Serbia: Il fascismo ha ucciso Dragan Maksimović

I membri del gruppo antifascista di Niš hanno agito per commemorare Dragan Maksimović, morto il 4 Febbraio 2001, dopo essere stato brutalmente picchiato da una banda fascista nel centro di Belgrado il 17 Novembre 2000. I fascisti l’hanno attaccato per la sua carnagione scura, pensando che fosse Roma.

Gli antifascisti hanno coperto le mura di Niš con dei manifesti su qui si legge: L’odio fascista ha ucciso un grande attore. “Il nostro obiettivo era quello di onorare il noto attore e ricordare in che modo ha perso la vita. Di attirare l’attenzione della gente al problema esistente nella società, invece di aspettare che qualcosa di simile accada di nuovo. Riposa in pace, Dragan. Noi non perdoniamo, non dimentichiamo”, sono le parole di uno dei partecipanti all’affissione a blogtipomogo.

dm3

Leave a Reply

Your email address will not be published.