Istanbul: Fronte di Liberazione della Terra FAI/FRI rivendica incendio di un escavatore

Abbiamo illuminato una scura e nera notte bruciando un palo d’acciaio, le fiamme sono state viste da lontano, e oltre al piacere che ciò ci ha dato, l’azione è stata fatta in nome dell’ecovandalismo – il cui nome non è mai stato sentito prima.

Giovedi 20 Febbraio 2014 a Poyraz, nella regione rurale della parte anatolica di Istanbul, abbiamo attaccato un escavatore lasciato al confine di un cantiere, e abbiamo imbrattato diversi luoghi intorno al sito con la firma “ELF-FAI/FRI”. Mentre questo distruttore della natura veniva neutralizzato con un semplice, munito di timer, dispositivo incendiario autocostruito, il messaggio che abbiamo voluto dare è chiaro: “Se lo costruite, noi lo bruceremo e distruggeremo!”.

Le nostre motivazioni per questa azione:

Vogliamo sottolineare che l’attacco definitivo alla dittatura, che si legittima conducendo progetti ecocidi come il “Terzo Ponte sul Bosforo” e il “Canale Istanbul”, non deve più concretizzarsi negli stereotipi liberali-pacifisti come le “campagne di sensibilizzazione” e i “processi giuridici”. Questo tipo di organizzazioni cercano solo di rallentare l’inevitabile, e intralciare la ragionevole eco-difesa contro la distruzione ecologica in corso. Cercando di avere una risposta positiva da parte del sistema giudiziario statale, che è in verità l’appaltatore degli ecocidi, essi aiutano a smontare la rabbia indirizzandola verso le elezioni o i social media.

La civilizzazione industriale capitalista si sta diffondendo con ponti e autostrade sulla Terra, sta avanzando dentro le foreste di cemento che costruisce, considerando la natura solo come risorsa, si sta diffondendo riducendo la natura selvaggia ogni giorno nel nome della mancanza di energia, e sta diventando dominante. Per questo motivo, agiamo contro una società che crede che costruire, sviluppare ed espandersi sia una virtù, rivendichiamo quindi la responsabilità di eliminare tutto ciò riguarda questo processo, e come parte di una lotta di liberazione totale globale scegliamo di farlo mettendo in pratica semplici metodi incendiari, sabotaggi e azione diretta.

Dedichiamo questa notte, nella quale abbiamo illuminato i castelli del dominio con le fiamme, ai compagni caduti, prigionieri e latitanti.

A Sebastián Oversluij Seguel, ucciso da un vigilantes mentre faceva una rapina in banca a Santiago, capitale del Cile, l’11 Dicembre 2013; a Alfonso Alvial e Hermes González, arrestati; a Tamara Sol Farías Vergara, arrestata e accusata di aver sparato ad un vigilantes il 21 Gennaio 2014 in Cile.

A Ali İsmail Korkmaz, Ethem Sarısülük, Abdullah Cömert, Medeni Yıldırım, Mehmet Ayvalıtaş e Ahmet Atakan, uccisi dallo stato turco, e a Berkin Elvan (un ragazzo di 16 anni), colpito alla testa da un lacrimogeno, in terapia intensiva dal 15 Giugno 2013, durante gli scontri di Gezi Park iniziati nell’estate 2013.

A Hans Niemeyer, prigioniero dal 30 Novembre 2011 e accusato di un attacco esplosivo contro una banca in Cile.

A tutti gli attivisti “No TAV”, nelle montagne del nordovest italiano da circa 20 anni, e a Nicco, Claudio, Chiara e Mattia, arrestati per la lotta contro l’alta velocità (TAV).

A Mónica Caballero e Francisco Solar, arrestati per un attacco incendiario alla cattedrale del Pilar a Saragoza, e a tutto il movimento d’azione diretta contro la Chiesa in Spagna.

A Fallon Poisson, Amelie Pelletier e Carlos López Marín, arrestati per un attacco al Ministero delle Comunicazioni e Trasporto e alla concessionaria Nissan in Messico il 5 Gennaio.

A Ilya Romanov, ferito da una granata esplosa tra le sue mani, e arrestato in quanto sospettato di aver attaccato dei poliziotti il 26 Ottobre 2013.

Agli anarchici prigionieri e ribelli per i casi della Cospirazione delle Cellule di Fuoco, Lotta Rivoluzionaria, Velventòs-Kozani in Grecia, e a tutti i prigionieri del mondo.

Ai ribelli, anarchici e black bloc che agiscono attivamente nelle esplosioni sociali (Egitto, Brasile, Ucraina, Bosnia e altre parti del mondo), e a chi urla gli slogan “Insurrezione, Sovversione, Anarchia”, lottando contro i poliziotti e attaccando le istituzioni sfruttatrici nelle strade di Istanbul, Izmir e Ankara.

All’eco-combattente Marco Camenisch, prigioniero in Svizzera da più di 21 anni.

Mandiamo la nostra solidarietà, amore e rabbia a tutte le cellule della Federazione Anarchica Informale che hanno organizzato attacchi informali e cospirazioni in tutto il mondo, al Fronte Rivoluzionario Internazionale, a ITS, a tutte le cellule del Progetto Fenice, a tutte le cellule ELF e ALF e a tutti i lupi solitari che camminano nell’oscurità della notte, a tutti i compagni, ribelli i cui nomi dimentichiamo mentre scriviamo queste righe.

ELF-FAI/FRI (Fronte di Liberazione della Terra-Federazione Anarchica Informale/Fronte Rivoluzionario Internazionale)

Leave a Reply

Your email address will not be published.