20 nel 2017 ad Amburgo. Anche in altri paesi europei ci furono delle perquisizioni contemporanee.

Si tratta di un’altra ondata di misure repressive dopo le proteste contro il vertice G20 del 2017 ad Amburgo. Si deve, di conseguenza, presumere che in futuro ci potrebbero essere altre perquisizioni – anche in Svizzera.
Perciò metti in ordine casa tua!

Anzitutto se l’estate scorsa sei statx ad Amburgo. Tieni presente che la polizia può sfruttare anche dei ritrovamenti casuali. Significa che la polizia può usare anche cose che non hanno a che fare con il G20. In base a questi ritrovamenti casuali possono iniziare altri procedimenti. Dunque, non tenere in casa nulla che potrebbe avere conseguenze giuridiche oppure che dà indicazioni sul tuo impegno politico.

Nel caso di perquisizione:
Tentare di rimanere calmx.
Chiedi un ordine di perquisizione e assicurati che la polizia perquisisca solo i locali ivi specificati (per esempio la tua camera oppure tutte le camere alle quali hai accesso).
Avvallati anche in una perquisizione del tuo diritto di rifiutare ogni dichiarazione. Parla solo il minimo necessario con la polizia e per il resto evita ogni dialogo o discussione.
La polizia può sequestrare degli oggetti che ritiene possibile elemento probatorio. Gli oggetti personali (per esempio telefonino, laptop, agenda, indirizzari) puoi farli sigillare. Le autorità penali allora non possono né visionare né usare questi oggetti. Decide un tribunale se eventualmente si possono  togliere i sigilli (ma vuole dire anche che potrebbero esserti restituiti più tardi). Saranno eventualmente anzitutto molto interessati al tuo telefonino e computer ma non sei obbligatx di permettere l’accesso o di consegnarne le password alla polizia.

Sarà stilato un verbale di perquisizione con un elenco degli oggetti sequestrati. Puoi rifiutare di firmare il verbale. Ma in ogni caso chiedi una copia.
In seguito scrivi un verbale di quel che ricordi del corso della perquisizione.
Se hai una perquisizione oppure se hai delle domande, rivolgiti a noi. Tenteremo di coordinare il procedere nel caso di repressioni in Svizzera e se necessario assicurare la comunicazione con le strutture di sostegno legale ad Amburgo.

Saluti solidali

Antirep Bern – info@antirep-bern.ch

Traduzione dal tedesco mc

Lipsia, Germania: Incendiata orditura di nuova costruzione

17 maggio 2018

Nella notte a giovedì 17 maggio abbiamo incendiato la nuova costruzione dei poderi Thalysia dando fuoco con degli ordigni incendiari a due delle orditure.
La rivalutazione del sud di Lipsia avanza da anni. Notammo preoccupatx i progetti di costruzione come per i poderi Thalysia, la residenza per studentx benestanti “StayToo” nella Karl-Liebknechtstrasse e negli ultimi anni anche la ben visibile ondata di risanamento in tutta Connenwitz.

L’insorgere di altro spazio residenziale per salari più alti non riesce affatto a calmare il mercato della casa, al contrario si rileva che i costi per abitare a Connewitz sono aumentati estremamente negli ultimi anni, non malgrado ma POICHÉ è in atto una rivalutazione del quartiere e si offre spazio residenziale a una clientela benestante.

Qui salutiamo tuttx lx abitanti del quartiere che con i fatti si difendono dalla gentrificazione, sia con i getti di uova con la vernice alle case risanate, di passeggiate di quartiere con gli spray o passando alla fiamma auto della classe alta.

Vorremo anche richiamare l’attenzione sulla minaccia acuta di sgombero del Black Triangle. Se gli sbirri oseranno attaccare i nostri progetti, avvisiamo che diventeranno notti d’intervento intenso per i vigili del fuoco di Lipsia.

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

[Italia]: È uscito il numero 7 della rivista “I giorni e le notti”

INDICE

– Editoriale
– Quel grumo di buio. Note sulla mobilitazione reazionaria in corso
– Un inammissibile frammento di abisso
– Quel punto di luce. Note sui GAP
– …Ancora con lo sguardo del lupo
– Su misura. Per farla finita con la messa a misura del mondo
– A colpi di randello

DALLA QUARTA DI COPERTINA

Un problema non da poco resta quello delle priorità che si deve porre chi vuole rivoluzionare questo mondo. Se non c’è dubbio che l’artificializzazione e la robotizzazione della vita siano la tendenza dell’epoca in cui viviamo, il diffondersi della peste nazionalista e razzista ci dice con urgenza che la guerra civile fra poveri è tutt’altro che un’anticaglia del passato. La società è talmente gravida di contraddizioni e di brutalità latente, che nessuno può dire con certezza se ad esplodere sarà prima la bomba tecnologica o quella “etnica”. Tra l’altro, fra le due tendenze c’è un’abietta coerenza, se già Adorno definiva il fascismo come «barbarie tecnicamente equipaggiata». Quali pronostici fare su un’umanità che produce contemporaneamente l’Intelligenza Artificiale, i droni e i kamikaze jihadisti? D’altronde, il dominio si serve senza imbarazzo di tutti gli strumenti che la sua storia gli mette a disposizione. Le analisi rivelano sempre, insieme al mondo che cerchiamo di conoscere al fine di trasformarlo, chi siamo. Se il presente ci sembra fosco; se quello cui plaudono tanti nostri contemporanei ci sembra semplicemente disumano, non disperiamo su quello che possono intraprendere i piccoli gruppi rivoluzionari e su ciò che può nascere dalle rotture con l’ordine costituito. Non si tratta di certezze teoriche, ma di ragioni di vita, senza le quali a poco servono idee, tecniche e metodi.

