Varsavia, Polonia: Operazione repressiva contro lo squat Elba

Lo squat Elba e’ stato attaccato il 16 Marzo da una societa’ di sicurezza privata, che ha ricevuto l’assistenza da parte della polizia. Il tentativo di sfratto e’ arrivato con totale sorpresa per le persone che vivono nell’Elba. L’Elba e’ il piu’ grande e piu’ antico centro sociale attivo di Varsavia.

Lo sfratto e’ stato una sorpresa visto che la presenza degli occupanti in questo luogo e’ stato accettato dalla compagnia Stora Enso ( la proprietaria) dopo le proteste di 2 anni fa’. Nessuno e’ stato informato della prevista data dello sfratto.

Poco dopo le 11.00 le guardie di sicurezza assunte dalla società di sicurezza chiamata “Skrzecz” hanno fatto irruzione nell’edificio. Non hanno presentato un mandato di sfratto ed hanno usato violenza nei confronti degli abusivi al fine di costringerli a lasciare la proprietà. Gli occupanti hanno resistito ed una persona si è barricata nella sua stanza e almeno altri sei hanno occupato il tetto dell’edificio. Gli occupnti hanno emesso un appello urgente di aiuto e solidarietà. Le unità della polizia sono arrivate subito sul posto. Il fatto che lo sfratto fosse illegale è stato ignorato dalla polizia che invece ha iniziato a bloccare la manifestazione di solidarietà.

Dopo poche ore c’erano circa 100 i manifestanti che hanno cercato di fermare lo sfratto, hanno affrontato circa 30 poliziotti antisommossa che appoggiavano la società di sicurezza. I manifestanti si sono scontrati con la polizia che ha usato gas lacrimogeni contro i manifestanti, senza alcun preavviso, ma non ci sono stati gravi scontri. Col passare del tempo altre unità della polizia sono arrivate nella zona cosicchè i dimostranti e gli occupanti si sono trovati circondati. Poco dopo le 18.00 la polizia ha dato l’ordine di disperdersi ed ha iniziato a rimuovere i giornalisti dalla zona. Sembrava che potresse essere  l’inizio di uno sgombero brutale. Tuttavia, per la sorpresa dei manifestanti la polizia e le guardie di sicurezza hanno lasciato la zona alle 8 di sera.Ciò ha permesso alla gente di entrare nello squat e di rioccuparlo.

L'Elba rimane

Il giorno dopo l’Elba ha rilasciato una dichiarazione dove ha condannato l’azione della polizia e della società di sicurezza. E’ stato fatto sapere che il proprietario dell’area ha dato agli occupanti una settimana di tempo per andarsene. L’Elba chiede sostegno internazionale al fine di prevenire ulteriori attacchi. La manifestazione in difesa dello squat è prevista per il 23 Marzo in centro città (Varsavia).

Anche il collettivo Anonymous ha attaccato il sito web della società di sicurezza e le sue caselle di posta elettronica. Il sito è stato bloccato come azione simbolica di solidarietà.

Fonti: 1, 2, 3

Leave a Reply

Your email address will not be published.