Grecia: Testo del compagno Gustavo Quiroga González, imprigionato dallo sgombero dell’occupazione Delta a Salonicco

Ci auguriamo che potete aiutarci a diffondere la notizia.

Il 12 Settembre, alle 6.30, il centro sociale occupato “Delta” occupato è stato sfrattato. In passato, questo edificio fungeva da residenza universitaria dell’Instituto dell’Educazione Technologica “Alexandreio” di Salonicco, e fu occupato dal 2007. Durante lo sfratto, dieci di noi siamo stati arrestati dopo aver subito l’aggressione degli agenti della polizia. I sbirri hanno distrutto tutto quello che potevano mettere sulle mani (arredi, finestre, lampade, lavandini, e così via) ed hanno distrutto tutto quello che era possibile in meno di mezz’ora, mezz’ora di ricreazione per loro.

Siamo stati tutti condannati a pene detentive sospese e tre anni di libertà vigilata, ed abbiamo fatto appello alla sentenza. Oltre a questo, sono stato condannato a otto mesi in più degli altri ed ad una multa di € 3.200 per il possesso di documenti di viaggio falsi, senza che sia stata una perizia per verificare tale affermazione. Successivamente è iniziato un incubo di oppressione contro di me. Mi hanno portato al centro di trasferimento del carcere, in un reparto di detenzione per stranieri, che è praticamente una CIE-centro di detenzione per immigrati, dove il processo della mia deportazione cominciò perché, secondo le stime della polizia, sono un pericolo per l’ordine pubblico e la sicurezza della società greca.

Tre giorni dopo la mia condanna, è stato evidenziato da una perizia della polizia che tutti i miei documenti sono autentici. Anche dopo che questo sia successo si sono rifiutati di darmi indietro i miei documenti autentici e legali e mi tengono imprigionato fino a questo giorno, in condizioni disumane e umilianti, ed ora i poliziotti mettono tutto il loro sforzo per espellermi in Colombia, un paese in cui non ho nessun collegamento di sorta. Ancora non so cosa succederà, ma sono stato incarcerato in questa struttura (in Diavata) dal 15 Settembre, e non accetto la mia espulsione in Colombia. Per il momento, sto aspettando una soluzione e rimango dietro le sbarre.

Alcune parole sulle condizioni della mia detenzione

È ampiamente noto che le carceri i vari Stati europei hanno celle di isolamento, al fine di sedare qualsiasi reazione rivoluzionaria, che servono come una sorta di punizione per detenuti che non rispettano le regole della prigione. Ogni paese ha il proprio sistema. In Spagna, per esempio, c’è il regime di “FIES-sistema interno di sorveglianza speciale”, in Germania le “celle bianche”, ecc. Ogni paese ha il suo, alcuni un po più crudeli degli altri, ma tutti disumani.

Che cosa abbia tutto questo a che fare con i campi di immigrazione? I vari Stati utilizzano pratiche simili per il funzionamento di questo incubo. Solo per la cronaca, ecco alcuni esempi: quando sei in isolamento non si ha alcun tipo di contatto con gli altri detenuti, mentre in un centro di detenzione degli immigrati si sta isolati dagli altri e si sta solo in contatto con 16-17 persone che sono nella stessa cella.

In isolamento non è possibile ricevere delle visite, in un centro di detenzione immigrati la maggior parte dei detenuti non hanno nessuno a far loro visita. In cella di isolamento si ha il diritto di aria fresca per qualche minuto ogni giorno, in un centro detenzione immigrati si sono rinchiusi in cella 24 ore al giorno. Quando si è messo in cella di isolamento è perché hai creato alcuni problemi per il sistema penitenziario, per essere messo in un centro di detenzione immigrati, tutto ciò che serve è quello di essere senza un pezzo di carta che dice che sei legale. In isolamento, ti danno cibo merda, e nel centro di detenzione immigrati si deve pagare per questo! Quando si è nell’isolamento almeno si ottiene un letto, mentre nel centro di detenzione il pavimento è il tuo letto. Potrei continuare con altri esempi, ma la conclusione è la stessa: entrambi sono crudeli.

