Prigioni statunitensi: Dichiarazione di Marius Mason per la giornata d’azione e di solidarietà con i/le prigionier* trans il 22 gennaio 2016

marius

Buon anno, famiglia e amic*! Un enorme grazie per il sostegno e l’attenzione ricevuti tutto l’anno, da parte sia di amic* di lunga data sia di nuov* corrispondent*. Sono riconoscente e commosso dall’incoraggiamento e le risorse che mi vengono inviati da persone che fanno già tanto per aumentare le nostre chance collettive di sopravvivenza. I notiziari [negli Stati Uniti] sono pieni di storie sulle persone che hanno vinto il grande «montepremi in denaro» accumulato dalla Lotteria americana – ma la «vincita» più importante non ha niente a che vedere con i soldi. Scommetto sul fatto che il movimento guadagnerà parecchio quest’anno: ottenendo più potere per la propria comunità e difendendosi di fronte alla brutalità poliziesca e contro le diseguaglianze razziali, conquistando più vittorie ancora per gli animali e in difesa delle specie selvagge, creando dei rapporti sociali basati sul rispetto, la dignità e la compassione per tutt*… indipendentemente dalla loro razza, dal loro orientamento, fede o apparenza di genere.

Vi ringrazio di riunirvi oggi per sostenere quei membri della nostra comunità che lottano così duramente dietro le mura per mantenere intatte le loro coscienze. La nostra autonomia su noi stess*, sui nostri corpi è essenziale perché sia possibile qualsiasi altro tipo di libertà. Tendendo la mano ai/lle prigionier* trans, affermate il loro diritto a definirsi da sé e per sé – e l* difendete dalle voci opprimenti che fingono che non esistono, che dovrebbero lasciare che gli altri l* definiscano. Nell’ambiente d’isolamento della prigione è qualcosa di tossico e intimidante, ed è la forma più crudele di tortura psicologica. Offrendo il vostro aiuto e la vostra solidarietà potreste davvero salvare una vita. Lo so perché nell’ultimo anno e mezzo mi sono battuto per affermarmi in quanto uomo trans, mi sono battuto per ottenere il sollievo di un aiuto medico appropriato alla mia disforia di genere – ed è stato il pensiero tenero e affettuoso della famiglia allargata delle persone che mi sostengono a darmi la forza e il coraggio di continuare. Per favore, unitevi a me per offrire questo aiuto a tante personne che ne hanno bisogno per andare avanti. Non sottovalutate mai il potere salvifico di una lettera, quelle lettere mi hanno permesso di andare avanti… e voglio trasmettere questo regalo, se accettate di aiutarmi.

Vi ringrazio ancora di riunirvi oggi, di unirvi a chi, dentro, ha davvero bisogno di voi, bisogno di voi perché l* vediate come sono veramente, e che lottano per essere vist* in questo modo. Finché le prigioni non spariranno, abbiamo bisogno di lavorare duro per sostenere quell* di noi che sono all’interno – soprattutto chi non è sempre così visibile agli occhi del mondo. Insieme siamo sempre più forti.

Marius Mason

Gennaio 2016

in francese, portoghese, inglese

Leave a Reply

Your email address will not be published.