Gothenburg, Svezia: “La solidarietà internazionale è la nostra unica arma”

"Fermate le torture contro i prigionieri politici - Abbasso il fascismo - Solidarietà con i compagni in Grecia"
“Fermate le torture contro i prigionieri politici – Abbasso il fascismo – Solidarietà con i compagni in Grecia”

La mattina del 28 Marzo, nella parte centrale della città di Goteborg, uno striscione è stato messo all’ingresso di un edificio in cui, tra l’altro, si trova il consolato Greco di Svezia, come azione di solidarietà alla lotta dei nostri compagni ma anche come un tentativo di informazione diffusa e resistenza. L’azione è il risultato del nostro bisogno di unire la nostra voce con la voce dei nostri compagni che danno la loro lotta quotidiana in Grecia.

Stiamo attraversando un periodo caratterizzato dalla repressione a tutti i livelli, come la risposta politica selezionata verso ogni forma di reazione ed ogni voce di resistenza in qualità di opposizione alle decisioni sistemiche deliberate, che si risolvono in un ulteriore distruzione dell’economia e del tessuto sociale della società. Un periodo durante il quale i tentativi dell’inganno e della manipolazione provenienti dall’alto portano all’isolamento e all’attacco di qualsiasi forma di libero arbitrio, espressione di critica e di ogni conseguente tentativo di rovesciare l’attuale struttura politico-economica. La soppressione degli spazi autonomi, la soppressione degli scioperi, i arresti lascivi, la tortura dei prigionieri politici, i tentativi di mettere a tacere la libertà di parola e della cultura, e le pratiche dell’attacco vendicativo generalizzato da uno stato fascista – e dei suoi lacchè – contro ogni forma di resistenza, servono solo a radunare noi e la nostra rabbia.

L’auto-organizzazione è l’unico modo che abbiamo; la solidarietà internazionale è la nostra unica arma.

Compagni da Gothenburg

Leave a Reply

Your email address will not be published.