Nel centro di detenzione per immigrati di Salonicco, ci sono persone che hanno trascorso diversi mesi in una cella, dove una persona può fare dieci passi avanti, dieci passi indietro, e tornare al punto in cui hanno iniziato – si tratta di una vera e propria gabbia. Tutto questo crea problemi fisici e psicologici. I giorni ed i mesi passano senza vedere il sole o sentire il vento. Questi sono mesi in cui si vive senza sapere quello che succede fuori dalle mura, dal momento che le guardie mettere esclusivamente programmi TV di merda, come se fosse vietato vedere i telegiornali. Questo è evidentemente un’altra forma di controllo e mantenimento dell’ordine in questa prigione infernale. Altri problemi comprendono tutti i tipi di malattie, problemi di tossicodipendenza e di condizioni psichiatriche che si generano qui o esistevano in precedenza e qui peggiorano solamente.

Il sistema digestivo soffre dai prodotti che vengono venduti qui (panini, caffè, coca-cola, ecc.) Ci sono persone che hanno bisogno di una dieta specifica che sia impossibile seguire qui, altri non hanno bevuto niente di caldo per mesi.

La cosa peggiore è vedere che i detenuti (nonostante tutto quello che hanno sofferto) pensano che meritano tutto quello che sta accadendo a loro dal momento che sono clandestini in Europa, e questo è il risultato della propaganda delle guardie carcerarie. E ci sono persone come me che, che anche se non siamo clandestini nel paese, siamo sottoposti ad ogni tipo di accusa in modo che ci possano buttare fuori dall’Europa, usando ogni trucco sporco possibile.

Essi chiamano terroristi tutti coloro che la pensano come me. Il terrorismo è l’attacco contro il capitalismo, il loro terrorismo è la distruzione di migliaia di vite sotto l’egida della democrazia. La Democrazia e il Capitale ci imprigionano come animali, torturandoci fisicamente e psicologicamente.

Ovviamente, non mi limito a criticare i politici, ma anche chi abbia votato per loro.

I vostri voti contribuiscono a far rimanere migliaia di persone ancora in quella situazione. I vostri voti legalizzano la tortura, contribuiscono al mantenimento dei centri di detenzione, e al sistema statale di oppressione. Siete voi chi abbiate la colpa, che adottate il ruolo del morto vivente e collaborate con il sistema democratico. Suppongo che quando stare leggendo questo messaggio vi butterete via alla pattumiera. Proseguirete con la libertà falsificata, ignorando ciò che sta accadendo intorno a voi.

Procederete a programmata la vita a casa- lavoro, casa, lavoro- e nel tempo libero spenderete quel poco tempo che il vostro capo vi “dà” per otto o dieci ore di lavoro al giorno. Dov’è la vostra libertà? È in un supermercato? Acquistare il marchio del shampoo che vi piace e decidere se acquistare la coca-cola o l’aranciata? O nella droga su cui spendete i vostri soldi? Quando si pensa in questo modo, ci si dimentica che si sta svendendo la sua vita.

Per riassumere, si è un anello della catena del consumo, che sia ciò che vogliono i nostri oppressori, e questo è il modo in cui percepiscono la nostra esistenza, in termini di consumo e del potenziale produttività. Tu, che dici che la parola democrazia è tutto sulla libertà, menti a te stesso – sei un ipocrita! E quando sostieni che preferisci la democrazia alla dittatura la mia risposta è: vuoi un calcio alla schiena o un pugno in bocca? Se sei anche un po intelligente, spero che capirai questa metafora.

PER LA DISTRUZIONE DELL’APPARATO STATALE REPRESSIVO
PER LA DISTRUZIONE DI TUTTI I TIPI DI CARCERI
PER LA DISTRUZIONE DELLA DEMOCRAZIA E DEL CAPITALE

Anarchia qui e adesso

Gustavo Quiroga
Immigrato anarchico dai CIE di Salonicco

in spagnolo / greco / inglese

Leave a Reply

Your email address will not be published.