Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Atene: Aggiornamento sul processo per la doppia rapina a Velventòs-Kozani (Udienza 6 e 7)

Udienza 6 — 4/3/2014

Esaminati tre testimoni. Il direttore della filiale Agrotiki bank (oggi filiale Pireus), un dentista che gli autori della rapina trovarono lungo la strada verso Veria e che portarono con loro, e un pensionato della compagnia nazionale elettrica che è stato testimone oculare della seconda rapina alle Poste (ELTA) di Velventòs.

Due dei tre, testimoni oculari delle rapine, hanno detto di non poter identificare nessuno degli autori, perché avevano il volto coperto e indossavano tute da lavoro. Il direttore della banca ha detto che alcune delle caratteristiche di uno degli autori “sarebbero simili” a quelle di uno degli arrestati brutalmente picchiati. Ovviamente, tali “simulazioni” non sono abbastanza per identificare qualcuno. Il presidente del tribunale e soprattutto l’accusa hanno cercato di utilizzare le testimonianze riguardo la simulazione di alcune caratteristiche al fine di ottenere un’identificazione dei compagni come autori della rapina in banca a Velventòs. Il testimone ha detto categoricamente di non poterlo identificare e di non voler accusare un innocente…

Al testimone è stato anche chiesto se ci fu terrore o paura per i cittadini che erano in banca in quel momento. Lui ha descritto il comportamento degli autori come impeccabile, sia verso se stesso che verso gli impiegati e tutti i clienti. Gli autori hanno anche permesso ai presenti di uscire dall’edificio mentre la rapina era ancora in corso.

Il dentista preso in ostaggio dagli autori, sebbene pressato per fornire un’identificazione, non l’ha data e ha detto di non poter identificare nessuno. Uno dei compagni accusati ha comunque dichiarato che il testimone ha raccontato solo metà di quanto successo.

Alla questione di un membro della corte, se i cittadini si siano sentiti spaventati da questa rapina, dato che era stata fatta da “membri della CCF”, i testimoni hanno risposto di non aver avuto paura.

Udienza 7 — 13/3/2014

La richiesta della difesa di rinviare l’udienza, visto che l’avvocato Spyros Fitrakis era in corte d’appello dove il compagno Argyris Ntalios (il caso di questo compagno è stato rinviato al 21 Marzo 2014) doveva presentarsi in aula, è stata accettata.

Il processo riprenderà giorno 1 Aprile.

fonte : act for freedom now

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>