Ieri e oggi

Nel 1997 una grande sfida nazionale avanti per la Grecia. Questo è il Olimpiadi e Paraolimpiadi di Atene 2004. E che cosa scommettere… Lo Stato è immediatamente appello ai dogmi del patriottismo, volontariato, sicurezza. Ha incanalato fondi pubblici per una nuova ‘grande idea’.

Nell’estate del 2002, l’azienda guarda gli scenari di una disarticolazione dell’organizzazione rivoluzionaria ‘17 di novembre’. L’FBI decora Ministro M. Chrisochoïdis. I gruppi anti-autoritario armati della sinistra diventano obiettivi. Diritti civili e delle libertà politiche sono messi in questione. Nel giugno 2003 il Primo Ministro del Partito Socialista (PASOK), C. Simitis, ‘bluffare’, all’interno del paese, mentre si dà carta bianca per co-firma a Washington con Bush e Prodi concordato anti -terrorismo imposte dagli Stati Uniti dopo gli attentati dell’ 11 settembre. Milioni di persone partecipano a manifestazioni di massa si sono svolte in Grecia nel 2003 (contro la guerra in Iraq, contro il vertice del G8 a Salonicco, per chiedere la liberazione dei prigionieri di guerra nome) per esporre bombardamenti e l’occupazione militare, così come rapimenti e uccisioni di ‘sospetti’ nei campi di concentramento.

Ci stanno soffrendo gli effetti del ‘nuovo ordine’ del potere: i grandi edifici attraverso i quali gli imprenditori fare soldi sulle spalle dei lavoratori, impennata del debito pubblico, l’arricchimento senza scrupoli speculatori e gli investitori, spese stravaganti per la tecnologia dell’informazione (telecamere di sorveglianza in tutto il mondo), l’applicazione della anti-terrorismo, la legittimazione della ‘pecora’, la custodia cautelare, gli arresti senza motivo, i pregiudizi di prova e le celebrazioni nazionali. I mass media, multinazionali, banche, servizi segreti, i giganti economici inesorabilmente perseguitare le libertà civili. Il nostro odio cresce e si esprime attraverso azioni molteplici.

Nel 2004 la ‘Zeppelin’ decora il cielo di Atene, lui ci ascolta e ci guardavano. I telefoni sono impostati sintonizzati come sempre. Pro-pub polizia abbondano in TV. I poliziotti tenere il loro esercito anti-terrorismo, secondo gli standard internazionali, che collaborano con i servizi segreti degli Stati Uniti, Regno Unito, Israele ecc. Allo stesso tempo, cercano il consenso dei cittadini per lo sterminio dei nemici dello Stato sia all’interno che all’esterno del paese. La politica fa ora la sua propaganda razzista: la ‘Alleanza per la Purezza’ di Atene (è diventata lo slogan propagandistico del comune, che si trova inscritta ovunque, spazzatura su camion ecc). Lo Stato, le prefetture, i comuni di distanza dal ‘rifiuto sociale’ (senza fissa dimora, immigrati, tossicodipendenti), i quartieri della capitale, in modo da non disturbare la vista dei cittadini. La tolleranza di quest’ultimo è cresciuto costantemente sotto la minaccia della disoccupazione.

La rivolta sociale è una questione di tempo. Nell’aprile del 2007 già, il violento pestaggio di anarchico Yiannis Dimitrakis, imprigionato nel carcere di Malandrino, innescando una rivolta di prigionieri in tutto il paese. La resistenza nelle prigioni (Komotini fino Alikarnassos) cresce e si diffonde nelle strade di varie città dove vengono organizzate manifestazioni per sostenere i ribelli nella loro giuste richieste e la distruzione di tutte le carceri. Pasti astensionismo di massa e scioperi della fame i detenuti, come quelli nel 2004 e nel 2006, e la mobilitazione su larga scala che seguiranno nel 2008, tutte le applicazioni quasi sempre le stesse e le stesse ragioni. Le condizioni nelle carceri disgustoso, abusi, umiliazioni, minacce e pestaggi di detenuti da parte delle guardie carcerarie quotidiana, ma anche la solidarietà tra i prigionieri spesso provocano disordini e rivolte nelle prigioni e carceri territorio greco. Come lo sciopero del 2006, iniziata dopo la morte di tre persone che erano bruciati vivi nelle loro celle, e la grande rivolta del 2007 (così come molti altri meno alta) dopo un pestaggio, la rivolta del 2009 in carceri Tebe Eleonas rotto in seguito alla morte violenta del detenuto Katerina Ghulioni, trovato legato con manette e astuto colpo di stato sulla barca che hanno trasferito a Creta. Katerina è stato il primo ad aver denunciato pubblicamente la tortura di ricerche vaginale nelle prigioni e si sono rifiutati di rispettare.

