Aggiornamenti sulle battaglie all’interno delle carceri greche

Primo Maggio 2012
“Una battaglia è stata vinta ma la guerra non finisce qui…”

Dopo 23 giorni di sciopero della fame, usciamo vincitori contro l’usura, il disfattismo e il sentimento di cattività che dominano il mondo dei detenuti.

Abbiamo scritto: “Abbiamo preso una decisione … lottiamo fino alla fine …” Siamo rimasti coerenti in questa scelta anche quando abbiamo visto i nostri fratelli Gerasimos Tsakalos e Panagiotis Argirou andare via e ricoverarsi in condizioni gravi nell’ospedale di Tzaneio. Perché da tutto quello che si scrive, noi amiamo di più quello che ognuno scrive con il suo sangue e sigilla con le sue azioni. Tutto il resto sono chiacchiere vuote e perdita di tempo.

Per tutti questi 23 giorni non abbiamo rimpianto nemmeno per un minuto la nostra scelta di uno sciopero della fame. Conoscevamo il rischio. Sappiamo che tutti muoiono… ma ci sono morti che pesano in modo diverso, perché siamo noi stessi a scegliere il modo di morire, come scegliamo anche e il modo in cui vivere. E abbiamo deciso di uscire vincitori da questa battaglia.

Gerasimos e Panagiotis hanno vinto il loro trasferimento definitivo dalle carceri di Domokos. Gerasimos ha ottenuto il suo trasferimento alle carceri di Koridallos e Panagiotis dal momento che è stato condannato ad una pena a lungo termine (pari a 37 anni di carcerazione), e per tanto non potrebbe venire ad una prigione come quella di Koridallos, dal momento che questa è principalmente per coloro che stanno aspettando un processo d’appello – ha vinto un trasferimento in una prigione di sua “scelta”, e così sarà trasferito alla prigione di Trikala, dove si trovano già in detenzione altri tre membri della Cospirazione dei Nuclei di Fuoco.

Questa vittoria, fornisce a suo modo anche un’altra eredità nella ricerca di co-esistenza politica dei membri della CCF dentro le mura ed elimina l’isolamento che loro provano ad imporci.

In questa confrontazione – con il sistema, il tempo e l’usura che sono l’avversario – abbiamo usato i nostri corpi come barricate e come garanzia per la nostra dignità. Per tanto, non abbiamo ne supplicato e ne mendicato la solidarietà da luoghi che abbiamo sempre evitato di associarci con nel nostro corso come anarchici della prassi. Siamo stati lontano da partiti di sinistra, conferenze stampa di fondo umanitario, dagli ambienti riformisti. Scegliendo in questo modo una solitudine cosciente abbiamo contato amici e nemici, compagni e indifferenti, azioni e silenzi…

Non abbiamo parole da sprecare per i populisti meschini e per gli insignificanti. Diversamente la parola “grazie” è molto povera per i compagni provenienti da tutta la Grecia che hanno corso, hanno distribuito volantini, attaccato manifesti, hanno organizzato sedute di contro-informazione con microfoni, manifestazioni, hanno occupato una stazione televisiva, sono venuti in corteo fuori dalle carceri, hanno effettuato trasmissioni radiofoniche di aggiornamenti…

Infine inviamo il nostro più caloroso abbraccio a tutti quelli vandali, agli incappucciati, ai provocatori, agli incendiari e bombardieri notturni in Grecia, gli anarchici nichilisti in Spagna ai nostri fratelli in Bolivia, in Inghilterra ed a tutti i nuclei della Federazione Anarchica Informale e la Cospirazione delle Cellule di Fuoco …

Nulla sarebbe lo stesso senza tutti voi…

Arrivederci compagni.

Sebbene abbiamo vinto, ora dobbiamo solamente incominciare la prossima battaglia.

PER LA DIFFUSIONE DELLA FEDERAZIONE ANARCHICA INFORMALE (FAI / IRF)

PER L’INTERNAZIONALE NERA DEGLI ANARCHICI DELLA PRASSI

Nucleo dei membri imprigionati delle CCF-FAI
E l’anarchico rivoluzionario Th.Mafropoulos.

Nel frattempo, e in base alle informazioni che abbiamo ricevuto finora, il prigioniero Spyros Dravilas ha sospeso lo sciopero della fame dopo che la sua richiesta è stata, ancora una volta, respinta. Il Consiglio delle Carceri di Domokos gli ha negato il congedo temporaneo dal carcere per cinque giorni di cui ha diritto da ormai 2,5 anni.

All’interno del sopraccitato inferno di Domokos, un’insurrezione è stata effettuata il 1° Maggio. Sin dall’inizio, gli squadroni della polizia erano presenti alle strutture della prigione. I detenuti del braccio E1 hanno rifiutato di entrare nelle celle ed hanno protestato contro le sadiche guardie carcerarie, chiedendo che il loro compagno detenuto Stavros Makelaris ritornasse immediatamente nel braccio dalla cella dall’isolamento punitivo, dove si trova per 40 giorni ormai. L’uomo è stato punito e messo in isolamento accusato di fabbricare grappa (tsipouro) all’interno della prigione per proprio uso! Nella notte, unità repressive speciali di antiterrorismo (ΕΚΑΜ) erano riferite come pronte ad assaltare il braccio E1 delle carceri di Domokos, al fine di soffocare la protesta dei detenuti.

Un giorno prima, il 30 Aprile, l’Assemblea Generale dei Dottori dell’Ospedale generale statale di Nikaia (Atene / Pireo) aveva rilasciato una denuncia pubblica riguardante il trasferimento di un prigioniero, vale a dire il compagno in sciopero della fame Giorgos Karagiannidis. I medici hanno dichiarato che il paziente è stato ricoverato in ospedale il 23/4 con le mani ammanettate dietro la schiena, custodito da più di dieci agenti di polizia che si erano coperti il viso con cappucci neri e visibilmente in possesso di armi pesanti (mitragliatrici automatiche), mentre il servizio dei medici ha dovuto esaminare il paziente solo sotto lo stretto monitoraggio di quegli uomini. I medici di Nikaia hanno confermato che l’esatto stesso comportamento abusivo si è verificato quando Kostas Sakkas è stato ricoverato all’ospedale Attikon il 25/4. Come dichiarano i medici, ambedue gli uomini sono prigionieri politici, eppure sono stati trattati dalla polizia come se fossero dei trasgressori pericolosi . Infine, sottolineano che nello stesso periodo certe persone eminenti (come l’ex ministro della Difesa Akis Tsohatzopoulos, il quale è stato incarcerato poco prima delle elezioni parlamentari) é stato mandato in custodia in condizioni ideali, con una discreta presenza della polizia ed aggiungono: “Noi, come medici dell’Ospedale generale statale di Nikaia, stiamo denunciando tali apparizioni e pratiche che insultano sia la nostra personalità che quella dei nostri pazienti, dal momento che siamo stati costretti a svolgere il nostro lavoro sociale, in condizioni così terribili, e per questo dichiariamo che non permetteremo più al nostro ospedale pubblico di essere convertito in un spettacolo teatrale di arbitrarietà e brutalità dello Stato.”

Nel frattempo, in accordo con le informazioni ricevute fino ad ora, il prigioniero Spyros Dravilas ha sospeso lo sciopero della fame il 27/4. Il Consiglio della Prigione di Domokos che gli ha negato il congedo temporaneo dal carcere per 5 giorni di cui ha diritto da ormai 2,5 anni, ha ora stabilito un incontro previsto per venerdì, 11 maggio, per decidere sulla sua giusta richiesta.

puoi leggere anche qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.