Costo per copia 3 euro.
Per i distributori 2 euro dalle tre o più copie.
Per scriverci e richiedere copie: I giorni e le notti c/o Circolo Anarchico “Nave dei folli” Via Santa Maria, 35, 38068 Rovereto (TN).

rivistaigiornielenotti@autistici.org

Per il pagamento delle copie utilizzare il numero postepay:

5333-1710-0243-8949 intestato a Luca Dolce.

Marbach, Germania: Vernice a monumento al soldato

3 maggio 2018

In occasione dell’anniversario della disfatta definitiva della Wehrmacht tedesca abbiamo colorato il monumento al soldato di Marbach. Il monumento glorifica la morte per la patria ed è un avanzo della dittatura nazi. Noi diciamo via con questa merda e ci rallegra di aver dato un piccolo contributo alla denazificazione del volto della città.

Storicx criticx

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Amburgo: Vernice a studio d’architettura Hyden e Hidde

11 maggio 2018

Il livello di rivalutazione dei nostri quartieri ha assunto dimensioni orrende. A nessunx è potuto sfuggire che la ristrutturazione e l’espulsione d’interi quartieri era così veloce che entro pochi anni i propri vicinati sono diventati irriconoscibili. Case vecchie sono ristrutturate di lusso oppure subito rase al suolo. Le strutture sociali sono lacerate e si caga sul vicinato che dura da anni. Un quartiere vivo lontano dalla logica di sfruttamento capitalista offre il tentativo di una parallela alla metodica d’oppressione schiavista dei padroni. Può essere così alla base di un processo emancipatorio. Non per ultimo per questo, i padroni hanno l’interesse di sottrarre la base a questo tentativo. Persone che non si conoscono più e abitano anonimamente divise da 20 cm di cemento è poco probabile che solidarizzino, emancipino o addirittura si radicalizzino. Le cose in comune vengono poco a poco a mancare. Rimane un quartiere dove la gente salariata s’accontenta del nuovo schermo piatto e non si cura più delle questioni e delle preoccupazioni della persona che abita dietro la porta di fronte. La città dei ricchi implica automaticamente l’isolamento individuale. Isola i sentimenti e le emozioni e tenta di sostituirle con appositi luoghi ed eventi. Un buon esempio n’è la Rindermarkthalle a St.Pauli. Dove yuppie e la prole dex ricchx può fare la spesa ed essere parte di un tutt’uno. La sabbia appositamente sparsa offre già un meraviglioso feeling da spiaggia nel cuore di St. Pauli. Il processo di gentrificazione nella Schanze è quasi terminato. Un grande progetto segue l’altro e gli affitti sono aumentati tanto da arrivare al massimo dell’assurdo. Gli sviluppi di quartieri smart tipo la city portuale servono da cianografia e laboratori sperimentali del concetto della città dex ricchx. Sono concepite di modo che ogni anche minuscola opposizione è sorvegliata e subito punita. Case ben in vista, niente angoli e strade spaziose affinché ogni mezzo degli sbirri possa inseguire più comodamente possibile eventuali sobillatrici e sobillatori. Un clima come in un centro commerciale di domenica. Con offerte carine e campi gioco di lusso vogliono creare un clima familiare e cordiale. Ma la convivenza che cancellano in altri luoghi non si può ricostruire artificialmente. Poiché la logica dei ricconi di questa città non ci appartiene. Le nostre spiagge sono le strade sporche ed i vicoli lerci. I cortili oscuri e le vecchie panchine nel parco sono il nostro mare e le nostre sedie a sdraio.

Con gioia ci ricordiamo perciò le eccezioni dove il silenzio fu infranto e ci si appropriava perlomeno di un attimo di libertà. Non dimentichiamo il 2014 dove un gruppo ha osato il tentativo di difesa militante di una casa appena occupata. Con sassi, estintori, lavandini, pirotecnici e vernice provocarono ai porci un’ora scomoda e di sorprendente forza. In tempi di repressione esagerata, di diffusione di paura e di impotenza, questo atto era una splendida espressione di rabbia e anche quattro anni dopo merita di essere onorata.
I porci responsabili della distruzione del nostro spazio vitale non stanno solo nella politica o nelle caserme degli sbirri ma si trovano dappertutto. Per es. gli intermediari, i proprietari, gli speculatori, le imprese di demolizioni ed edili e, appunto, anche gli architetti.

Così giovedì notte andammo alla casa dove l’architetto Sven Hidde ha la propria sede. È incaricato del design dell’edificio di lusso, al quale la casa occupata nella Breitenstraße dovette cedere il posto. Lo studio d’architettura Hyden e Hidde è, tra l’altro, responsabile per molte altre costruzioni yuppie ed era presente con 73 case a una fiera (?IBA) severamente criticata. Già nel 2014 fu colpito lo stesso ufficio. Ora abbiamo raddoppiato e visitammo lo stabile con un estintore a colore come minimo gesto contro le condizioni in questa città e come messaggio di saluto a Berlino per le giornate caos e discussione.

