Stati Uniti d’America: Liberato Jerry Koch

Martedì 28 Gennaio, l’anarchico Gerald “Jerry” Koch che si è rifiutato di prender parte al Grand Jury è stato liberato dal Centro Correzionale federale metropolitano a Manhattan. Il rilascio di Koch arriva dopo otto mesi di prigionia dovuti al suo rifiuto di testimoniare al Grand Jury riguardo all’indagine sul cosiddetto caso del bombarolo in bicicletta.

Il giudice John Keenan, che presiedeva il caso di Jerry, ritiene che la posizione di un governo fuori controllo, che usa il grand jury come una caccia alle streghe, è un “delirio di grandezza”. Il giudice Keenan ha proseguito:

“Semplicemente non ci sono prove che il governo, minacciato dall’abilità sovversiva di Koch, riesca a portarlo davanti al grand jury con un pretesto, o di avere accesso al tesoro rappresentato dal circolo dei suoi amici o mandare un messaggio minaccioso ai dissidenti politici.”

In realtà, il governo degli Stati Uniti stava seguendo lo schema di usare i grand juries come stratagemma nel tentativo di capire le reti sociali e politiche degli anarchici. Questa tattica è stata usata recentemente nel Pacific Nortwest e in California. Comunque, il rilascio di Jerry non arriva perché un giudice ha “visto la luce” e ha fatto aprire i cancelli. Arriva a causa della diligenza del suo supporto legale che ha fatto una complessa mozione. Dice il giudice:

“La posizione di Koch è lineare. Dato che lui continua ad opporsi al governo in generale e al grand jury nello specifico, sottolinea che la prigionia prolungata non lo indurranno a testimoniare. Infatti, dice che la sua detenzione al MCC hanno radicalizzato le sue idee riguardo alla repressione governativa.”

Arrestare qualcuno per vilipendio civile al fine di costringerlo a testimoniare, per lo stato, non è un atto punitivo. Quando diventa punitivo e perde ogni potere coercitivo, l’individuo deve essere rilasciato. Il contenuto della mozione presentata dal team legale sosteneva che il fine della detenzione di Jerry – costringerlo a testimoniare al grand jury, fosse fallimentare e di fatto era diventato meramente punitivo. In base a ciò, il giudice ha dato il proprio assenso. Ed ecco perché ha deciso di liberare Jerry.

La decisione del giudice Keenan rivela anche l’importanza del supporto fuori. Articoli scritti su Jerry, lettere, una petizione online aggiunta alla forza della mozione presentata. Una forte solidarietà dagli amici e dai familiari ha contribuito al rilascio di Jerry.

Nel leggere la decisione del giudice Keenan, è chiaro che l’unica gioia che è in grado di provare nella sua misera vita è l’invettiva lanciata contro Jerry e gli anarchici in generale. E alla fine del giorno, gli insulti infantili del giudice non contano nulla. Ciò che conta è che il nostro compagno è tornato tra noi.

Ancora le parole del giudice Keenan, Jerry “ha deciso di restare un oppositore – infatti ha promesso di continuare eternamente la sua protesta.” E per questo ti applaudiamo Jerry. Bentornato a casa.

fonte : anarchist news

Leave a Reply

Your email address will not be published.