Bollettino di controinformazione, Agosto 2010

Alcuni dicono che per il mese di Agosto non ci sono notizie e che quasi nulla succede. Tuttavia, il governo ha approvato nuove misure che vanno a discapito della popolazione, mentre le forze repressive hanno risposto come sempre con eccessivo zelo. Il processo per il caso dell’ assassinio di Alexandros Grigoropoulos è stato continuato presso la corte di Amfissa, con la presenza dei compagni. Sia all’interno che all’esterno di molte città greche si svolgevano diverse azioni auto-organizzate. E mentre molti erano ancora in vacanza… alla fine di Agosto ,il reparto estivo del parlamento ha votato in fretta nuovi emendamenti di “legge antiterrorismo”. Secondo questi nuovi emendamenti, le autorità di sicurezza sono leggitimate a incarcerare interi gruppi di manifestanti per “terrorismo”!

I raid nella capitale, per proteggere il regime di repressione in atto ormai da tempo, continuano su tutti i fronti. Per questo motivo dobbiamo rispondere con azioni di solidarietà e resistenza a 360° .

Lavoro

  • Il 1 d’ agosto, lo sciopero (dopo la richiesta effettuata dal governo greco) dei proprietari e conducenti di camion e autocisterne è finito. Il ministro dei trasporti ha chiesto ai rappresentanti degli scioperanti di non procedere con nuove proteste. I media del regime non sono riusciti ad evidenziare che durante gli ultimi giorni di scoperi le buste degli unionisti sono state aperte, mentre Criminalità Finanziaria è stata inviata al business e ai proprietali dei camion.
  • Durante l’estate, I lavoratori del ristorante Banquet ed un comitato di solidarietà hanno continuato la loro mobilitazione con sit-in, dimostrazioni, un concerto e diverse occasioni di cucina collettiva fuori dal ristorante. Ma i proprietari del Banquet hanno chiuso il ristorante per tre mesi per danneggiare finanziariamente i lavoratori e azzittirli. Invano tuttavia: i lavoratori sono stati sostenuti finanziariamente da altri impiegati, studenti, sindacati , colleghi nel campo della nutrizione e con il fondo del comitato di solidarietà. I proprietari hanno attaccato nuovamente gli impiegati e il comitato di solidarietà: hanno aperto il ristorante (col semplice fine di accaparrarsi soldi durante la TIF – Trade International Fair, FIERA INTERNAZIONALE DEL COMMERCIO) senza prestare attenzione agli impiegati che protestavano. Inoltre, si sono mossi verso nuovi licenziamenti contro altri lavoratori che protestavano e hanno provato a criminalizzare la lotta con ogni mezzo a loro disposizione. Nello specifico, i datori di lavoro hanno archivato due ingiunzioni contro i lavoratori e il comitato di solidarietà, le quali sono basate su pure falsità. Con queste ingiunzioni pretendevano di proibire i sit-in fuori dal ristorante, richiedendo inoltre, per ciascun lavoratore attivo nelle proteste, una multa di 20000 euro e un anno di reclusione, e infine che che gli impiegati ed il comitato di solidarietà non avessero più il permesso di avvicinarsi al ristorante se non con una distanza minima di 500 metri. Il 31 agosto un impiegato del ristorante Banquet è stato arrestato. Dopo una protesta di centinaia di suoi colleghi insieme ad altri compagni, è stato rilasciato. La data di prova è stata fissata a circa cinque mesi. Il 2 settembre, un altro impiegato (membro del comitato di solidarietà) è stato arrestato e è stato trovato colpevole della diffamazione a mezzo di stampa.
  • Piccoli e gradi proprietari e padroni hanno continuato a licenziare in serie i lavoratori in diversi settori. Anche parecchi articoli giornalistici publicati proprio nel mese di Agosto spiegano quanto sia alto il tasso di disoccupazione “ufficiale”. Ma l’ambito dei media, della pubblicità e della pubblicazione in generale è il primo che si muove in direzione di licenziamenti e assunzioni arbitrarie. Un esempio può essere il famoso giornale “progressista” Eleftherotypia. Il cavallo di battaglia di tattica del datore di lavoro neoliberale è strumentalizzare i cosidetti “partiti della gente”. Il Partito Comunista Greco (KKE) però ha licenziato molti lavoratori delle sue imprese (Typoekdotiki SA, “Rizospastis”, 902 FM) e ne ha lasciati altrettanti non pagati. Il KKE non può invocare la collera della gente, al contrario ne deve essere impaurito.
  • A fine agosto, il movimento per l’ auto-organizzazione al lavoro ha proposto l’ istituzione di un blocco dei sindacati e dei movimenti dal basso nella manifestazione che ogni anno si tiene a Salonicco l’ 11 settembre in occasione del TIF – Trade International Fair, FIERA INTERNAZIONALE DEL COMMERCIO.
  • Il 26 agosto alcuni insegnanti si sono riuniti fuori dal Ministero della Pubblica Istruzione. Il loro comitato è stato accetato da un responsabile del ministero, sì, ma non solo, anche da agenti dei reparti antisommosa (MAT) che hanno attaccato violentemente i manifestanti,come potete vedere nel seguente video:

