Atene: Breve riassunto della manifestazione antifascista il 1° Settembre

Circa 2.500 persone hanno partecipato alla manifestazione antifascista ad Atene Sabato scorso, 1° Settembre. Il punto d’incontro per la dimostrazione era alla Piazza Monastiraki alle 5 del pomeriggio, da dove i manifestanti hanno marciato sulla Via Athinas poco prima delle 18:00 sul loro percorso programmato attraverso le arterie principali della città, per arrivare fino a Piazza Syntagma. L’idea della manifestazione è stata quella di arrivare alla Piazza Syntagma per confrontarsi con un gruppo di fascisti “autonomi”, una fazione dei circoli nazionalisti locali, che pratica la strategia politica dell’entrismo per condurre gruppi di dissidenti verso i colpi dei neo-nazisti.

Questi gruppi plagiano la propaganda virtuale e la terminologia del movimento anarchico/anti-autoritario in modo da attirare dei giovani e convertirli alla loro causa. Si presentano come il “polo antagonista” al partito neonazista dell’Alba Dorata (Chrissi Avgi in greco), al fine di differenziarsi dagli stereotipi parastatali dell’estrema destra che apertamente collaborano con i servizi dello Stato e le forze di sicurezza. Anche se l’aumento dell’Alba Dorata ha limitato dinamica di questi gruppi e la loro influenza nei circoli fascisti, il loro pericolo non deve essere trascurato, in quanto sono già riusciti ad infiltrarsi nelle grandi manifestazioni durante gli scioperi.

Tuttavia, Sabato scorso solo poche decine di nazionalisti “autonomi” sono riusciti a scendere per l’occasione in Piazza Syntagma, ed erano ben protetti da una presenza enorme della polizia. I poliziotti avevano bloccato tutte le strade che portano alla zona intorno a Syntagma con autobus della polizia ed una serie di squadroni di polizia antisommossa (MAT)- con l’appoggio d’un elicottero che volava a bassa quota al centro della città – costringendo gli antifascisti a fermare la manifestazione a Piazza Omonia prima di tornare in Piazza Monastiraki, dove più di un migliaio di persone sono rimaste alcune ore di più per assicurare che i gruppi fascisti non avrebbero effettuato delle azioni pericolose durante il loro raduno.

Nonostante il fatto che la manifestazione non abbia raggiunto Piazza Syntagma, non c’è stata comunque la mancanza d’azione diretta. Come è stato riportato in Indymedia Atene, dopo la manifestazioni, in varie occasioni, gruppi Antifa hanno trovato delle bande fasciste e li hanno pestati come si deve.

Leave a Reply

Your email address will not be published.