Grecia : L’arresto dell’anarchico Tasos Theofilou puzza di montatura poliziesca

Un caso di rapina, durante il quale è accaduta l’uccisione di un cittadino che aveva attaccato i rapinatori, è stato trasformato dalle forze anti-terrorismo in un caso di “terrorismo”, mentre i pappagalli sono stati addestrati a scrivere di scenari mostruosi, pieni di menzogne, che non hanno niente a che fare con i fatti del fascicolo processuale (come di solito succede quando gli anti-terrorismo inventano un caso).

L’anarchico Tasos Theofilou, che è stato arrestato per questo caso, nega fortemente tutte le accuse fin dal primo momento, mentre il suo avvocato Sp. Fitrakis ha parlato di magre prove nel fascicolo.

Dando un’occhiata al caso (come presentato nei fascicoli e non come presentato dai pennivendoli che prendono ordini dal 12° piano del GADA, quartier generale della polizia di Atene), vediamo salire la puzza di una montatura poliziesca. Pochi giorni dopo la rapina, una persona “anonima” avrebbe presumibilmente chiamato gli sbirri (!) dicendogli che il rapinatore di Paros era seduto sui gradini della stazione metro di Keramikos. Hanno perfino fatto una descrizione. Immediatamente le forze anti-terrorismo si sono recate sul posto e hanno arrestato T. Theofilou.

Che interesse hanno le forze anti-terrorismo in un caso di rapina? Alla stazione di polizia hanno preso con la forza la sua saliva e le sue impronte digitali, per poi annunciare subito dopo che il suo DNA combaciava con il DNA di un capello trovato nel cappello caduto ad uno dei rapinatori a Paros! Nessuna impronta nè niente. Per quanto riguarda il DNA, si possono leggere gli articoli del giornale “Kontra” sulla importante discussione che sta avendo luogo nel corso del processo a Lotta Rivoluzionaria, per rendersi conto di come sia un metodo non solo discutibile, ma completamente inaffidabile.

E’ una coincidenza che prima dell’arresto di Theofilou le forze anti-terroriste dicessero ai pennivendoli di essere sulla buona strada e di avere delle prove? Si può facilmente rendersi conto di chi sia la “persona anonima” che ha riconosciuto il rapinatore (travisato) di Paros sui gradini del metro e ha chiamato la polizia. Le “domande”, comunque, non si fermano qui.

Quando Theofilou si trovava nelle mani delle infami forze di polizia, tre o quattro sbirri ricordarono che era lui la persona che portava avanti il “contropedinamento”, quando sorvegliavano le case di persone connesse alle CCF ad Atene, Pireaus e Agrinio! Questa presunta persona non fu mai arrestata e nemmeno detenuta, ma le sue caratteristiche venivano ricordate due anni dopo! In questo modo, Theofilou fu accusato dell’intera lista di azioni attribuite alla CCF (e alle persone dietro i membri dell’organizzazione) e dovrà affrontare un secondo fascicolo di inchiesta gestito dal procuratore speciale Baltas. Questa costruzione “puzza” davvero.

fonti : a, b

Leave a Reply

Your email address will not be published.