http://www.youtube.com/watch?v=YCkDHINrLpE&feature=player_embedded

L’assasini e le torture con la benedizione dello stato

  • Nel mese di agosto il processo per il caso dell’ assassinio di Alexandros Grigoropoulos è stato continuato presso la corte di Amfissa. Il pubblico ministero, nel suo discorso, ha incolpato Korkoneas dell’ omicidio con l’ intezione di ingannare e Saraliotis di complicità nell’ azione. Nessuna attenuante è stata concessa per Korkoneas. Sotto proposta della procura, accettata dai giudici, il poliziotto è stato condannato all’ ergastolo. A seguito di un ulteriore rinvio a settembre, la prosecuzione del processo è ora prevista per l’ 11 d’ ottobre.
  • Il 2 agosto si è svolta un’ azione di solidarietà alle porte della prigione di Trikala e una dimonstrazione nel centro della stessa città. Solidarietà rivolta ai prigionieri che da giorni erano in sciopero della fame, come protesta e denuncia per le terribili condizioni di detenzione all’interno della prigione stessa. Alla fine del mese, nella stessa prigione di Trikala, il prigioniero Vangelis Pallis è stato trovato, all’interno della sua cella, severamente contuso a seguito di percosse. Molto tempo dopo è stato trasferito , in condizioni critiche, all’ ospedale di Trikala. Gli ufficiali della prigione hanno affermato che si è trattato di autolesionismo. Molti compagni detenuti hanno bruciato i loro materassi in protesta dell’accaduto. Sofocle Nigdelis ha risposto alla brutalità della propaganda di regime con la sua auto-lesione cosciente, nella prigione di Grevena, scatenando la rivolta dei prigionieri anche là.
  • Il 2 Agosto, un uomo di 32 anni di origine polacca è stato trovato morto nella sua cella di detenzione del dipartimento di polizia di Kipseli, Atene. Le supposizioni ufficiali sono che l’uomo abbia preso il coccio di un vaso rotto e si sia tagliato da solo la sua stessa gola. Era stato portato là due giorni prima con l’accusa di tentativo di furto.
  • Durante il mese di Agosto la rete libera dei soldati Spartaco ha causato più morti dei soldati che effetuano il servizio di leva obbligatoria.

Immigrati/Antifascismo

  • Il 6 agosto, Baruti, lo spazio indipendente di ritrovo sociale presso Veria (Nord della Grecia), ha chiesto solidarietà per un movimento anti-nazionalista, anti-razzista e per libertà umana.
  • La rete “Benvenuti in Europa” ha scoperto una fossa comune di immigrati, fuori dalla Tracia (Regione geografica della quale Salonicco è capoluogo) ,con corpi di persone anonime, che hanno tentato di attraversare il confine greco-turco. Si calcola che siano fino a 200 I corpi senza vita!
  • Il 13 agosto sono stati compiuti atti vandalici presso il cimitero musulmano di Posh Posh. L’ Associazione dei musulmani greci della regione ha chiamato a risposta per l’accaduto una manifestazione di fronte al consolato turco di Komotini.
  • Il 16 agosto molti manifestanti si sono radunati nella piazza centrale di Atene, Platìa Syntagma, contro la visita del premier – killer Netanyahu, accusando il governo greco di collaborare con lo stato sionista.
  • Il 21 agosto i poliziotti di Igoumenitsa (città portuale con diversi collegamenti anche con l’Italia) hanno messo in atto un altro pogrom contro gli immigrati.
  • Il 29 agosto è stato infine concesso l’ asilo politico agli immigrati Iraniani che da tempo erano in sciopero della fame.

