Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Berlino: Pietre a cinque auto della polizia

22 gennaio 2017

La notte scorsa abbiamo lanciato varie volte delle pietre a delle auto degli sbirri. È un attacco sul quale abbiamo da dire qualcosa agli sbirri ma anche al pubblico…

I/Le nostrx amicx sulla strada, nelle loro case e piazze con le roulotte e dappertutto sono presentx 24 ore su 24 per ognunx. I loro compiti, desideri e sogni sono vari. Solo alcuni esempi: consolano, aiutano, partecipano ai lutti, proteggono, fanno attenzione e ascoltano. Ma incendiano anche delle auto, lanciano pietre, imbrattano pareti con la vernice e spaccano il muso ai nazi. Ovvio che non sono troppo popolari per alcunx. È quasi un rischio “professionale” e fa parte, come anche la gratitudine di tante persone, all’essere umanx.

Ma quel che non va proprio sono le migliaia di morti ai confini dell’Europa, i milioni di persone rinchiuse nelle decine di migliaia di prigioni nel mondo. L’infinito numero di maltrattamenti, torture ed assassinii commesso dagli sbirri. Sbirri che impongono leggi fatte da chi domina per difendere la ricchezza, i privilegi e lo sfruttamento.

Chi non si piega, prima o poi è sfrattato, sanzionato, sottomesso. Per questo sono competenti quelli che abbiamo colpito l’altra notte. Gli equipaggi di cinque volanti dovettero così sospendere il loro servizio, perlomeno per questa notte. Alcune vittime potenziali potevano così passare una notte più tranquilla.

Speriamo che le vetture dei “protettori degli obiettivi” rimangano lontane dal servizio un po’ di più e vorremmo aggiungere quanto segue:
gli sbirri sono parte dell’oppressione e della violenza alle persone. Hanno, ancora, la vita troppo ma troppo facile. Le molte ore che utilizzano, le svariate strategie repressive – anche nei fine settimana, di notte e imprevedibili, tanti di loro ne possono parlare non poco salvo, probabilmente, ai propri familiari. Eh sì. Ai familiari. Che a casa devono sentire che bel servizio che hanno appena prestato. A chi guardano negli occhi non dicono una parola delle botte, dei continui controlli e arresti. Sbirri sono uomini e donne, padri e madri amicx che hanno scelto questo metodo di procedere – e chi di spada ferisce di spada perisce.
La lungaggine di questo testo…

Un buon lunedì in tutta sicurezza. Se c’è cosa – siate più veloci di loro e difendete la vostra libertà.

LG del social media team dei gruppi autonomi.
Passaggi simili a quelli dello scritto seguente sono puro caso:
https://linksunten.indymedia.org/de/node/201829

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>