Germania: Rivendicazione di responsabilità per l’attacco incendiario su veicoli della polizia municipale di Berlino

5-Fahrzeuge-des-Ordnungsamts-Berlin-Mitte-angezündet

La notte del 29 Gennaio 2013, nel corso di una spontanea festa di riscaldamento per la campagna contro il 16º Congresso Internazionale di Polizia (a febbraio), cinque auto dell’Ufficio dell’Ordine di Berlino, nel quartiere di Mitte sono state incendiate, e l’edificio sulla Berolinastraße è stato bombardato con vernice.

Se avessimo visto il congresso polizia solo come una mostra del settore della sicurezza, non avremmo fatto questo piccolo regalo alla polizia municipale, una forza che ci invita a dare un’occhiata più da vicino alla sua funzione.

Di sicuro, il più delle volte, le cosiddette pattuglie distrettuali eccitano l’ira per l’imposizione di ammende e per le relative procedure spietate anche per infrazioni banali. Tuttavia, il loro compito più importante sembra essere la presenza ubiquitaria di una funzione di controllo dello Stato nella vita quotidiana.

In tutta Europa, il dispiegamento dei militari è stato discusso dopo i disordini urbani – nel 2005 nelle banlieues francesi, durante il Dicembre Greco del 2008, dopo i disordini di Londra il 2011. Ci sono vari motivi che hanno impedito che questo intervento militare accadesse; i rispettivi governi sono certamente a conoscenza del fatto che l’ordine non è simboleggiato dalla presenza massiccia di forze armate fino ai denti, ma può essere raggiunto da un’intensa interazione di funzioni di polizia in tutti i giorni della vita. La partecipazione dei cittadini in una forza di ordine pubblico deve quindi essere liscia, e il controllo reciproco deve essere migliorato solo nel costante timore di attirare l’attenzione attraverso il comportamento deviante.

Così, molti Stati hanno stabilito un apparato “leggero” di polizia in aggiunta alle forze normali. La Guàrdia Urbana a Barcellona vicino agli Mossos d’Esquadra e la Policía Nacional, le forze della polizia municipale attraverso le zone calde della Francia accanto alle Compagnies Republicaines de Sécurité, ed anche le gendarmerie dei cittadini-amichevoli a Londra che hanno più probabilità di trovare l’accesso alla popolazione. Una controparte della Ordnungsamt tedesca esiste in Atene, con i poliziotti comunali disarmati. Soltanto l’Italia ha intrapreso qui in un percorso eccezionale, con pattuglie dell’esercito nelle città.

I servizi comunali di polizia di Berlino intervengono laddove l’intervento della polizia non si ritiene necessario, ed ancora riferiscono ai responsabili di zona, con i quali la polizia regolare e la polizia municipale collaborano strettamente. L’annuale festa di strada Myfest a Kreuzberg può essere vista come un tipico esempio di contro-corrente.

Responsabili di zona e società di sicurezza private, insieme con la polizia, hanno penetrato le istituzioni giovanili, così come le scuole. C’è una cooperazione per la sicurezza della polizia con le imprese di costruzione edilizie, le scuole, i servizi del trasporto pubblico e i fornitori di sicurezza privati. Tutto ciò si traduce nei “piccoli aiutanti di Henkel” (titolo del tabloid tedesco “DZ” in relazione al senatore di Berlino Frank Henkel e le 12enne guardie di sicurezza a Myfest) ed ad una diffusa accettazione nei confronti delle pene per le violazioni della norma. Poi qualsiasi funzionario della polizia municipale, che controlla con un righello il corretto posizionamento delle sedie nelle feste di gastronomia all’aperto o l’ordine delle tabelle nei mercati delle pulci, sembra essere un’immagine in qualche caricatura.

Questo rigore tedesco è spaventoso quando si pensa in data odierna a 80 anni fa. Il passaggio tranquillo dalla polizia della Repubblica di Weimar agli organi di sicurezza dei nazisti ha causato problemi morali solo ad un numero minore di poliziotti; avevano solo contribuito a far rispettare una legge esistente. Dopo di che, si sono scivolati dolcemente nella Polizia del Popolo (nella Germania Orientale) o nella polizia della Germania Occidentale, sempre dalla parte della “legge e dell’ordine.”

Indipendentemente dal fatto che questi poliziotti sono stati coinvolti in genocidi in territori occupati sotto la “Polizia dell’Ordine” (la forza regolare in uniforme nella Germania nazista), oppure ti hanno gridato come “Ufficio d’Ordine” perché il tuo cane non era al guinzaglio, la stessa convinzione è sempre nascosta dietro a tutto questo: che la libertà individuale di una persona vale nulla in confronto alla costruzione di un bene comune statalista, che, purtroppo, può essere raggiunto solo con la violenza.

Con la nostra festa di riscaldamento abbiamo voluto sottolineare che questa convinzione di una necessità e la giustificazione della presenza dello stato nella tua stessa vita può essere spezzata solo se la loro vulnerabilità è provata. E vulnerabile è il potere delle forze di quartiere di Berlino, che si occupano del trattamento dei rifugiati, l’allontanamento dei bevitori e dei Rom dai parchi e dalle piazze, e di una politica giovanile repressiva, in molti luoghi.

FACCIAMO COLLASSARE L’ARCHITETTURA DI SICUREZZA EUROPEA!

Gruppi Autonomi, 30/01/2013

Leave a Reply

Your email address will not be published.