Cile: Confermata la condanna a Hans Niemeyer

Oggi 25 Settembre 2013 la corte suprema si è espressa in merito alla revisione della condanna proposta dalla difesa. È stata rifiutata la possibilità di fare un nuovo processo a Hans annullando la condanna a 5 anni e 300 giorni di carcere.

Ricordiamo che il compagno Hans Niemeyer è stato condannato a 5 anni e 300 giorni per la collocazione di un artefatto esplosivo nella filiale della banca BCI. La condanna è arrivata in base alla legge sul controllo delle armi e non per quella antiterrorista, ma il tribunale ha rigettato di concedere il beneficio della “libertà vigilata”.

L’avvocato di Hans, Julio Cortes ha dichiarato alla stampa: “La condanna ci sembra sproporzionata e ingiusta, considerando che si tratta di un diritto contro la proprietà e che ci sono delitti ben più gravi, una volta il calciatore o l’altra il figlio di un politico, dove ci sono morti, e neanche scatta la custodia preventiva (…) in cambio, la distruzione dell’ingresso di una filiale bancaria, che non era aperta in quanto era notte, ha una pena più alta dei delitti contro la vita e l’integrità delle persone”.

Fuori dal tribunale c’è stato un presidio solidale con striscioni e volantini di appoggio a Hans.

Chiediamo di rafforzare la solidarietà permanente col compagno Hans, affinché gli animi non si raffreddino col passare del tempo e che la solidarietà resti viva senza cadere nell’apatia e nell’indifferenza dell’abitudine.

Forza e solidarietà permanente a Hans Niemeyer!

fonte

Leave a Reply

Your email address will not be published.