Una città solidale ha bisogno di tante buone idee e tante tendenze con persone ben organizzate e arrabbiate. Non possiamo mai finire di occuparci della nostra stessa emancipazione, ampliando e sviluppando l’idea di una società libertaria ed antiautoritaria. Anche la nostra presenza come persone che si pretendono libertarie è direttamente legata al contesto della lotta contro la città dex ricchx. Salutiamo lx amicx compas a Berlino che in questi giorni celebrano le giornate caos e discussione. Lo consideriamo come bel contro-programma all’anniversario portuale edonistico di questi giorni ad Amburgo e speriamo che anche da Amburgo alcune persone trovino la strada per Berlino, discutano e procurino il caos invece di avviarsi al bancone del bar.

Saluti solidali: Viva la Berni! Kogge rimane! Difendere il Black Triangle!
Amore e forza ad Isa, Michael e Nero che sono in prigione per il loro atteggiamento rivoltoso, come anche ax altrx prigionierx.
Contro la città dex ricchx!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Wuppertal, Germania: Pietre all’immobiliare “Von Poll”

10 maggio 2018

Nella notte da lunedì a martedì abbiamo spaccato i vetri dell’intero fronte in vetro della filiale di Wuppertal dell’impresa immobiliare di punta “Von Poll” nella Friedrich-Ebert-Straße nel quartiere chic Luisen.

Von Poll è una delle più grandi imprese intermediarie di punta in Germania con più di 200 filiali in quasi tutte le grandi città tedesche e con più di 700 impiegatx. Come partner esclusivo di Christie’s International Real Estate, il settore intermediario della rinomata casa d’asta, Von Poll si concentra sull’affare lucrativo con gli immobili di lusso nelle zone residenziali e commerciali nei rispettivi quartieri delle grandi città tedesche. Von Poll e altre imprese intermediarie lucrano sulla rivalutazione degli spazi residenziali. Questa rivalutazione va di pari passo con l’espulsione di chi ha un salario basso, non può più permettersi gli affitti, deve sloggiare oppure subisce uno sfratto coatto. Il tutto sulla pelle di chi alfine diventa o è già senzatetto.

Intendiamo la visita notturna a Wuppertal come contributo solidale alla lotta contro gli affari lucrativi con la gentrificazione e ci aggreghiamo – come già altrx attivistx negli anni passati – alla rivendicazione del 17 marzo 2015 a Francoforte al Meno: “Con la nostra azione piccola ma chiara invitiamo all’attacco offensivo contro la politica di rivalutazione e d’espulsione nelle metropoli europee. Trasformiamo le nostre città in capitale a rischio tirando il “freno allo sfruttamento” dal basso!”

Non abbiamo bisogno di case di lusso bensì di spazio abitativo per tuttx!
Per una città ribelle!

#1°maggio autonomo? Che cosa sennò!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Amburgo: Pietre a sedi CDU e Allianz

10 maggio 2018

Nella notte dal 9 al 10 maggio spaccammo a sassate le finestre della sede CDU e dell’ufficio Allianz ad Amburgo/Sasel.
In commemorazione di Sihit Avasin Tekosin (Ivana Hoffman), un’internazionalista che cadde combattendo contro l’IS a Rojava il 7 marzo 2015.

Le ragioni sono la politica disumana della CDU, il suo sostegno con forniture d’armi e rapporti diplomatici alla dittatura turca nella guerra disumana contro Afrin e contro le persone che ci vivevano. E il sostegno finanziario di Allianz a questa guerra condotta in violazione del diritto internazionale.
Non accetteremo la guerra contro Afrin/Rojava come normalità!

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Lille, Francia: Il commissariato di quartiere ha preso colore!

All Colors Are Beautiful
Azione locale per un disordine globale

Lille, il 13 giugno 2018

La mattina del 13 giugno 2018, gli/le abitanti del quartiere Vauban hanno trovato la facciata dell’edificio dei/lle loro guardian* della pace ridipinta di diversi colori, e la scritta «le vostre mani sono sporche di sangue»; «secondo avvertimento».

Queste persone potrebbero chiedersi, legittimamente: Perché il commissariato di rue Lavoisier è stato ridipinto?

Ma la vera domanda che questo gesto vuole porre è piuttosto: perché ci sono persone che muoiono sotto i colpi della polizia? Perché Sélom, perché Matisse a Fives nel dicembre 2017? Perché Maxime, studente di Lille mutilato alla ZAD di Notre-Dame-des-Landes nel maggio 2018 ? Perché tutt* gli/le altri*, perché questo numero incalcolabile di vittime della polizia?

Sembra trattarsi di una problematica di territorio e di Stato di diritto. Il concetto di Stato è una visione del mondo, un modo di fare. L’unico strumento per farci mandar giù questa definizione è la repressione. Ed è uno strumento che suona falso: si tratta di violenza pure e semplice, simbolica e fisica.

