Brjansk, Russia: ELF/FAI rivendica incendio di una segheria

Il 2 Ottobre 2013, 2 dispositivi incendiari fatti da 1,5 litri di benzina sono stati piazzati in una segheria situata in un territorio di riserva di caccia in Brjansk (Russia occidentale). Le fiamme hanno raggiunto anche gli stracci sfortunatamente lasciati dai cacciatori proprio sul dispositivo. Da una collina vicina abbiamo visto il tutto molto chiaramente: presto il fumo si è addensato sotto al tetto creando una sorta di nebbia e riempiendo la struttura.

Proponiamo questa azione come il nostro contributo al progetto Fenice (#7), un progetto per l’azione diretta e la resistenza anarchica a fronte della repressione tra 2010-2012. Concordiamo totalmente con i nostri compagni moscoviti della CCF e ELF quando parlano della necessità di allargare i nostri attacchi contro lo stato e il capitale.

Alcuni pensieri riguardo alla recente critica fatta da alcuni anonimi compagni dall’Argentina. Riguardo all’essere autoreferenziali o inclini a diffondere azioni inutili:

I dibattiti interni non sempre meritano di essere pubblicati in inglese su siti internazionali. Inoltre crediamo che una serie di attacchi contro obiettivi simili continui ad accendere il dibattito nel movimento anarchico almeno a livello locale (possiamo citare la campagna contro la polizia del 2008-2011, quella sulle foreste di Khimki e Butovsky, le recente proteste contro il progetto minerario a Voronezh). Alcune volte le cose superano i dibattiti.

Concordiamo nel ritenere molto difficile coordinare attacchi simultanei contro strutture simili a livello internazionale (come fabbriche di pellicce, segherie, polizia, prigioni, obiettivi militari, industrie, branche, settore petrolifero o gas, ecc) perché questo richiede più tempo e noi stiamo comunicando ad un livello più o meno pubblico qui. Dunque i nostri nemici possono avere la meglio. È da dibattere se dovremmo rischiare la nostra libertà nella prossima azione per la possibilità di vedere un comunicato riguardante un’azione simile a 6 mesi di distanza. Inoltre, non si può dire che non ci coordiniamo in qualcosa: notizie di una serie di attacchi contro infrastrutture energetiche ed elettriche in Bielorussia, Canada e Indonesia, azioni contro banche nel regno unito, russia, germania, italia, grecia, numerosi scioperi della fame simultanei fatti dai nostri compagni prigionieri in tutto il pianeta.

Per noi l’intera FAI-FRI è più importante per il fatto di appartenere ad una comunità più grande. Nel passato dominavano solo le organizzazioni di “anarchici sociali”. Adesso gli anarchici di altre tendenze possono supportarsi e relazionarsi in tutto il mondo. Solo qualche anno fa nel nostro paese se volevi contattare degli anarchici dovevi passare attraverso le organizzazioni anarchiche tradizionali. E se accadeva qualche cosa erano le prime a parlare di infiltrati della polizia e provocatori. Adesso la gente che sente le stesse cose, che vuole andare verso la ribellione e le azioni non meno valide rispetto alla teoria anarchica, possono trovarsi fuori dal contesto anarchico pacifista e riformista. E quando leggiamo di centinaia di auto bruciate in una parte del mondo, banche in fiamme in un’altra e veicoli edilizi sabotati altrove – è ancora meglio. Un breve viaggio nella memoria: ricordiamo le discussioni accese sull’acronimo FAI solo qualche tempo fa (o prima quelle sul supporto/denunzia della CCF). Crediamo che sia una conquista di ogni gruppo della FAI-FRI se le cose sono cambiate.

Capiamo le vostre preoccupazioni riguardo alla mancanza di una coordinazione dei nostri attacchi, ma dobbiamo discutere anche di un’altra cosa: nuovi gruppi si formano, le notizie girano, contromisure alla repressione. Se si vogliono coordinare gli attacchi in maniera più precisa, bisogna solo leggere meglio i comunicati degli altri. Ma combattere la repressione in corso contro tutti i gruppi di azione diretta nel mondo – questo è il compito che crediamo dovrebbe essere svolto il più presto possibile.

ELF/FAI, Commando Nestor Makhno

fonte

One thought on “Brjansk, Russia: ELF/FAI rivendica incendio di una segheria”

Leave a Reply

Your email address will not be published.