Grecia, Atene : Assunzione di responsabilità dalla Minoranza Combattente/Comando Alexandros Grigoropoulos 07/12/2012

Assumiamo la responsabilità per l’attacco incendiario alla casa dell’ex ministro delle Finanze e della Difesa Giannis Papantoniou. Siamo arrivati ​​davanti alla porta della sua villa in via Olimpias a Kifissia ed abbiamo dato fuoco alle due auto che usa lui e la sua “moglie” Roula Kourakou per i loro trasporti inutili. La guardia personale che mantiene il maiale non ha potuto garantirli la sicurezza di cui chiede. Al di Fuori del fatto che i nostri pensieri hanno sempre flirtato con l’immagine della villa in fiamme e del terrorizzato Papantoniou e la sua “moglie” in cerca di vie di fuga, avevamo escluso a priori tale prospettiva visto che all’interno della villa era il loro piccolo bambino il quale non volevamo mettere ad alcun rischio.

Lontano da una retorica populista rileviamo al volto di Giannis Papantoniou un ufficiale del potere. Non ci interessa di elencare gli affari loschi anche se certamente ne ha fatti molti. In ogni modo, incorruttibili o corrotti, i funzionari del governo, indipendentemente dal fatto che mantengono le proprie posizioni nell’apparato statale sono un permanente bersaglio per le dignità ribelle. Abbiamo effettuato il nostro attacco la stessa notte che quattro anni prima i sbirri hanno uccisi il compagno Alexandros Grigoropoulos. Quattro anni fa qualcuno ci ha lasciato presto, un urlo di morte che ha scatenato la rivolta e gli eventi che tutti conosciamo, quattro anni dopo quel giorno, un grande fuoco e alcune esplosioni al di fuori della casa di un nemico dichiarato risvegliano il nostro odiano e scatenano il terrore nella direzione desiderata.
Attraverso gli attacchi personali desideriamo di irrompere le zone territoriali di sicurezza nelle loro vite. Nelle loro case, nelle loro auto, nella loro vita dissoluta.

Pensieri dall’abisso, dedicati dal nostro cuore a coloro che si immettono con rabbia nel proprio abisso…

Volti oscuri, con i caratteri che si nascondono sotto un cappuccio, con l’interni che bruciano. Bruciano dalla loro passione per una libertà che deve essere vissuta, per una morte che forse si avvicina, per un evento inatteso che ha cambiato la loro vita.

Per una attimo si illuminano per interi sui fuochi accesi delle barricate e sulle merci bruciate delle metropoli, con gli occhi che brillano da una speranza, per l’impossibile che deve essere raggiunto a tutti i costi, per la contraddizione che è stata appena armata ed ha preso il proprio posto di battaglia nella camera di scoppio. E l’arma punta verso entrambi i nemici e le nostre teste. Una roulette russa che porta alla follia. E questa follia, bella e pericolosa travolge ogni muscolo del nostro corpo, ogni neurone del nostro cervello, diventa pietra sulla testa dei sbirri, bombe nelle sede centrali dell’ordine costituito, pallottole nei corpi dei nostri aguzzini. E ritornando alla base, la contraddizione armata fa fuoco, si converte in una domanda eterna che ronza e urla dentro di noi, un pianto che si versa per il cambiamento che si allontana sempre di più, un grido che rompe la notte di pietra degli schiavi moderni per informarli del nostro arrivo.

“Bastardi vi fotterò, tutti, oggi ho toccato la fine come voi toccate la vostra moglie o il vostro marito, che procedura standard per voi, così come prendete il cibo dal forno, che cosa nuova per noi ogni volta una nuova esperienza e un nuovo senso, un nuovo sentimento che nasce destinato a morire accanto a noi in qualche luogo buio di riflessione, figli di puttana, fanculo il vostro dio, potessi tirare una linea e sparare in aria come colui che da l’inizio ad una gara, di sapere che correrò come un matto attraverso laghi, foreste e montagne, ma alla fine avrò ottenuto un segno di vincitore o perdente, fanculo al vostro dio”.

