Russia: Antifascista anarchico assassinato a Samara – Amici e familiari hanno bisogno del vostro sostegno!

Il 9 Febbraio 2012, alle ore 06.30 del mattino nella zona dell’Istituto FIAN, un bidello ha trovato il corpo di Nikita Kalin, nato nel 1991. Alle 08.00 è arrivata la polizia, e alle ore 11.00 i poliziotti finalmente hanno contattato la madre dell’assassinato. Secondo sua madre, Nikita è stato accoltellato 61 volte; oltre a questo, le costole hanno subito fratture multiple, e la testa a pure delle ferite. Nessun oggetto personale è stato rubato. Attualmente, è stato arrestato un sospetto per l’omicidio, siccome è stato trovato del sangue di Nikita sui vestiti dell’arrestato.

E’ ovvio che Nikita sia stato attaccato da un gruppo. La polizia ha anche detto alla madre (in via ufficiosa) che l’indagato detenuto è un’attivista dei socialisti nazionali (neo-Nazi), e si rifiuta di fare i nomi di altri sospetti. Nonostante la brutalità dell’omicidio, l’investigazione non ha ancora proceduto a nessun interrogatorio, nè alla madre di Nikita, nè ai suoi amici, che sono state le ultime persone ad averlo visto. A causa di questo fatto, si presume che ci sarà un tentativo di insabbiare il caso, come spesso accade in Russia. Tuttavia, l’indagato ha già assunto un’avvocato.

Temiamo che le indagini della polizia stiano già lavorando in difesa degli interessi dell’arrestato, così è necessario il vostro supporto. A questo punto, un’organizzazione dei diritti umani ha fornito un’avvocato, ma altri fondi sono necessari per le spese funerarie. Nikita veniva da una semplice famiglia di operai, e non ha mai nascosto la sua visione antifascista ed anarchica. Se volete aiutare i suoi amici e la famiglia per i costi del funerale, potete donare alla Croce Nera Anarchica di Mosca, qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published.