Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Atene: Aggiornamento sul processo alla CCF

Udienza 67. Nell’udienza si è parlato di ammettere i vertici dell’antiterrorismo che non hanno già testimoniato nel caso della CCF.

Udienza 68. L’udienza è stata rinviata a causa dell’assenza dell’accusa.

Udienza 69. E’ stata sentite una poliziotta della caserma di Kallithea che è stata testimone dell’accusa per un altro degli imputati che non ha relazioni con la CCF. E’ stato dimostrato che la sua testimonianza era falsa e basata sulla sua fantasia. L’accusa ha parlato in merito alla questione di presentare i vertici dell’antiterrorismo dicendo che la loro presenza non ha nulla di speciale da offrire visto che i membri della CCF hanno rivendicato la propria partecipazione e hanno dichiarato che non hanno interesse per l’aspetto legale. Al contrario, ha aggiunto, il resto degli accusati non ha chiarito la propria posizione. Hanno risposto che chiariranno le proprie posizioni durante le dichiarazioni.

Udienza 70. La corte ha deciso che i vertici dell’antiterrorismo non saranno convocati, visto che molti hanno già testimoniato in passato.

Udienza 71. La testimonianza di due agenti che hanno preso parte all’arresto dei compagni della CCF è stata annullata. Avevano già testimoniato in precedenti udienze.

Udienza 73. L’udienza comincia in ritardo e finisce con la lettura del materiale inerente alle prove trovate nell’abitazione a Kallithea.
Vestiti, un documento di identità falso, manuali per armi ed esplosivi, libri anarchici. In questa casa durante il blitz nessuno è stato arrestato dato che gli occupanti avevano notato i movimenti polizieschi e pertanto lo avevano abbandonato in tempo.

Udienza 74. L’udienza comincia con la dichiarazione dei compagni della Cospirazione. Affermano di voler leggere i documenti dell’antiterrorismo in modo analitico, parola per parola, punto per punto. E inoltre: “E’evidente che oltre alla nostra rivendicazione di partecipazione che abbiamo fatto, gli inquirenti hanno scarse prove contro di noi. Nonostante tutto non cerchiamo attenuanti o clemenza. Al contrario dei nostri oppositori di Alba dorata recentemente arrestati, noi abbiamo la forza di difendere le nostre idee ed azioni. Per noi rivendicare è un atto di guerra in condizioni di prigionia. Ma non vogliamo in alcun caso per la nostra condotta e ostile indifferenza facilitarvi il lavoro e cosi far arrestare individualità irrilevanti come gli altri accusati che sono in aula oggi.

Ovviamente non siamo avvocati, tantomeno individui cosi come altri accusati implicati nel caso della CCF che non sono nostri compagni e non condividono i nostri stessi valori, ma ciò non significa che non parleranno o difenderanno la nostra organizzazione. Inoltre, i trucchi comunicativi dell’antiterrorismo e dei giudici sono ben noti.

Producete migliaia di pagine di inutili informative al fine di creare un mega calderone che vi torni utile, dalla guerriglia urbana anarchica ad individualità irrilevanti.

E se lasciassimo questo metodo senza risposta, un accumulo di sconfitta verrebbe creato e faciliterebbe l’oppressione per colpire domani i veri compagni solidali.

Ecco perché tramite la lettura dettagliata e analitica dei documenti, sarà dimostrato che le tesi dell’antiterrorismo sono state create per tentare di includere individui irrilevanti nel gruppo anarchico della Cospirazione delle Cellule di Fuoco”.

L’udienza è continuata con la lettura di documenti riguardanti il blitz dell’antiterrorismo nell’abitazione a Kallithea.

dal inglese, in greco

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>