Berlino: Notizie dalle proteste dei rifugiati a Friedrichshain

La sera del 28 di agosto c’è stata una manifestazione partita da Frankturter Tor di circa 500 persone. La polizia ha tentato di interromperla due volte. Hanno colpito gente. Un arresto è stato confermato. La manifestazione è terminata dopo che il gruppo ARAB (gruppo comunista antiimperialista, che ha anche organizzato la “manifestazione rivoluzionaria del primo maggio”) ha annunciato che la polizia ha tentato di assalire il tetto dell’ostello. Gente in bicicletta si è precipitata all’angolo di Gürtelstraße. Questo ha causato allarmi anche all’angolo dove c’erano i manifestanti, perchè nessuno, a parte il gruppo ARAB, ne sapeva qualcosa.

Intorno alle 21.30, dopo che la manifestazione è giunta al termine, come al solito, discorsi, slogan, gruppi politici con i loro striscioni, etc, c’era molto cibo gratis, che la gente ha anche preso volentieri, ma subito dopo hanno cominciato di nuovo ad andar via tutti, e prima di mezzanotte solo poche persone erano rimaste. Un gesto di solidarietà è stato espresso da un vicino con una specie di laser show con lo slogan “nessun essere umano è illegale” sul suo balcone. Più tardi questi è sceso quando ha visto che i rifugiati che provavano a dormire all’angolo non avevano abbastanza coperte, ed ha oltrepassato le transenne portandogliene due pesanti. Quando ha cercato di riattraverssare le transenne, gli sbirri l’hanno fermato e gli hanno chiesto di mostrare la sua carta d’identità, che non aveva con sè. Per cui hanno cominciato a crear casini finchè sua moglie ha urlato “potete far entrare di nuovo mio marito?…” e l’hanno fatto passare ma forzandolo ad entrare in casa, prendere i documenti, scendere di nuovo e mostrarli agli sbirri. Nel frattempo i rifugiati sul tetto hanno iniziato a tambureggiare insistentemente, probabilmente usando pentole, e a dare segnali di luce e urlare dalla cima del tetto. I manifestanti hanno risposto urlando slogan, soffiando fischietti, c’era anche un megafono. Ma subito la polizia ha respinto tutto questo.

Tra l’altro, si è presentato anche un gruppetto di nazi. I compagni ne hanno riconosciuti almeno quattro. Tre di questi sono apparsi nel mezzo della strada in Scharnweberstrasse, urlando uno slogan nazista, mentre l’altro è passato in macchina, ma è stato riconosciuto troppo tardi. Di sicuro ce n’erano altri che non sono stati riconosciuti (la protesta si svolge direttamente al confine con Lichtenberg, il loro distretto-fortezza).

Il 29 e il 30 di agosto, la situazione è rimasta relativamente la stessa. Le autorità ancora lasciano i rifugiati morire di fame sul tetto dell’ostello di Gürtelstraße, e il supporto dei dimostranti è ancora poco.

Leave a Reply

Your email address will not be published.