Madrid: Cronaca dalla concentrazione anti-repressione e solidale con i/le 5 di Barna

179_3

Lentamente, a partire dalle 12:00 del mattino, la gente si stava avvicinando alla concentrazione anti-repressiva in solidarietà con i/le 5 anarchici/che prigionierx di Sabadell e per denunciare la diffusa repressione nella cuale ci vediamo coinvolti.

La piazza di Madrid, Tirso de Molina, indossava il suo aspetto tipico delle domeniche con le bancarelle di libri politici, propaganda, abbigliamento o musica. Ciò che in un primo momento sembrava che sarebbe stata una concentrazione di 20-30 persone, con un paio di striscioni nella piazza antistante la metropolitana, a poco a poco è cresciuta nei numeri e nel rumore. I vicini del quartiere, i/le compagnx di tutta Madrid, stavamo insieme per rivendicare la libertà e la solidarietà. Visto l’aumento della concentrazione si è deciso di trasformarla in una manifestazione per il quartiere di Lavapiés, circa 300 persone sono uscitx in atteggiamento allegro e combattivo. Cantando slogan anti-autoritari, contro lo Stato, il capitale e le prigioni per tutto il percorso.

Non vi è stato nessun incidente, la presenza della polizia era pari a zero (o almeno non visibile) e la complicità dei vicini quando si sono scandito slogan contro la polizia si è vista, non è sorprendente che il quartiere è stanco della polizia con i suoi molteplici episodi di violenza eccessiva e i raid razzisti che avvengono ogni mese.

Di ritorno a Tirso de Molina è stato letto un comunicato ed è finita la manifestazione.

La sensazione generale dei/le compagnx rispetto a questa chiamata è abbastanza positiva, giacche con poco tempo e poche risorse siamo riusciti a mettere insieme un buon numero di solidali, oltre ad essere una chiamata che viene dall’intorno anti-autoritario gli slogan e le parole d’ordine andavano oltre il comune delle grandi mobilitazioni, ciò ci ha fatto sentire più comodi e con più forza per tirare avanti.

Ci auguriamo che questo gesto raggiungerà i/le compagni/e sotto la repressine e imprigionati/e, soprattutto a i/le 5 di Barcellona: Yolanda, Juan, Silvia, Jose e Xavier.

Che la solidarietà non si stenda e che la repressione non ci ferme .
Le carceri sono centri di sterminio.
Continuammo a volere tutto. Viva l’anarchia.

fonte

Leave a Reply

Your email address will not be published.