Perché la violenza è generalizzata, sistemica (cioè inclusa e accettata nel sistema neo-liberale che ci circonda) e a volte, a seconda del contesto, sistematica.

→ Il contesto che ha messo fine ai giorni di due giovani abitanti di un quartiere popolare super-controllato.
→ Il contesto che ha mutilato uno studente che difendeva un luogo di sperimentazione collettiva, incarnato nella ZAD.
→ Il contesto che impedisce agli/lle esiliat*, i/le migranti e i/le sans papiers, a Calais, di vivere come preferiscono perché la loro situazione viene giudicata irregolare.

Questa violenza, sempre legittima, a sentire Gérard Collomb, può toccare chiunque, in qualsiasi momento. Ma l’accento viene messo anche sui e sulle emarginat*. Chi è già Al margine (En Marge) e fa fatica a integrarsi a un sistema che li opprime quotidianamente. Chi rifiuta di mettersi In Marcia (NdT : En Marche è il partito politico del presidente della repubblica Macron) e si oppongono al sistema col loro stile di vita e/o con le loro azioni politiche. Gli uomini che occupano luoghi, squat, università; le donne che occupano le strade, i quartieri e le città; uomini e donne che non manifestano passivamente, che si manifestano qui e là, che sognano lanciando un grido troppo spesso soffocato da una repressione sistematizzata.

Prendere di mira un commissariato è prendere di mira non soltanto l’istituzione che ci attacca in maniera diretta, ma è anche colpire una concezione dell’organizzazione della società di cui la polizia è il braccio destro irrinunciabile. Il contesto economico e politico attuale non è che la conseguenza di un concatenamento storico e di decisioni politiche che abbiamo legittimamente il diritto di rimettere in questione. Le nozioni di giustizia (il culto della legge), di democrazia (l’ordine sociale), di ciò che è istituito (la politica), di popolo (i/le citttadin*) devono essere ridefinite con le nostre parole (piuttosto che con quelle del governo). Subiamo ogni giorno gli effetti di uno Stato detto di diritto. Il loro diritto, la loro giustizia, la loro democrazia, le loro istituzioni… per quale popolo? Noi siamo piuttosto per lo stato di non-diritto.

Qualcuno dirà che questa azione è violenta. Ma perché restare passiv* di fronte ai loro gesti e le loro idee imposte a colpi di manganello? Ci rifiutiamo di banalizzare il monopolio della violenza detenuto dal governo, e il suo utilizzo per risolvere i conflitti sociali ed eliminare ogni tentativo discorde. Rifiutiamo di accettare la sistematizzazione del posto di lavoro per aggirare ogni mobilitazione e reprimere chi è in difficoltà.

Con la nostra azione affermiamo che non vogliamo aspettare una rivoluzione generalizzata. Preferiamo delle oasi di azioni indipendenti contro un nemico comune, piuttosto che sperare ciecamente in un’insurrezione globale. Non c’è discrepanza tra il fondo delle nostre idee e la forma dei nostri gesti. Il «vandalismo» è una risposta proporzionale all’assurdità del mondo impostoci dai governanti.
Quindi la domanda è: chi è più violento, la macchina poliziesca o delle parole e dei colori su un commissariato?

In ogni caso, ACAB, All Colors Are Beautiful.

Il commissariato di rue Lavoisier era già stato ridipinto una prima volta due settimane fa. Malgrado quel primo avviso, hanno continuato a fare gli sbirri. Il secondo avvertimento non era un lusso, era una necessità.

Sostegno ai/lle mutilat*
Né oblio, né perdono per gli/le assassinat*
La polizia ha le mani sporche di sangue

Questo è il secondo avvertimento

Lipsia, Germania: Data alle fiamme biglietteria automatica

3 maggio 2018

Nella notte del 3 maggio a Lipsia-Gohlis abbiamo incendiato una biglietteria automatica delle Ferrovie Tedesche (DB).

La DB è proprietaria dell’ex impianto di trasformazione nella Arno-Nitzsche-Str 41 f, che fu occupato nel 2016 e nel quale si trova il progetto autoamministrato Black Triangle. Che nel momento è acutamente minacciato dallo sgombero.

Con quest’azione vogliamo dare un piccolo assaggio alle ferrovie e alla città di quel che verrà se osano sgomberare il Black Triangle e toglierci questo spazio libero.
A parte questo, riteniamo comunque che nessunx dovrebbe pagare per i trasporti pubblici.

Tenetevi aggiornatx sugli sviluppi in atto!
Giorno X+1: 18:00 Wiedebachplatz!

Indicazione a tuttx che vogliono aggregarsi a questa forma d’azione: Non usare la benzina o sostanze simili -> può essere mortale! Incastrate un sasso nella bocca del distributore affinché lo sportello rimanga aperto e sia garantito il rifornimento d’ossigeno. Poi incendiate degli accendifuoco e buttateli dentro. Fine.