E quando il sole tramonterà portando con sé verso l’ignoto pozzo significati e scopi, sfide e deposizioni, questi volti sconosciuti emergono dallo stesso punto sconosciuto che coloro che l’abbiano cercato sono stati persi nel pellegrinaggio trascendentale, ma ora sono felici, sorridenti con un po di felicità prestata dalla creatività distruttiva che preparano per disperdere, decisi che questa volta toccheranno il cielo allungando le mani fino a quando gli fanno male i loro bordi.

Vogliamo un po di tempo in più, giusto per riuscire a mettere i nostri pensieri caotici in un cosiddetto ordine, per definire la variabile della nostra vita che soffoca nei sotterranei sporchi della vita priva di significato del mondo moderno e raggiungere la superficie per un respiro. Solo un respiro che durerà abbastanza a lungo per correre, per innamorarsi, per piangere, abbracciare i nostri amici e i nostri genitori, fare una forte risata, amare i nostri affini e odiare i nostri nemici, a contemplare l’orizzonte, l’universo dell’infinite possibilità. E nel momento che il soffocamento ci affermerà indosseremo di nuovo i nostri cappucci e ci armeremo per l’ultima volta, e quest’ultima volta la parola vendetta prenderà le dimensioni terrificanti che abbiamo sempre sognato, bruceremo i portatori del disprezzo umano e dell’oppressione accumulata, poliziotti e giudici, funzionari governativi e politici, la tempesta autoritaria che ci spaccia diventerà cenere. E in quel esatto momento in cui abbiamo messo a punto una danza favolosa sui cadaveri di tutti loro, realizziamo che la gioia della vittoria non ha alcun significato, non ce la fai, cerchi di prendere un altro respiro, di vivere nel mondo che per tanti anni costruivi con la plastilina della fantasia anarchica nella tua testa, inizi ad avere vertigini, un respiro cazzo, solo un respiro, ma hai già fatto i tuoi accordi quando stringevi la mano con l’aria che ti aveva sussurrato con un reclamo triste, “hai solo un respiro fratello”. Chi se ne frega, questo era tutto, se il tempo era una persona reale l’avrei certamente ammazzata con piacere, succhi con gli occhi spalancati che le ultime immagini e gli odori, pensi con ritmi febbrili, sai che segue l’eternità del nulla e per questo devi pensare molto. Piano piano, inizi lentamente a perdere il contatto, dopo un po’ si era spento tutto.

Siamo nella ricerca del momento fatale…

Il momento che avremo eliminato qualsiasi voglia di rinviare per assumere posizioni assolute, punti di vista, pratiche, qualsiasi approccio etico deterrente ai movimenti distruttivi con l’unico obiettivo l’integrazione del istante vissuto, i desideri implacabili, gli istinti più violenti. Il momento che il pensiero e l’azione si innamoreranno uno con l’altra con passione, cominciando una magica danza illegale di passione e rischio sotto la luce delle stelle. Il momento che ogni paura sarà un’altra occasione per rompere i confini e vivere al di fuori di questi. Al di fuori di ogni legge ci comanda, ogni società che ci soggioga, ogni compromesso che ci annuisce con sornione. Per vivere al di fuori della loro realtà, costruendo focolai diffusi di caos e illegalità per ogni fuorilegge del pensiero e dell’azione. Chiamando tutti i disadattati di questo mondo di profanare qualsiasi morale, tutti i radicali di sanguinare ogni mediocrità, tutti i pazzi di uccidere qualsiasi cosa logica.

Imponendo il demone irrazionale che custodiamo per anni nelle nostre viscere.

Per portare in esecuzione la potenza della maggioranza!

Viva il nulla creatore!

Viva l’anarchia!

Onore per sempre tutti i morti della lotta della liberazione anarchica.

Minoranza Combattente/Commando Alexandros Grigoropoulos

fonti: greco, inglese

Leave a Reply

Your email address will not be published.