La violenza del regime, l’intolleranza generale, l’impunità, gli arbitrii della polizia, braccio innumerevoli pogrom la mano del rappresentante speciale Epaminonda Korkoneas. Con il suo partner Bassili Saraliotis assassinio a sangue freddo di 15 anni, Alexis Grigoropoulos, nel 6 Dicembre, 2008 a Exarchia. Questo omicidio, nel cuore di uno dei centri del movimento anti-autoritario della Grecia, è la goccia che fece traboccare il vaso. La rabbia delle masse non conosce età o nazionalità, e niente può controllare. È diretta contro i simboli del capitalismo globale e il terrorismo di Stato. resistenza politica è stabilito contro la propaganda e la violenza del regime in tutti gli angoli del paese. Centinaia di detenuti sono vittime di tortura da poliziotti. L’asilo università rompe in diverse occasioni. Grazie alle innumerevoli reti contro-informazione il massiccio movimento di solidarietà si estende sia all’interno che all’esterno del paese. Molti sindacati appoggiano la resistenza a dicembre chiedendo lo sciopero e la manifestazione. Allo stesso tempo i mass media, i partiti politici, chiesa, affari e dirigenti sindacali società declamare contro una esplosione sociale nel cercare di presentare l’omicidio di un adolescente come il risultato di un ordine di proiettile ricochet esonera gli assassini di Stato. Ma la gente capisce che Alexis è solo uno di noi.

Il 23 dicembre 2008 Konstantina Kuneva, immigrata dalla Bulgaria, membro e segretario del Sindacato dei lavoratori delle pulizie, è stato aggredito con acido solforico da due uomini nel quartiere Petralona. I suoi aggressori sono i lacchè OIKOMET (lavoratori che affitta). Finora la giustizia pseudo-stato sta facendo di tutto per proteggere gli aggressori Kouneva. Il caso sta marcendo in file riservati, mentre alcuni media pensiero umanitaria cerca di recuperare. Tutto questo stimola l’appetito più modelli, come dimostra l’esempio del proprietario della caffetteria Via Vai.

Ad Atene, il nuovo anno 2009 ci troviamo al di fuori del carcere Koridallos per esprimere la nostra solidarietà con gli ostaggi dello Stato. Sappiamo bene che la polizia onnipresente e repressione diffusa aumenterà pure. Dopo gli eventi del mese di dicembre 2008 lo Stato vuole salvare le apparenze. Presto si diffuse il dogma della non tolleranza. Nuovi mezzi per ripristinare l’ordine e la sicurezza sono utilizzate dai governi, il diritto di truffatori. Cedono posto a sedere al governo più liberale negli ultimi anni: il PASOK. Gli elettori cantano la loro vittoria. Hanno già salutato il percorso del ‘nascondere’ in Halandri. Sinistra e gli intellettuali corrotti, i rappresentanti dei mass media, i proprietari vicini al governo prima della estremisti un’imboscata da destra, mentre il supporto al lancio di enormi quantità di sostanze chimiche proibite contro i manifestanti, detenzioni di fuori della legge, gli attacchi contro i centri sociali e altri luoghi di mobilitazione sociale, l’imposizione di cifre esorbitanti di garanzia ed il prezzo di riserva di ‘saccheggiatori nero’ e l’istituzione della legge contro cofano, vale a dire la legge contro copre il viso. Allo stesso tempo, i voti del parlamento di una nuova riforma democratica per la salvaguardia del nazionalismo, del codice della nazionalità dei migranti.