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Stoccarda, Germania: Vernice a Dehoga e abitazione di Lukas Kuhs (AfD)

1° maggio 2018

+++ 300 nel blocco anticapitalista alla demo dell’unione sindacale tedesca (DGB) +++ 800 alla demo rivoluzionaria +++ Vernice a Dehoga +++ AfD-Outing +++ Pyro & Kurdistan-Soli +++ Salvo piccole zuffe, gli sbirri che si contengono +++ Festa di strada internazionalista +++ L’occupazione della casa continua +++

Il 1° maggio di quest’anno a Stoccarda iniziava di nuovo con il blocco anticapitalista nella demo DGB al Marienplatz. Nel 2018 questo blocco era definitivamente uno dei più grandi degli ultimi anni. Circa 300 persone parteciparono dopo l’invito di un’alleanza di gruppi rivoluzionari, la gioventù Verdi (unione sindacale servizi) e varie rappresentanze dex giovani in fase di apprendistato. Obiettivo era di porre accenti propri di lotta di classe nella demo DGB, contro la linea di concertazione predominante dei sindacati. Con baccano e combattivo il blocco sfilava direzione centro, mentre per strada i dintorni furono abbelliti con varie scritte. Presso un mercato “Alnatura” si tematizzava la politica Alnatura ostile ai consigli di fabbrica, coprendo le vetrine con delle relative tavole d’indicazione incollate.

La manifestazione rivoluzionaria del 1° maggio iniziava direttamente dopo sul Schlossplatz. Con circa 800 partecipanti, la mani era grande circa quanto l’anno passato. Alla sua testa un blocco con file compatte e tante bandiere rosse. Dopo una breve zuffa all’inizio per delle trasgressioni alle condizioni, la polizia – molto atipico per Stoccarda – si conteneva abbastanza. All’inizio e nella demo intermedia, gli interventi tra l’altro tematizzavano la guerra della Turchia contro Afrin, il salto a destra, la necessità d’intervenire negli scioperi e nelle lotte sociali e l’evidente giro di vite repressivo dopo il G20.

Nella tratta dal centro a Heslach, dalla mani e dai suoi margini si susseguivano le azioni autonome: La filiale dell’associazione alberghiera e dei ristoranti “DeHoGa” fu attaccata con la vernice causa la sua gentile posizione nei confronti dei salari bassi e minimi (colpendo anche alcuni sbirri). All’altezza Furtbachstr. 16 fu pubblicamente indicato l’attivista AfD omofobo e cristiano-fondamentalista Lukas Kuhs. Già la notte prima, la sua casa fu marcata con scritte e sacchetti alla vernice. Sul Marienplatz ci fu una coreografia in solidarietà con lx combattenti nel Kurdistan. S’incendiarono delle pentole fumogene, e i circa cento attivistx nel blocco frontale alzavano dei pannelli nei colori curdi.

Alla fine della mani ci fu un intervento dell’azione rivoluzionaria Stoccarda. L’oratrice, come negli anni precedenti incappucciata, sottolineava che gli attacchi – retorici – attuali da parte della destra dell’Unione sferrati per es. da Spahn o Seehofer servono solo alla classe dominante come preparazione politica al prossimo approfondimento della crisi. La sinistra rivoluzionaria non deve schivare il tutto e men che mai trova un’uscita accattivandosi le simpatie della parte borghese. Può offrire orientamento solo combattendo. L’ultimo pezzo fino alla festa internazionalista di strada presso il Centro della Linke Lilo Herrmann, la mani sfilava autonomamente e senza autorizzazione. Alcuni sbirri che volevano ostacolare il passaggio furono subito spinti da parte.

Alla fine pressoché 500 persone andarono al Centro Linke. Da lì alcunx s’incamminarono verso le case occupate nella Wilhelm-Raabe-Str. 4, occupate da quattro giorni e lontane solo cinque minuti.

Il 1° maggio 2018 a Stoccarda riusciva a far convergere le varie lotte (difensive) quotidiane e a far emergere una prospettiva rivoluzionaria. Vi contribuirono anche le variegate attività antecedenti.

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Berlino: Pietre ad associazione DITIB

28 aprile 2018

La notte passata le nostre Pietre di Maggio hanno trovato la loro strada nell’associazione DITIB “Osman Gazi Camii” nella Nehringstraße/Charlottenburg. Inoltre si lasciava la scritta #fight4afrin alla facciata. Abbiamo attaccato DITIB come braccio di Recep Erdoğan nella RFT e come associazione reazionaria ben nota. Ci riferiamo alla campagna fight4afrin e alle giornate Maisteine (Pietre di Maggio).

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Berlino: Vernice e pietre contro siti start-up

27 aprile 2018

A Berlino la gentrificazione e il rincaro degli affitti esistono, purtroppo, già da molto tempo e lo stesso vale a maggior ragione per le cattive condizioni di lavoro. Mentre sono relativamente nuovi le start-up, i co-working spaces e i parchi tecnologici che spingono all’estremo tutto quanto. Ecco perché ne abbiamo visitato alcuni: la Factory Mitte, il parco tecnologico Humboldthain e il futuro Google-Campus a Kreuzberg.

