Salonicco, Grecia: Testi sui tentativi dell’Ente Pubblico dell’Elettricità di interrompere l’alimentazione dell’energia elettrica all’occupazione Delta

Dal fine di Luglio, l’occupazione Delta si trova sotto le azioni repressive della DEI (Ente Pubblico dell’Elettricità, ENEL) che tenta di interrompere l’erogazione dell’energia elettrica dello spazio. L’azienda elettrica ha ottenuto il via libera dall’Instituto dell’Educazione Tecnologica “Alexandreio” (ATEI) di Salonicco, che è il legittimo proprietario del palazzo (occupato ormai per 5 anni).

Quest’occupazione ospita una serie di progetti politici autonomi che agiscono in modo aggressivo verso l’attuale sistema di sfruttamento e cercano di contribuire alla liberazione individuale e sociale. CopyRiot è un’infrastrutturaun auto-organizzata di stampa per il movimento antagonista che mira a diffondere il discorso sovversivo con tutti i mezzi disponibili.

Chiaramente, ogni attacco contro l’occupazione Delta da chiunque si tratta (DEI – ATEI – lo Stato) costituisce un attacco a tutte le infrastrutture coinvolte attivamente nell’occupazione e tutti coloro che sono in lotta. Pertanto, la nostra solidarietà con l’occupazione Delta è più che evidente. Noi combatteremo chiunque sta muovendo aggressivamente contro l’occupazione e le nostre lotte.

GIÙ LE MANI DALL’OCCUPAZIONE DELTA

CopyRiot- impresa auto-organizzata ospitata nell’occupazione Delta
copyriot [at] riseup.net
Salonicco, Agosto 2012

La volontà dello Stato di sopprimere le occupazioni e gli spazi autogestiti, che sono considerati come una minaccia e pericolo per la sua esistenza, si è realizzata dall’Ente Pubblico dell’Elettricità e dalla sua intenzione di interrompere l’alimentazione elettrica nella costruzione dell’occupazione Delta.

Non è un caso che questo colpo repressivo a Salonicco ha avuto luogo dopo la recente invasione dei poliziotti nello spazio libero anarchico Nadir e all’occupazione Orfanotrofio, e specialmente dal momento che non ci sono state reazioni di rilievo dopo tale operazione. In altre parole, stiamo vivendo un’attacco mirato contro il movimento anarchico e uno sforzo diffuso di reprimerlo, soprattutto durante il periodo delll’estate, per ovvi motivi.

Inoltre, l’Ente Pubblico dell’Elettricità osa vendere un bene che sia essenziale per la sopravvivenza delle persone ed è disposto a fare di tutto per assicurare i prezzi. Essendo una società statale, è in grado di capire che il costo proveniente dai debiti della bolletta elettrica dell’occupazione è niente in confronto al costo della disorganizzazione dello Stato che ogni occupazione può raggiungere in primo luogo. Perché le occupazioni ospitano anche collettività che attraverso l’auto-gestione conducono edifici che alcuni proprietari o funzionari statali hanno lasciato in rovina, e li trasformano in basi di contro-informazione e, contemporaneamente, d’azioni attivi per la distruzione di tutte le forme di potere, compresa quella dello Stato.

Quindi, sulla base del fatto che “il fine giustifica i mezzi”, lo Stato ha deciso di interrompere la fornitura dell’energia elettrica, con l’illusione che ciò interromperebbe il funzionamento dell’occupazione.

PIÙ CI ATTACCANO, PIÙ LA NOSTRA RABBIA CRESCE
Giù le mani da tutte le occupazioni

Scuola di Studenti Indipendente – collettività che viene ospitata all’interno dell’occupazione Delta
anexma [at] gmail.com
Salonicco, Agosto 2012

Leave a Reply

Your email address will not be published.