BENVENUTI ALLE ISOLE GRECHE

  • Slogan anarchici al municipio di Santorini (5 agosto) e al palazzo di Giustizia di Thera (23 agosto), in segno di protesta contro la detenzione disumana dei migranti.
  • Egina (isola a 40 minuti da Atene) è restata senza acqua ed elettricità per giorni.
  • Quarta esposizione in Ikaria dei lavori di Christodoulos Xeros, che crea le sue opere all’ interno della cella. Christodoulos era stato arrestato nel 2002 a seguito delle indagini che determinarono lo stroncamento del gruppo “N17 – November 17”. Il suo avocato ha denunciato la violanzione dei suoi diritti come paziente.
  • Il 6 agosto, con motto “una barca a… Gavdos-Niente più bugie”, diversi manifestanti che si erano concentrati nel porto, hanno lamentato l’ esclusione dell’ isola.
  • Durante tutto il mese di agosto in moltissime isole greche, e soprattutto in quelle conosciute per essere la meta di un “turismo alternativo”, sono stati attuati continui attacchi, controlli e fermi contro coloro che campeggiavano liberamente.
  • Il 3 agosto 22 persone sono stati arrestati nei pressi della spiaggia di Preveli a Creta. Il 22 agosto quasi tutta la foresta di palme della zona della stessa spiaggia di Preveli è stata bruciata. Preveli era un paradiso natural libero, conosciuto da anni anche come meta di un “turismo sostenibile e alternative”. Tabloid della destra hanno accusato gli anarchici dell’ incendio. Testimonianze ed immagini di persone che hanno preso parte all’ estinzione del fuoco sono stati celati dalle autorità e dai media. Il tutto può essere interpretato a riguardo degli interessi di coloro che vogliono sfruttare le zone bruciate per fini commerciali/economici/turistici.

VERDE SVILUPPO

  • Il leggendario ponte di Arta attraversa il fiume Arachthos… ma il fiume stesso per quanto tempo esisterà ancora? Il 1 agosto è stato drenato, visto che il comune di Arta progetta la limitazione del suo letto, per sfruttare i terreni e legittimare I terreni che sono stati sotratti al suo percorso natural in maniera abusiva.
  • Corsa contro il dirottamento disastroso e le dighe del fiume Acheloo.
  • La cittadinanza di Apopigadi – località vicino a Chania, Creta – ha ringraziato la solidarietà e l’impegno dimostrati dal centro sociale di Chania “Rosa Nera” nell’ iniziativa cittadina per il salvataggio della naturalezza della località stessa. Grazie all’aiuto del compagni infatti è stata fermata – almeno per ora – l’installazione di turbine eoliche da parte della società Mousouron SA, controllata dalla multinazionale EDF.
  • Il “Mont Parnes Casino Resort” avanza con il suo progetto di espansione. Gli agricoltori locali hanno occupato la zona adiacente al Resort, la quale presenta uno spettacolo alquanto agghiacciante: ovunque si vedono resti di alberi bruciati. Proprio nellos tesso posto infatti, prima dell’olocausto causato dagli incendi del 2007, si trovava una foresta. L’ area teoricamente sarebbe protetta, dato che si trova al centro del Parco di Parnes, ma un testimone ha riferito che le forze dell’ordine hanno fatto irruzione, sostenendo che l’ area è di proprietà privata e appartiene al Resort.
  • Sempre in Agosto il governo greco ha lanciato in fretta e in silenzio il mostruoso progetto di sviluppo del “Kassandra Estrae”, ovvero l’espansione della multinazionale EUPOPEAN GOLDFIELDS presso la località di Kassandra, nel nord della Grecia, sopra i tre piedi di Halkidiki. La multinazionale in questione ha già miniere per l’estrazione dell’oro anche in Turchia ed in Romania.
  • Il 26 e 27 agosto migliaia di visoni sono stati liberati dagli allevamenti vicino a Kastoria e Kozani. ALF (Animal Liberation Front) ha rivendicato la responsabilità con un volantino stampato e tradotto da Antispeciesist Movement.

Solidarietà agli anarchici perseguiti in Chile

  • La notte del 28 agosto cinque veicoli diplomatici sono stati attaccati a Salonicco. Il “Corpo diplomatico d’ incendiari” ha rivendicato la responsabilità del fatto , dedicando l’ attacco agli anarchici che sono perseguitati in Chile.

Trasporti Pubblici

  • Nel mese di agosto, all’interno dei mezzi di trasporto pubblici di Atene (metropolitana e autobus), è stata portata avanti una campagna sensibilizzativa e solidale da parte della “congiura dei pari” per mezzo di adesivi. Questi adesivi esortavano ogni passeggero a dare il proprio biglietto, una volta terminato di usarlo, al passeggero accanto che ne avesse bisogno, per ragioni di “elementare dignità di classe”. Tutto ciò è in risposta alla criminalizzazione di questo uso (che era già diffuso) da parte dell’ OASA (Organizzazione Trasporti Cittadini Ateniese).

Leave a Reply

Your email address will not be published.