Corfù : attacco incendiario all’occupazione Draka provoca danni ingenti

La sera del Venerdì 13 luglio alle 20:30 circa, un’incendio è scoppiato nella costruzione che ospita il progetto e l’occupazione politica di Draka. L’occupazione è situata in una delle vie più centrali della città di Corfù. Nessun compagno si trovava all’interno dell’edificio quando è scoppiato il fuoco, e non ci sono stati feriti. Tuttavia, l’incendio ha distrutto una parte significativa del palazzo (l’intero ultimo piano dell’occupazione è stata bruciato-video).

Negli ultimi 1,5 anni, tre edifici sono stati attaccati nella città di Corfù: l’occupazione Elaia, la Sinagoga (entrambe gl’incendi si sono verificati nel mese di Aprile 2011), ed ora l’occupazione Draka.

Gli occupanti non hanno ancora rilasciato un comunicato. Ulteriori aggiornamenti saranno rilasciati appena disponibili.

Aggiornamento: Di seguito è riportato un estratto dalla dichiarazione rilasciata dall’occupazione Draka per quanto riguarda l’attacco incendiario della notte scorsa. Il testo è stato distribuito anche durante un’adunata di contro-informazione microfonica che si è svolta oggi (14/7).

“È ben noto che abbiamo sviluppato rapporti di solidarietà, di sostegno reciproco, d’uguaglianza e di libertà.

È ben noto che il nostro intero corso di azione, la nostra attività, la mentalità e il nostro modo di opere, non può che essere percepito come ostile da parte dello Stato e dai parastatali, dopo tutto ambedue sono le facce della stessa medaglia.

Potrebbero dire che l’incendio è stato causato da un corto circuito, anche se sanno fin troppo bene che questo non può accadere quando non si dispone di corrente, soprattutto perché c’era interruzione dell’alimentazione elettrica nell’edificio prima dell’incendio.

Potrebbero dire che l’incendio è stato causato da sigarette accese anche se sanno fin troppo bene che nessuno era all’interno del locale prima dell’incendio.

Potrebbero dire che siamo responsabili in un modo o nell’altro, anche se sanno fin troppo bene che tutti coloro che siamo impegnati nel progetto non avremo mai permesso che una cosa del genere accadesse, per nessuna ragione, ma piuttosto l’avremo difeso a tutti i costi.

Sanno anche, come sappiamo anche noi, che era chiaramente un incendio doloso. Qualsiasi cosa che ognuno potrebbe dire, non riusciranno a cambiare la nostra opinione.

Gli interessi che volevano sfruttare l’edificio sono troppo noti.

È noto che i neonazisti di Chrissi Avgi/Alba Dorata desiderano aprire una loro sede in Via Alexandra (dove si trova l’occupazione).

È noto che negli ultimi 1,5 anni tre edifici sono stati bruciati da incendi dolosi nella città di Corfù: l’occupazione Elea, la Sinagoga ebraica, e ora l’occupazione Draka. Ricordiamo inoltre che gli autori di questi attacchi non sono mai stati trovati e sono ancora liberi e in circolazione.

Ciò che non potrebbe essere noto è che l’occupazione Draka non è le sue mura, né i suoi pavimenti, dei quali non abbiamo alcun desiderio di abbandonare comunque (e, se fattibile, abbiamo intenzione di ristrutturarli il più presto possibile). Draka sono le nostre idee, le nostre relazioni, è il mondo che sognano e cerchiamo di costruire, sono tutti e tutte loro che sono state accanto al progetto, le persone con cui condividiamo dei valori comuni, siamo noi, e questi sono materiali resistenti al fuoco”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.