L’insediamento politicamente favorito di start-up e Co-Working Spaces in vari quartieri di  Berlino è un altro giro di vite della valorizzazione e dell’espulsione nella città imprenditoriale. Aree maggiori di Co-Working come quella di Factory funzionano da motore alla gentrificazione. I prezzi crescenti per le superfici commerciali nei dintorni scacciano le strutture sociali e la piccola industria e tolgono la base commerciale di già precaria a chi la gestisce. L’impresa a partecipazione come Rocket-Internet SE, di cui fa parte anche Zalando, comprò i capannoni rivieraschi nel Wedding per prepararli per le start-up nei tempi medi. Lx artistx che vi lavorano e i loro studi dovranno andarsene. La retroguardia delle start-up consiste in un’altra ondata della valorizzazione capitalista dei siti. Fa sì che i nostri quartieri diventino un deserto come base per la generazione di plusvalore e dove non c’è più spazio per coloro che non sono adeguatx all’immagine della città ricca e strapulita.

Nella start-up-city anche gli inquilini hanno poco da ridere. Gli appartamenti da affitto sono ristrutturati in appartamenti ammobiliati cari e affittati con contratti a tempo determinato: come nuovo spazio abitativo per lx impiegatx altamente flessibili del settore tecnologico, il quale adesca Berlino in questo modo. Con l’affitto continuamente nuovo si possono fare dei profitti in rapidissimo aumento. Imprese come “wunderflats” offrono ax proprietarx il servizio di ristrutturazione dei loro appartamenti in appartamenti ammobiliati di lusso. In seguito le imprese li affittano ax loro impiegatx, che altrimenti non troverebbero abitazione sul mercato della casa berlinese. Così lo spazio abitativo che prima era a buon prezzo, ora diventa una merce di lusso. Le start-up che si sono fatti impresa maggiore s’infiltrano a loro volta nel mercato immobiliare. Zalando comprò degli appartamenti nel  Boxhagener Platz, buttò fuori lx inquilinx originari e ora gli stessi appartamenti li offre a prezzi massimi ax proprx impiegatx.

Anche i nuovi rapporti di lavoro, che con l’espansione continua del settore start-up saranno sempre più importanti, contribuiscono alla ristrutturazione della città. Così le start-up da un lato attirano la sopra nominata nuova classe media straflessibile nei quartieri dove così accelerano i processi di valorizzazione e dall’altro lato producono nuove forme di precariato. Questo va dax numerosx Clickworker estremamente malpagatx fino ax pochx tra di loro che possono permettersi tanto grazie a questo lavoro ma che poi, da trentacinquenni, devono aspettarsi il primo esaurimento. Lx attende la fusione totale tra lavoro salariato e vita. Le start-up spacciano le costrizioni economiche per stile di vita foriero di libertà ed autodeterminazione, ma in fondo andrà a finire come uno (auto) sfruttamento ancora più spinto. L’illusione di una carriera facile e di gerarchie orizzontali dovrebbero assicurare l’identificazione di chi lavora con i boss e con gli obblighi del lavoro salariato. Sempre più gente con la promessa di tempi di lavoro auto determinati è sedotta ad assumersi dei lavori malpagati, per poi essere sfruttata per esempio nella consegna di cibo da Deliveroo e Co. I tentativi d’organizzazione sindacale sono contrastati con ogni mezzo. Con la tecnica intelligente si sorveglia ogni passo dex impiegatx. È registrato ogni movimento al cesso e ogni secondo di fiacca. In sempre più imprese sono gli algoritmi a dettare il ritmo dello sfruttamento, e le benché minime deviazioni dal terrore della norma prestazionale devono essere spiegate nei colloqui Feedback, oppure ne consegue direttamente l’ammonizione.

Nella loro visione di una città futura, i grandi player come Google e tante start-up del settore tecnologico vanno perfettamente d’accordo con gli ufficiali pubblici urbani. La parola d’ordine è “smart city”. Con le nuove tecnologie la città dovrebbe diventare più “intelligente” ed efficace. Per cui per esempio l’infrastruttura dovrebbe essere collegata in rete e i flussi dei dati resi usabili per analizzare e dirigere totalmente lo spazio pubblico. È facilmente intuibile che non ne consegue una città dove la tecnica liberi dalle coercizioni, bensì un mezzo di sorveglianza e controllo. Un’idea inquietante, anzitutto pensando alla combinazione con le possibilità già a disposizione delle autorità di repressione, come per es. le camere di sorveglianza agli incroci delle città munite di software per il riconoscimento facciale.

L’emergere massiccio delle start-up non è casuale ma collegato alla continua crisi di valorizzazione del capitale. Il capitale eccedente che non trova altre possibilità d’investimento redditizio è pompato nelle start-up come investimento a rischio con la speranza di dischiudere altri ambiti della nostra vita alla generazione di profitto. Invece d’iniziare finalmente una vita bella per tuttx, ecco che ci spacciano dei rottami inutili e lifestyle-app per innovazione. Ma contro questo processo inizia a muoversi la resistenza. L’associazione tedesca delle start-up dice alla Morgenpost di essere preoccupata per le lotte che si stanno sviluppando contro ulteriori insediamenti di start-up e nuovi siti Google e Zalando a Kreuzberg e Friedrichshain.

