Messico : Aggiornamenti sul processo di Mario “Tripa” López

30 Agosto 2012
Il primo processo non si è tenuto ed è stato rinviato. Inoltre, il compagno Mario “Tripa” Lopez è già stato spostato dalla “sezione ospedaliera” nonostante il fatto che le sue ferite non sono ancora guarite. Nell’ultima settimana, il “Tripa” è stato spostato per l’udienza preliminare del processo. Tuttavia, per il fatto che il giudice non ha pubblicato l’elenco delle udienze, la prima non si è svolta e sarà riprogrammata. In quei giorni, ai compagni sono state date diverse date per andare alla corte, per sostenere Mario, poterlo vedere e mandargli un saluto attraverso il vetro.

Non c’è dubbio che il ritardo nell’udienza sia una strategia dei giudici per allungare il processo e in questo modo sfiancare il nostro compagno. Il team legale continua con il suo lavoro, con l’intenzione di fermare queste manovre da parte del giudice.

Mario è già stato trasferito nell’ala della prigione di Osservazione e Classificazione, nonostante le sue ferite non siano ancora guarite. Qui dovrà affrontare le tipiche dinamiche della prigione, in cui paghi per tutto, inclusa la possibilità di circolare all’interno dell’area. Come diciamo sempre, ci incontreremo di nuovo in salute e forza, la solidarietà andrà avanti finchè necessario.

Croce Nera Anarchica del Messico (CNA México)

20 Settembre 2012
Le udienze programmate per i giorni 11, 18, 19 e 20 settembre di quest’anno contro e per la difesa di Mario Antonio Lopez, “Tripa”, si sono svolte come previsto.Si possono evidenziare varie questioni che attestano le irregolarità – come già ci si aspettava – nel caso legale del compagno:

1. E’ stata chiara l’intenzione di dare seguito e collegamento tra il processo di Mario Lopez con il caso collegato all’esplosione del 26 Giugno 2012 alla Commissione Federale di Elettricità, questione che era stata distaccata e per la quale non deve essere giudicato.

2. Si sono presentate persone, tra cui poliziotti, richiesti dalla parte accusatoria, che non hanno relazioni con il caso visto che non sono testimoni oculari, e alcuni non conoscevano nemmeno la ragione per cui Mario era sotto processo. Alcuni di essi sono stati convocati per questioni relative a un arresto di Mario Lopez nel 2009 durante una manifestazione contro la corrida, questione che non richiede continuazione, come è ovvio, ma che loro tentano di riportare in luce.

3. Vari dei testimoni “presenziali” non riconoscono le dichiarazioni contenute nel fascicolo, dichiarazione che farebbero menzione del “pericolo” e “terrore” causati presumibilmente dall’azione per cui è processato il compagno. Hanno negato di aver detto quelle parole, argomentando di non aver letto con attenzione quello che hanno firmato.

Tutto questo ha portato al cancellamento di molte delle presunte “prove” presentate contro il compagno da parte del segretario della Cancelleria 32 del Reclusorio Sur, con l’allungamento del processo, cosa comune in questi casi. Infine, lo spettacolo offerto in queste udienze mostra già l’insolenza della manipolazione che hanno cercato di fare del caso del compagno.Facciamo una chiamata a mantenere l’attenzione su quello che succede nei prossimi procedimenti legali in cui sarà imputato il compagno.

Gruppo di avvocati in solidarietà con i prigionieri anarchici

fonti : i, ii

Leave a Reply

Your email address will not be published.