Grecia : Testo di 3 prigionieri anarchici in solidarietà con le occupazioni in Grecia

LA GUERRA CIVILE SOCIALE
NON VA IN VACANZA

Con la crescita dei contrasti e delle contraddizioni della società capitalista, che si fanno sempre più visibili, e con il fantasma dell’insurrezione che insidia i sogni dei dominatori di questo mondo, quelli che dirigono le nostre vite hanno un’ultima carta da giocare: la repressione.

La diffusione dei punti di vista fascisti, i pogrom razzisti contro immigrati e le pugnalate democratiche che li accompagnano, l’aumento del controllo poliziesco e panottico, la propaganda della paura, riprodotta dalla Stampa, la fortificazione legale del regime contro gli anarchici e i rivoluzionari che lottano per la liberazione della vita sono i movimenti di panico di un regime che, restando in sospeso, cerca di offrire quello che solo gli resta: terrore e sicurezza.

Così, dopo essersi assicurato di avere rotto ogni senso di comunità tra i combattenti, dividendo in granelli identità false e separazioni (violenti-nonviolenti, guerriglieri-movimentisti, armati-occupanti, greci-immigrati, legali-illegali, ecc.) – e qui si dovrebbe impostare un grande dibattito su quanto riproduciamo noi stessi queste dinamiche, – è cominciata la pulizia: dopo aver cercare di sotterrare una 50na di anarchici negli ultimi anni sotto fili metallici a punta e cemento (guerriglieri e non), dopo aver inviato sbirri a occuparsi del “problema dell’immigrazione”, dopo aver schiacciato – a un grande prezzo, per certo – le dozzine di manifestazioni militanti – piccoli festival di violenza liberatrice e incontro di insurgenti -, doveva inviare un messaggio chiaro alle occupazioni durante l’estate, che, purtroppo, fu un piccolo periodo buio per le lotte liberatrici collettive.

Atto I

Un giorno dopo che una manifestazione di compagni aveva dissolto un concentramento di membri di Alba Dorata ad Agrinio, lanciandogli merda e dimostrando che le strade appartenevano e appartengono agli insorgenti, viene collocato un congegno incendiario nell’occupazione Apertus. Alcuni giorni dopo, in seguito a una chiamata dei collettivi e delle occupazioni della zona, si svolge una manifestazione con 350 anarchici/antiautoritari/antifascisti nelle strade principali della città, mettendo in chiaro che qualunque attacco contro lottatori o occupazioni riceverà come risposta l’unione delle comunità combattenti della lotta anarchica.

Atto II

Due giorni dopo, vi è un attacco incendiario contro l’occupazione Draka, nell’isola di Corfù. Collocato da mani fasciste per conto dello Stato, poiché l’ospedale a cui appartiene l’edificio, dopo l’attacco incendiario, lo propose alla Procura che voleva usarlo, dopo averlo lasciato ammuffire per anni. Dozzine di interventi/manifestazioni/distribuzione di volantini ebbero luogo in molte città della Grecia come segnale di solidarietà.

Atto III

All’inizio di Agosto, durante il periodo più “morto”, si succedono vari tentativi di tagliare l’elettricità all’occupazione Delta a Thessaloniki, per ordine dell’Istituto di Formazione Tecnica (TEI) a cui appartiene l’edificio. Ci furono anche presidi, distribuzione di volantini, oltre alla vigilanza dell’edificio per evitare che succedesse qualcosa; alla fine tutto venne rimandato di un mese e passò in mano alla Procura. Qui ci piacerebbe ricordare che un incidente simile avvenne nell’occupazione VOX alla fine di Giugno. Quando l’impresa di elettricità tentò di tagliare la corrente e non vi riuscì per l’intervento delle occupazioni.

Approfittando del periodo estivo e della pausa “informale” delle lotte, lo Stato e le sue spie, tutti i tipi di fascisti, hanno cercato di riformulare il messaggio di guerra contro le occupazioni, ma lo hanno ampliato alle comunità di lotta anarchica nel territorio greco. Tuttavia hanno fallito. Cosa che si ripeterà, se dimenticano che gli anarchici/antiautoritari già partecipano coscientemente alla battaglia non pacifica tra le forze della libertà e le forze della schiavitù.

Cosa che si ripeterà, basta che non dimentichiamo la necessità di una maggiore organizzazione/collettivizzazione da parte nostra diretta all’acutizzazione delle ostilità contro la macchina statale e la lotta senza tregua per la liberazione individuale e collettiva.
Una lotta che non si permette il lusso di cedere spazio e tempo al nemico senza presentare battaglia.
Se c’è altro che bisogna rafforzare ed estendere sono le scelte determinate, la solidarietà nelle relazioni tra gli insorti, il rifiuto di dividere la nostra lotta con criteri come le vacanze e le “capacità rivoluzionarie”.

Tutti i fatti che abbiamo menzionato, nella misura in cui si sono prodotti in ogni occasione, hanno parlato per sé stessi.

Nonostante ciò, continuiamo la lotta contro gli Stati, le frontiere e i fascisti, contro i manicomi e le prigioni, contro il capitalismo e le droghe che ci vende, contro il sessismo e il dominio, contro la distruzione della natura e le polizie della società, e sentiamo la necessità di mandare saluti e forza ai guerrieri che in ogni occasione acutizzano la lotta per la liberazione umana e naturale da ogni catena autoritaria, dandoci, senza saperlo, un po’ della loro passione, forza e coraggio.

Nelle fertili condizioni sociali che attraversiamo, piantiamo i semi dell’anarchia perchè si apra il fiore della liberazione totale. Organizziamoci in comunità antigerarchiche militanti e confermiamo allo Stato e ai fascisti le peggiori aspettative che hanno in mente.
Osiamo e continuiamo ad osare.
Dentro e fuori le prigioni, coordiniamo i nostri cuori e lotte contro lo Stato e il capitalismo.
Solidarietà con le occupazioni Apertus (Agrinio), Draka (Corfú) e Delta (Tesalónika).

Sokratis Tzifkas
Babis Tsilianidis
Dimitris Dimtsiadis
23 Agosto 2012.

in spagnolo, in inglese

Leave a Reply

Your email address will not be published.