Vogliamo estendere la resistenza contro la start-up-city sull’intero territorio urbano. Ecco perché abbiamo…
1.) … lasciato dei vetri rotti e vernice a Factory Mitte, un co-working space e sito start-up che tra l’altro, con la sua filiale al Görlitzer Park, è un fautore attivo dell’espulsione. (vedi de.indymedia.org/)
2.) … marcato un obiettivo della GSG nel Wedding nella notte al 26 aprile.
La compagnia per l’insediamento industriale (GSG) che originariamente fu fondata per affittare delle zone industriali a prezzi contenuti, è privatizzata dal 2007 ed appartiene in gran parte a delle compagnie internazionali. Da allora gli affitti aumentano fortemente. Che cosa pensa la GSG del fatto che nessun progetto sociale e neanche l’industria media può permettersi tali somme, lo dice concisamente l’amministratore operativo della GSG Sebastian Blecke in un’intervista a rbb: “Ovviamente una start-up non ha tempo abbastanza per occuparsi del quartiere e dei problemi della popolazione locale.”

Nel “Luogo del futuro parco tecnologico Humboldthain” (TPH) non solo si rimuove allegramente, ma ci si da da fare anche attivamente per una trasformazione della città che renda giustizia ai bisogni dex ricconx: Secondo la sua pagina internet ufficiale, TPH è un importante luogo di connessione in rete per le ditte “della classica tecnologia di punta” e un nodo importante delle idee innovative per una futura “smart city” Berlino.

Quali sono lx attorix che qui “networken – lavorano in rete” e quali siano le loro “idee innovative” si vede subito quando si dà un occhiata più ravvicinata a Team e Partner: Andreas Thisen, sostituto presidente del TPH, è sulla lista degli stipendi di SPECS Surface Nano Analysis, una ditta che tra l’altro imperversa nel settore della nanotecnologia. La nanotecnologia non è praticamente regolamentata ed è impiegata sempre di più nell’industria della guerra: “Tra i più di venti campi d’applicazione militari ci sono nuove sostanze per proiettili distruttivi oppure dei jet da combattimento più leggeri, le manipolazioni ai corpi dei soldati oppure nuove armi biologiche”, dice il fisico Jürgen Altmann.

Tra i partner del TPH ci sono tra gli altri omni:us, la Deutsche Bank ed IBM.
Omni:us produce software per l’automatizzazione dei contatti tra clienti e ditta, anzitutto per gli assicuratori.
La Deutsche Bank è odiata dappertutto per il suo ruolo nella crisi immobiliare e nelle speculazioni alimentari. Inoltre, con i suoi investimenti nelle ditte minerarie, nella produzione dell’olio di palma e nell’industria dell’estrazione della lignite nonché con la sua partecipazione alla Dakota Access Pipeline contribuisce massicciamente alla distruzione ambientale. Attualmente la sua brama di profitto disumana culmina nella partecipazione al finanziamento del carrarmato Leopard II, con il quale l’esercito turco massacra la gente.
IBM non produce solo prodotti open-source e hardware per console ma ricerca anche su degli strumenti molto affascinanti come l'”internet delle cose” e l’analisi, in parte mediante il “cloud-computing”, di enormi quantità di dati. IBM produce inoltre della software ad uso militare ed è partner contrattuale dell’esercito USA e dell’esercito federale.
3.) … coperto di vernice la facciata del progetto Google-Campus e lasciato dei messaggi di resistenza nei dintorni.
Google è attore principale nella trasformazione dei rapporti di dominio capitalisti, con l’obiettivo del   controllo totale. Con ca. 160 miliardi di dollari USA di fatturato annuale, Google/Alphabet s’insinua nel contempo in nuovi campi d’affari come per es. i progetti smart-city, ivi incluso gli investimenti immobiliari.

Gli affitti in aumento ed il mercato immobiliare capitalista esistevano già prima di Google – un Mini-Sillicon-Valley a Berlino non ci serve. Perciò dobbiamo contrastare con la resistenza creativa questo tentativo di costruire un Google-Campus, ovunque sia.
Il nostro odio e la nostra rabbia vanno a tutta questa gente violenta che fanno un sacco di soldi con l’espulsione e il massacro di persone come anche con la digitalizzazione e l’automatizzazione dello sfruttamento e della guerra.
Il crescente movimento di protesta contro la folle spirale degli affitti (tra l’altro con la demo di massa il 14 aprile a Berlino), le lotte variegate contro la svendita capitalista della città e per i nostri spazi liberi, di questi tempi sinistri ci fanno un po sperare. Dobbiamo collegare e acuire queste lotte, conoscerci e sostenerci reciprocamente. Le giornate di azione Maisteine (pietre di maggio) (https://maisteine.blackblogs.org/), la settimana di azione Organize prima della demo della notte di Valpurga nel Wedding (https://organizeberlin.blogsport.eu), le giornate Chaos- e di discussione (https://gegenstadt.blackblogs.org/) oppure la campagna #besetzen (#occupa)(https://besetzen.noblogs.org/) offrono le possibilità più varie.

Autonome Gruppen

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

[Italia]: È disponibile il numero 9 di FENRIR

È disponibile il numero 9 di FENRIR, pubblicazione anarchica ecologista
di supporto ai/le prigionierx, azione diretta, aggiornamenti e analisi
sulle lotte anarchiche e di liberazione animale, umana e della terra in
tutto il mondo. 80 pagine A4

In questo numero:

– Editoriale
– Se non ora, quando?
– Big data e società tecno-capitalista
– L’autismo degli insorti. Scritto di Alfredo Cospito
– Autopsia della rivoluzione
– Ideologia della scienza
– Appunti sulla derealizzazione
– Conversazioni tra anarchicx
– Intervista a Gabriel Pombo da Silva
– Un suggerimento
– Nisan Farber e gli anarchici di Bialystok
– Notizie dal necromondo
– Aggiornamenti sui/le prigionierx e sulla repressione di Stato
– Lettere dal carcere
– Letture consigliate

Il costo è di 3 euro a copia, oppure di 2 euro per ordini di 5 o più
copie. Il costo della spedizione con “piego di libri” ordinario è di
1,50 euro.