Il pogrom razzisti, campi di concentramento per stranieri, l’ascesa del fascismo (con incidenti che si verificano nella zona di Agios Panteleimonas) ci danno la rabbia. Gli attacchi delle agenzie di Stato, la ‘incidenti’ di lavoro, gli omicidi dell’ ‘opposizione’, le condizioni di lavoro insopportabili, i modelli di terrorismo sono tutti coloro che difendono la schiavitù a oggi. Il 11 marzo 2010 è il giorno dello sciopero generale di maggior successo degli ultimi anni. I cittadini di tutte le età, i cittadini arrabbiati, prendere le strade. Perché stanno protestando contro le misure: tagli salariali, l’imposizione fiscale e ha ridotto i benefici sociali. Infine, i lavoratori sono la caccia e contro boo GSEE leader burocrati sindacali e ADEDY.

Lampros Fountas, compagno attivo dal mobilitazione del ’95, è stato ucciso nella zona di Dafni 10 marzo 2010. Pochi giorni dopo, il 19-20 Marzo, 2010, la ‘Cospirazione delle cellule di Fuoco’, sostiene che gli attentati contro gli uffici dell’organizzazione nazista ‘Chrisi Augi’, sede del presidente della comunità greco-palestinese e il centro di detenzione per immigrati nella memoria del dedicante Lampros Fountas. In occasione del presunto smantellamento del gruppo di guerriglia urbana ‘Lotta Rivoluzionaria’, la notizia è dominato da uno spettacolo di terrore orchestrata dai mezzi di comunicazione di massa, ponendo le basi per una serie di detenzioni preventive e perquisizioni di case compagni. Lo stato ha lanciato un appello pubblico per trovare degli informatori, mentre la dispersione diffamazione dei media sulla vita dei compagni durante il tentativo di screditare il senso della loro lotta politica. E tutto questo in uno sforzo apparente per distogliere l’attenzione quando assicurazione sono aumentate riforme sistemiche e fiscali, se il paese è sotto sorveglianza del IMF.

La passione per la libertà, la necessità di auto-organizzarsi nei nostri quartieri, la solidarietà, la forza e la massa lotte sociali, le azioni contro il fascismo e contro la schiavitù salariale, la base delle lotte sociali. La recente rivolta e lo stress sociale attuale non dovrebbe essere visto come eventi separati, o semplicemente essere designato come de-gli effetti della crisi economica. Il loro carattere è stato forgiato nel corso di una serie di azioni, eventi, incontri, proteste, occupazioni e scontri, per diversi anni: 1985, 1991, 1995, 1998, 2003, 2006, 2007, 2008, 2009… La memoria collettiva non perdona assassini: il poliziotto che ha sparato indietro, 17 novembre 1985, Michalis Kaltezas, assassinii Alexandros Grigoropoulos spedizionieri che hanno ucciso Niko Tonti o carnefici Lampros Fountas. Noi non perdoniamo omicidio da parte dello Stato.

Noi non regredire

Tutto continua

0 thoughts on “Ieri e oggi”

  1. os puedo aiudar en las traducciones, soy italiana y funciono mejor del traductor de google:) si quiereis, mandarme directamente al correo los textos… ententare’ ser rapida

    viva el cambio

  2. Se per favore, tradurre qualsiasi testo che ti interessano. Visualizza l'inglese o la sezione di spagnolo! La ringrazio molto per la partecipazione al progetto. Potete contattarci in qualsiasi momento.
    //
    Si usted por favor, traducir cualquier texto que le parezca interesante. Ver el Inglés o la sección de español! Muchas gracias por participar en el proyecto. Puedes contactar con nosotros en cualquier momento.
    //
    If you please, translate any text you find interesting. See the Spanish or the English section! Thank you for participating in the project. You can contact us at any time.

Leave a Reply

Your email address will not be published.