Grecia: Messaggio dei prigionieri politici circa il divieto di navigazione imposto alla Flottiglia Free Gaza

Giovani palestinesi lanciano pietre contro le forze di occupazione israeliana, Gerusalemme Est 2010

Ai primi di luglio il governo greco agisce esclusivamente in nome dello Stato di Israele ordinando il divieto di navigazione alla Flottiglia Freedom 2, un gruppo di unità navali che trasportano aiuti umanitari nella Striscia di Gaza in solidarietà con il popolo palestinese.

Indubbiamente, il blocco navale da parte delle forze in uniforme della Guardia costiera ellenica, e il
seguente ordine divieto di veleggiare da parte del Ministero della Protezione Cittadina non consistono in “episodi isolati” di svago autocratico, in quanto l’autocrazia è infatti la politica della democrazia parlamentare; sono diffusi ovunque: dall’infiltrarsi nelle manifestazioni fino alla repressione  delle  manifestazioni di resistenza e di protesta. Dall’intensificarsi dell’ attacco del Capitale contro il proletariato ai rapporti tra i neo-giannizzeri di EL.AS [Polizia ellenica] e i gruppi di estrema destra.

arrestati Palestinesi

Il divieto di navigazione aggiunge non solo il dogma della repressione adattato alla crisi finanziaria, ma anche una nuova dogmatica finanziario-militare del dare e avere, nel quadro dell’alleanza  Grecia-Stato d’Israele.

Di fronte a quest’autocrazia, cerchiamo di attivare la nostra solidarietà internazionalista!

 

Solidarietà alle migliaia di prigionieri politici Palestinesi che hanno cominciato uno sciopero della fame nelle prigioni di Israele il 3 Luglio.

LIBERTA’ AL POPOLO PALESTINESE

Polykarpos Georgiadis, Michalis Traikapis, Alekos Kossyvas, Nikos Maziotis, Kostas Gournas, Pola Roupa, Dimitris Koufontinas, Yannis Dimitrakis, Simos Seisidis, Kostas Sakkas, Nina Karakatsani, Stella Antoniou

fonte

Leave a Reply

Your email address will not be published.