Bandung, Indonesia: ELF rivendica incendio di una fabbrica di giubbotti antiproiettile

La polizia è il nemico. Questa è la nostra considerazione finale e non è negoziabile. La polizia non ci è amica, individualmente e come istituzione, e non può essere esclusa dalla lista dei nemici bersagli dei nostri attacchi. Come istituzione e come individui, il fine della polizia è proteggere la civilizzazione e lo sfruttamento a danno della terra. L’obiettivo della polizia – come quello di altri strumenti repressivi – è di mettere al sicuro il denaro e gli investimenti per il distruttivo stile di vita odierno antropocentrico. La polizia non rappresenta i nostri interessi. Piuttosto, è una delle migliaia di facce dello scandalo attuale. La polizia deve essere attaccata, il più duramente possibile.

Per il loro leale servizio come cani da guardia per la domesticazione della vita, essi sono equipaggiati con dotazioni belliche usate contro la liberà volontà e le aspirazioni di una vita selvaggia dove la giustizia e le leggi sono totalmente assenti. Hanno armi, corazze e giubbotti antiproiettile. I dispositivi vengono costruiti affinché i porci possano agire con sicurezza nella guerra contro i loro padroni.

Ma si sbagliano. I poliziotti-porci hanno un’idea totalmente sbagliata se pensano che non siamo abbastanza coraggiosi da attaccare i loro settori fondamentali. Ecco perché abbiamo collocato due contenitori di 5 litri di benzina e 5 di diesel con un innesco automatico. Fatto in modo da avere il tempo di lasciare la zona dell’attacco in modo da non farci catturare. Che è il tempo più che necessario affinché la natura ci protegga rimuovendo tutte le tracce del nostro passaggio.

Abbiamo fatto un nuovo passo per radicalizzare i nostri attacchi ed estendere gli effetti del danno di ogni colpo che infliggiamo al nemico. I dispositivi incendiari sono stati messi in una fabbrica nelle prime ore di lunedi 23 Settembre 2013, situata nella via Canal Suryani, villaggio di Babakan, regione Babakan Ciparay, Bandung, Giava Occidentale.

Il motivo? Questa fabbrica produce giubbotti antiproiettile per poliziotti e soldati. Questo impianto è una delle fonti per la produzione di equipaggiamento bellico per questi porci. I giubbotti antiproiettile servono per proteggere poliziotti e soldati quando aprono il fuoco contro il nemico, sparando contro di noi e i nostri fratelli.

Ecco perché questo posto ha preso fuoco, carbonizzandosi, e questo è il fine dell’azione.

Insieme a queste azioni, mandiamo i nostri rispettosi saluti ai combattenti in ogni parte del mondo che senza esitazioni attaccano per quanto possibile. Saluti all’azione congiunta di CCF Russia e ELF Russia. E anche all’attacco coraggioso dei combattenti Amici della Terra/FAI in Argentina. E ai molteplici attacchi fatti dai valorosi della CCF e della ICR all’interno del Progetto Fenice.

Questa azione è anche il nostro caloroso saluto e abbraccio ai coraggiosi tenuti prigionieri dallo stato ma sempre in guerra nonostante i limiti fisici. A Gabriel Pombo Da Silva, Marco Camenisch, Hans Niemeyer, Walter Bond, alla cellula dei prigionieri membri della CCF e ai prigionieri in Grecia, Italia e Cile che non menzioniamo uno ad uno, ma che sono sempre nei nostri cuori.

Abbattere la civilizzazione.
Vita Selvaggia, adesso!

Fronte di Liberazione della Terra (ELF), Frazione Indonesiana

[alcuni video dalla stampa: i, ii, iii, iv]

Leave a Reply

Your email address will not be published.