Per ricevere una o più copie scrivici: fenrir@riseup.net

Aiutaci a distribuire Fenrir, se hai una distro o vuoi un po’ di
copie, contattaci!

Wetzlar, Germania: Polvere all’abitazione di Thassilo Hantusch (NPD)

8 maggio 2018

La notte passata, molto in ritardo rispetto al previsto, abbiamo fatto una visita domiciliare antifascista a Thassilo Hantusch, a Wetzlar-Steindorf (Altvaterstraße 10). Rompendo un vetro siamo entratx nella sua camera da letto/studio riducendo il contenuto del locale a rifiuti speciali. Non solo il contenuto della misera camera da letto di Thassilo è destinato all’immondezzaio della storia, ma anche la sua ideologia disumana.
Thassilo Hantusch è di una famiglia che già da decenni organizza in modo determinante la NPD assiana. Nel “Raduno patriottico di Zutt” ad Ehringshausen c’era tutto quello che un cuore bruno può desiderare, dalla giacca bomber fino ai CD con rock di destra, ed i successi della NPD nel villaggio erano notevoli. Più tardi il padre di Thassilo sarà presidente regionale della NPD Assia.

Come iscrittore di diverse manifestazioni nazi a Wetzlar, presidente regionale dei JN (Giovani Nazionalsocialisti), consigliere comunale di Wetzlar per la NPD e come responsabile per delle azioni del “Collettivo Anticapitalista” a Francoforte, anche il giovane Hantusch da anni ormai segue queste orme. Era iscrittore anche del concerto di rock di destra a Wetzlar (di fatto fu poi celebrato a Leun-Stockhausen) con Kategorie C e Oidoxie. La lista sarebbe infinita. Thassilo è un attivista a tempo pieno.
Chi pubblicizza in modo talmente spinto l’aizzamento razzista e l’ideologia fascista non deve sorprendersi delle nostre attenzioni. Chi come Thassilo invita ad un grande concerto rock di destra con neonazi violenti provenienti dall’intera repubblica federale, meriterebbe in fondo delle visite quotidiane.

Inoltre riteniamo molto scortese di non essere presenti in prima persona quando veniamo a fare visita. Ma dove è che ti aggiri così tardi di notte? Ma forse riesce meglio la prossima volta.

Tanti saluti dalla Antifa Visite Domiciliari srl

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc

Brema, Germania: Vernice e vetri rotti a Rheinmetall

8 maggio 2018

Abbiamo visitato nell’oscurità uno dei siti di Rheinmetall a Brema, concretamente Rheinmetall Eastern Markets GmbH all’Osterdeich 108.
Intendiamo il nostro attacco come atto di vendetta.
Rheinmetall ha venduto delle armi alla Turchia e così sostiene direttamente la guerra contro la popolazione curda. Questa critica a Rheinmetall fu reiteratamente espressa. La risposta di come ci si pone verso le proteste e le accuse viene dal portavoce dell’impresa Rheinmetall, Oliver Hoffmann di Düsseldorf: Si rispetterebbero la libera espressione e le “posizioni critiche di chi la pensa diversamente” – “ma in materia chiediamo correttezza”. Sulla correttezza dell’export di armi, secondo Hoffmann: “Ci atteniamo alle severe norme legali.”
Perciò, per fare la nostra visita con intenzioni scorrette ci portammo dei martelli e della vernice.

Perché alfine l’accezione di “correttezza” e l’osservazione dei limiti legali è dimostrata in modo molto chiaro con la Joint-Venture tra Rheinmetall e l’impresa turca BMC. Mediante il costrutto imprenditoriale RBSS, Rheinmetall – insieme al governo turco – elude le norme per l’export e metterà a disposizione del know-how tedesco per la produzione di carrarmati turchi (il carrarmato da combattimento turco Altay sarà munito del cannone a canna liscia di Rheinmetall). E questo in aggiunta alle vendite già realizzate di carrarmati Leopard 2 e dell’obice semovente blindato 2000 che sono costruiti con la partecipazione di Rheinmetall.
Anche in Germania Rheinmetall ha le mani in pasta e non di poco quando si tratta della soppressione di potenziali insurrezioni: l’impresa riarma gli sbirri di qui tra l’altro con il Survivor R, un blindato di quasi venti tonnellate.

Questi deal che portano milioni all’impresa costano la vita a molte persone! Pretendete correttezza, e noi riteniamo che il minimo della correttezza, nei confronti delle vite umane che vi prendete ogni giorno, sia attaccare i vostri spazi!

Contro la normalizzazione della militarizzazione!

Brema, 8 maggio 2018: Mai più guerra! Mai più fascismo!
(A)

Fonte: Indymedia (Tor)

Traduzione dal tedesco mc