Lipsia, Germania: Vernice a Homuth+Partner e immobile di lusso

16 aprile 2017

Connewitz soffre da tanti anni d’affitti in rapido aumento, rivalutazione ed espulsione. Fino ad alcuni anni fa vi si poteva vivere comodamente. Gli affitti erano moderati e presi a carico dai jobcenter. Poi arrivarono gli aumenti dei canoni nel quadro degli affitti massimi, nessun aumento improvviso, ma esattamente il tetto che i jobcenter non dovevano più pagare. Seguirono ingiunzioni di cercarsi case meno care e chi non se ne andava doveva abitare con più gente e ristrettezze, per poter pagare il canone d’affitto. La composizione dex inquilinx è già cambiata e chi è rimastx strettx tra case di proprietà, auto di lusso e caserme degli sbirri deve temere spesso per il proprio futuro. È diventato  attraente vivere nell’ex quartiere autonomo. Investire qui promette ottimi profitti al settore immobiliare.

Questo meccanismo è stato innescato da imprese specializzate nella ristrutturazione in case di proprietà, nei risanamenti di lusso e, come affiliate al progettista Homuth+Partner architetti, nell’acquisto degli ultimi terreni non edificati.
Per contrastare la tendenza abbiamo marcato il socio del gruppo GC Homuth+Partner  in Prinz-Eugen-Straße 38 con la vernice. Lo stesso trattamento subiva l’immobile di lusso di ImmvestWolf in Kochstraße 115.

Con questo vogliamo  inviare un messaggio chiaro di solidarietà ax nostrx amicx e compas della Rigaer Strasse, dove già a lungo un progetto milionario del gruppo CG è oggetto della rabbia di chi vi abita.
Avviare le cose.

(…)

Non abbiamo bisogno dei vostri appartamenti cari!
(…) Mentre sempre più abitanti di lunga data del quartiere devono andarsene per il continuo aumento degli affitti, spuntano come i funghi gli attici di proprietà. Sono progetti che nessunx può permettersi, che attirano pseudo alternativi, yuppie e piccole famiglie con tanti soldi che stanno al margine superiore della classe media e nei tempi medi tentano di dissolvere la struttura sociale nel quartiere e anche di ridurre ogni resistenza politica.

“Chi compera qui, compera grane!”, ecco il messaggio chiaro e tondo di un quartiere ribelle!

Uniamoci e rompiamo l’assedio dell’isolamento. Organizziamo la resistenza contro questi progetti edili.
Rimaniamo tuttx!

Collegare i conflitti, portare le lotte di quartiere ad Amburgo al vertice G20. Il 7/8 luglio ad Amburgo e oltre…

Gruppi Autonomi

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Leave a Reply

Your email address will not be published.