Grecia: Duri Scontri nella città di Agrinio in ricordo di Alexis Grigoropoulos (1993-2008)

Ad Agrinio, circa 350 studenti delle scuole hanno organizzato una manifestazione commemorativa per Alexandros Grigoropoulos, che è stato assassinato dalla polizia il 6 Dicembre 2008.

Quando il corteo contro la repressione ha raggiunto il municipio, i giovani hanno preso d’assalto la squadra motorizzata della polizia DIAS che sorvegliava l’edificio. Bombe incendiarie e pietre sono state lanciate contro le fece terrorizzate della polizia, che si sono nascosti dietro un chiosco.

Poco dopo, gli studenti hanno combattuto con i poliziotti del gruppo OPKE della prevenzione della criminalità e repressione nella zona di Syntrivani (Fontana). Scontri testa a testa sono scoppiati tra i manifestanti e gli squadroni dell’anti-sommossa in Piazza Dimadi, dove la polizia ha tentato di circondare la zona.

La gente del posto stava imprecando verso i poliziotti, che non hanno esitato a sparare lacrimogeni su diversi negozi commerciali e al mercato della città. È da notare che un ufficiale di polizia ha tirato fuori la pistola contro gli studenti, con alcuni passanti intorno a lui che gli fischiavano contro.

Due reporter-spie hanno cercato di avvicinarsi alla manifestazione ed effettuare riprese video a distanza ravvicinata, ma sono stati picchiati dai manifestanti in loco. Inoltre, il veicolo del sindaco è stato attaccato.

Non c’è stato alcun arresto o di detenzione in Agrinio finora. Tuttavia, durante le mobilitazioni del mattino in altre città greche, i poliziotti hanno riferito molti manifestanti arrestati.

La maggior parte delle persone in tutta la Grecia è scesa per le strade la sera per commemorare la morte del 15enne Alexandros.

Seguiranno aggiornamenti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.