Salonicco: Sabotati dei bancomat in solidarietà con Evi Statiri

Il 14 settembre 2015 Evi Statiri ha cominciato uno sciopero della fame contro la paura e l’ingiustizia, esigendo la fine della sua incarcerazione vendicativa. Il governo di Syriza, in un altro tentativo di calmare la situazione, ha scarcerato Evi imponendole dure misure cautelari:

Divieto di uscire dal territorio dello Stato greco, obbligo di presentarsi al commissariato del quartiere 3 volte al mese, divieto di incontrare o comunicare con gli/le imputat* dello stesso caso, compreso col suo compagno, Gerasimos Tsakalos, residenza obbligatoria nella sua casa nel quartiere di Gyzi, e limite di circolazione di un chilometro intorno al proprio domicilio.

Nessuno può giocare con le vite dei/lle nostr* compagn* e le loro famiglie. Le pratiche vendicative degli apparati statali nei confronti dei/lle guerriglier* urban* prigionier* non resteranno senza risposta.

Come risposta minima alle misure cautelari imposte a Evi Statiri, martedì 6 ottobre abbiamo attaccato e distrutto i due bancomat situati davanti all’Università di Macedonia.

SOSPENSIONE IMMEDIATA DELLE MISURE RESTRITTIVE CONTRO EVI STATIRI

SOLIDARIETÀ E FORZA AI/LLE COMPAGN* PRIGIONIER* E LE LORO FAMIGLIE

Solidar*

in spagnolo, portoghese