Atene : Assunzione di responsabilità per attacchi contro veicoli privati di sbirri

VIVENDO NEI TEMPI DELLA DEMOCRAZIA TOTALITARIA

A seguito della campagna estiva contro gli immigrati, col nome sarcastico “Xenios Zeus” che continua ancora ad oggi a livello nazionale con decine di migliaia di arresti e detenzioni, il posto verso la repressione e la conformità ha preso, come previsto, il nemico interno.

Così, dopo il primo “riscaldamento” con l’invasione hollywoodiana all’occupazione Delta a Salonicco dalle squadre della polizia MAT ed EKAM, è arrivato il momento degli scioperanti e degli manifestanti antifascisti. Nel 26 Settembre, il giorno dello sciopero generale, sono state colpite le pre-concentrazioni delle assemblee popolari nelle zone di Zografou e di Aghios Dimitrios, sono stati picchiati ed arrestati dei combattenti, le cui immagini sono state rilasciate pubblicamente. Lo stesso e peggio ancora hanno subito le migliaia dei scioperanti della manifestazione all’interno di un clima di violenza implacabile da parte dei sbirri.

Il 30 Settembre il moto-corteo della pattuglia antifascista è stato attaccato dai contemporanei “Bourandades”*, le impazzite squadre della polizia “Delta” che si precipitarono a difendere i loro amici ideologici che avevano ricevuto il trattamento dovuto poco prima dagli antifascisti. Risultato le lesioni gravi dei compagni e gli arresti di 15 tra di loro. Il giorno successivo, e mentre gli compagni arrestati nel quartier generale della polizia (GADA), sono stati picchiati e torturati, con il sadismo che permea i pretori della polizia greca, il raduno di solidarietà negli “sterili” ed adatti alla circostanza, tribunali di Evelpidon, è stato colpito senza provocazione con la conseguenza di nuove lesioni e 4 arresti supplementari.

La trasformazione del paese in un regime di tipo latino-americano di altre epoche (in “gesso”** per chi non abbia capito), come ha dimostrato il divieto della circolazione e degli pubblici incontri in gran parte dell’area della capitale, attraverso la voce del comandante della polizia di Atene e l’orgia dei fermi preventivi per le strade, nelle case di combattenti e nelle stazioni dei mezzi pubblici durante lo svolgimento, e non, delle proteste contro la visita del Cancelliere Tedesco Merkel non sarà tollerato.

È per questo che da parte nostra abbiamo fatto al fuoco durante il fine settimana , 8 e 9 Ottobre, ad auto e motociclette personali di poliziotti nelle seguenti aree:

– 2 macchine in via Eressou ad Exarchia
– 1 veicolo sulla via Leosthenous a Peristeri
– 2 macchine in via Lyttis ad Egaleo
– 1 veicolo in via Sporadon a Kypseli

Ricordiamoli, con l’occasione, che la nostra azione è solo l’inizio e che sono nel mirino indipendentemente dai loro “eroismi”. Li attaccheremo in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo considerato necessario ogni volta…

TUTTO CONTINUA…

fonte

* Bourandas era il capo del reparto-moto della polizia greca in collaborazione con i nazisti durante l’occupazione di Atene nella seconda guerra mondiale

** Durante il periodo della dittatura (’67-’74) i colonnelli descrivevano il paese come un “paziente messo in gesso” per curarsi dalla malattia dell’anarchia e del comunismo

Leave a Reply

Your email address will not be published.