La cospirazione delle Cellule di Fuoco e il caso dei “pacchi-bomba”

“Cospirazione delle cellule di fuoco”

Gli anarchici arrestati, Gerasimos Tsakalos e Panagiotis Argiriou, hanno assunto la responsabilità per la spedizione dei pacchi incendiari a diverse istituzioni straniere e hanno riconosciuto la loro partecipazione alla Cospirazione delle Cellule di Fuoco. Il comunicato in inglesequi.

Nello stesso tempo anche Haris Hadjimihelakis, prigioniero politico che è stato arrestato l’anno scorso, ha ammesso la sua partecipazione alla Cospirazione delle Cellule di Fuoco. Il comunicato in inglese qui.

La Cospirazione delle Cellule di Fuoco ha diffuso un comunicato di 13 pagine, in cui si spiegano le azioni contro le istituzioni straniere con il metodo dei pacchi incendiari, e ha fatto un richiamo alla solidarietà internazionale.

Il processo per il caso della Cospirazione delle Cellule di fuoco è fissato per il 17 gennaio 2011. Sul banco degli imputati si troveranno i tre che hanno assunto la responsabilità per la loro partecipazione all’organizzazione (complessivamente sono state arrestate cinque persone). Il processo per il caso dei pacchi incendiari si deve ancora fissare.

Fronte rivoluzionario internazionale. Appello alla solidarietà con i guerriglieri dell’organizzazione rivoluzionaria Cospirazione delle Cellule di Fuoco, con i rivoluzionari e le altre persone accusate per lo stesso caso (processo il 17 gennaio 2011)

Un’altra ragione della nostra azione, ossia dell’invio massivo di pacchi incendiari alle ambasciate ed ai leader europei, è stata quella di lanciare un appello internazionale.
Pertanto, inviamo un appello a tutte le parti della terra, dall’Europa all’America latina, a rafforzare la guerra rivoluzionaria. Organizziamoci a livello internazionale e puntiamo al nemico. Siamo impazienti di vedere gli elementi sovversivi che inonderanno le strade ed i gruppi guerriglieri che colpiranno ancora ed ancora. Tutti i mezzi saranno tirati fuori dai nascondigli e posti sul tavolo, senza alcun tabù e senza cadere in alcun feticismo. Durante le manifestazioni spacchiamo la testa degli sbirri, espropriamo le banche e diamole alle fiamme, che le bombe facciamo saltare in aria gli edifici governativi, le armi giustizino i politici, i giornalisti, gli sbirri, i giudici ed ogni specie di quelli che proteggono questo mondo. Cosi, passo dopo passo, il nemico interno diviene più pericoloso per essi.
Che la solidarietà, come una delle più potenti ed autentiche armi nelle mani delle forze rivoluzionarie, sia capace di gridare con più forza ed in maniera coordinata. Agli arresti di massa durante un corteo in Belgio noi risponderemo collocando bombe in Grecia, quando dei membri di qualche gruppo rivoluzionario del Cile o dell’Argentina saranno arrestati, gli attacchi dei compagni faranno tutto a pezzi. Per noi, i guerriglieri morti e arrestati non sono un punto per pensare alla tregua, al contrario si convertono in una forza motrice per acuire i processi rivoluzionari. Pertanto, crediamo che la Solidarietà debba essere più un’ostinazione armata dell’oggi che una protesta umanitaria riformatrice.
Il 17 gennaio 2011 si terrà ad Atene il processo sul caso della nostra organizzazione rivoluzionaria. Saranno processati alcuni dei nostri orgogliosi membri, assieme ad altri rivoluzionari ed anarchici implicati nel caso per delle relazioni personali con gli imputati. Non vale la pena parlare del processo in sé, perché noi ci poniamo al di là delle definizioni utilizzate dalle autorità giudiziarie. Quel che importa è esprimere una solidarietà combattiva verso i compagni imputati e/o arrestati per questo caso. Nonostante la caccia scatenata dalla polizia contro di noi, nonostante il recente arresto di due dei nostri membri, nulla può fermare la continua, ed in permanente sviluppo, marcia delle nostre attività.
Fermi nella nostra decisione di proporre una battaglia fino alla fine, RIVOLGIAMO UN APPELLO ai compagni ed ai gruppi guerriglieri della Grecia, del resto dell’Europa, del Cile, dell’Argentina, del Messico e dei tanti altri lati affinché mandino un messaggio offensivo alle autorità greche come anche un saluto solidale ai prigionieri della nuova guerriglia urbana. Affinché questo processo sia un motivo in più per promulgare la Guerra Rivoluzionaria.

Cospirazione delle Cellule di Fuoco

Il comunicato di 13 pagine in greco qui.

Fonte: http://actforfreedomnow.blogspot.com

Leave a Reply

Your email address will not be published.