Germania, Berlino: Pietre contro nuova costruzione

26 aprile 2019

Per prima cosa vorremmo inviare un piccolo segno di solidarietà alle persone che attualmente s’organizzano contro gli affitti e la speculazione con la casa. E ancora di più a coloro che non possono più partecipare all’assurda corsa per avere una casa.

Salutiamo la resistenza contro le ditte immobiliari nelle settimane passate. La resistenza contro gli affitti si fa sempre più irriducibile e questo è la nostra chance per acuire ancora le condizioni contro i profittatori del normale regime capitalista. Si volatilizza la fede nei partiti e le loro promesse di equità sociale. La socialdemocrazia nella veste della Linkspartei in una città totalmente capitalizzata come Berlino anche in futuro si piegherà agli interessi dell’economia immobiliare. Si possono intravedere vari tentativi dei padroni di recuperare le lotte dex inquilinx. Ma prima o poi se ne accorge anche lx ultimx che i partiti sono e rimangono leccapiedi del capitale.

Luogo del delitto Gleisdreieckpark: poco fa la ditta Allod nel sud del parco non si vergognava di battezzare il proprio progetto “Neu-Schöneberg – Nuova Schöneberg” ma, gradevolmente, si è beccata tanti contra con vernice già in fase di costruzione e anche ora, a costruzione finita.
Mentre Ziegert nella Flottwellstraße attrezza l’ultima lacuna costruttiva (in costruzione, nome del progetto “Wohnpanorama – Panorama abitativo” pubblicizzato a partire dai 5.500 €/m²), l’obiettivo delle nostre brame è in procinto di prendere il posto della vecchia casa dall’altro lato del parco. Va da sé che oggigiorno un progetto di costruzione non si presenta senza nome proprio e così il progetto fu battezzato „Gleis Park“, lo costruisce il gruppo Bauwens e da agente esclusivo funge Engel & Völkers. Le unità abitative (“L’attico seduce con un savoir-vivre rappresentativo”; “La mattina vista lontana, la sera filarmonia”) si possono comprare per umili 0,5 a 1,5 milioni di €. Essere veloci paga(va) poiché non sono più disponibili che poche unità, perciò abbiamo preso tutto il nostro pietrisco e glielo abbiamo buttato addosso. Gli abbiamo consegnato come minimo 50 comandamenti ma mai più sentito qualcosa di loro…

Contro la città dei ricchi – Per un maggio sovversivo

Fonte: Indymedia (Tor)