Exarchia, Atene: Aggiornamenti sul primo mese operativo dello squat Themistokleous 58

K-TH-58(Potete leggere il primo annuncio dello squat qui)

Nell’ultimo mese, lo squat Themistokleous 58 Squat ha partecipato a una serie di azioni/manifestazioni:

Il 16 gennaio 2016, siamo scesi in strada per la prima volta con un blocco separato di circa 30 individui in fondo alla manifestazione in ricordo di Shahzad Luqman, nel quartiere ateniese di Petralona. Sono stati gridati e taggati slogan in diverse lingue, e un bancomat è stato vandalizzato lungo il percorso. Dopo la fine della manifestazione, l’insegna all’entrata degli uffici locali del partito di governo SYRIZA ad Ano Petralona è stata tolta.

Il 23 gennaio abbiamo partecipato alla manifestazione in solidarietà con la detenuta migrante Sanaa Taleb, partita da piazza Vittoria, nel centro di Atene. Tra gli altri slogan, abbiamo scandito i seguenti: Lotte comuni di locali-migranti; espropriamo le ricchezze borghesi // Strutture di solidarietà, nuclei di rivolta, guerra contro la guerra di chi detiene il Potere // Alerta, alerta, antipatriota // Ascoltate, miserabili patrioti: daremo fuoco ai confini nazionali // Cucine collettive, autopattuglie bruciate, lotta multiforme per la libertà // I saldi di gennaio non sono abbastanza; espropriamo in massa // La bandiera [nazionale] è bella quando brucia // Libertà per chi è in prigione // L’unità nazionale è una trappola; noi, gli esclusi, non abbiamo patria // Sanaa, tieni duro fino alla libertà, etc.

Il 30 gennaio abbiamo partecipato con un blocco di circa 40 individui (squatter e persone solidali) in difesa dell’angolo in basso a sinistra della piazza Vittoria, per fare in modo che la piazza non venisse investita dagli accoltellatori di Alba Dorata. Siamo rimasti sulla piazza dalle 18:00 alle 23:30. Poi siamo andati via in maniera coordinata, con il resto delle formazioni/collettivi che avevano partecipato alla difesa della piazza e con la maggior parte dei/lle migranti che erano presenti, marciando tutt* insieme verso Exarchia. Riconoscendo la nostra co-responsabilità nello spostamento di un gruppo di quasi 50 individui senza documenti da piazza Vittoria a Exarchia, su iniziativa di alcuni individui dello squat abbiamo investito la sede del Politecnico di Atene in modo che le persone potessero passare la notte lì senza essere minacciate dai teppisti in uniforme della polizia greca o dai gruppi di nazisti che davano loro la caccia. Il mattino seguente, i/le 50 migranti circa hanno lasciato il Politecnico e sono tornat* in piazza Vittoria.

Il 4 febbraio abbiamo preso parte al gruppo difensivo del Black Bloc Anarchico che ha partecipato allo sciopero generale ad Atene. Come nelle altre occasioni, il gruppo di squatters e persone solidali che sono scese in piazza era internazionale e multirazziale.

Il 10 febbraio abbiamo esposto uno striscione fuori dallo squat in solidarietà con il centro sociale autonomo Klinika a Praga, che è stato recentemente attaccato dai fascisti.

L’11 febbraio, alcuni di noi hanno partecipato alla manifestazione in solidarietà con lo squat Vancouver Apartman con uno striscione che diceva: “Gli squats sono una lotta per la vita.”

Complementariamente all’attività sopra citata, dichiariamo la nostra solidarietà con le strutture e i progetti auto-organizzati che sono stati minacciati dalla repressione o colpiti dallo Stato e/o i fascisti in quest’ultimo periodo.

Per quanto riguarda l’operatività dell’edificio, gli spazi comuni dello squat (sala assemblee & cucina a piano terra) aprono tutti i giorni alle 08:30 (tranne la domenica, quando aprono alle 10:00), e le porte dello squat chiudono imperativamente a mezzanotte. Per il momento la casa è piena, e stiamo mettendo in piedi un modo di vita comune auto-organizzato ed efficace. L’uso di droga e alcool così come fumare non è permesso all’interno degli spazi dello squat. Questo specifico accordo tra tutt* i/le partecipant* allo squat corrisponde al nostro bisogno di essere alloggiati in un ambiente abitativo senza risse e che sia sicuro per tutte le persone implicate nel progetto, a prescindere dalla loro età. Sottolineamo il fatto che lo squat non ha i requisiti per alloggiare persone con gravi handicap motori, problemi di salute mentale e dipendenza. Il ‘negozio free’ al piano terra (uno spazio dove dare e prendere per scambiare vestiti e altri oggetti) è aperto tutti i giorni dalle 12:00 alle 20:00. L’assemblea aperta dello squat si tiene ogni lunedì alle 20:00 nella stanza al piano terra, le persone solidali possono discutere di diversi temi relativi allo squat, partecipare ai diversi gruppi di lavoro, e suggerire delle idee per migliorare il funzionamento del progetto.

Qui di seguito una lista delle cose di cui abbiamo bisogno in questo momento:

Questioni tecniche/riparazioni: vernice, palette/prodotti di legno, doni per lavori di idraulica

Cucina: mini-frigoriferi, mini-forni, bombole di gas da cucina, forchette/coltelli/cucchiai, vassoi, tazze/bicchieri

Cibo: olio d’oliva (bisogno prioritario), alimenti base (riso, pasta), latte, frutta e verdura

Prodotti per la pulizia: detersivo, sapone, carta igienica

Prodotti per il giardino: terra, semi, vasi & sottovasi

Bisogni generici: caloriferi, oggetti di cartoleria/attività manuali, macchina da cucire.

Per finire vorremmo ringraziare tutt* coloro che hanno finora sostenuto il progetto. La lotta continuerà, fino alla distruzione totale degli Stati e dei loro confini.

Themistokleous 58 Squat
th58[chiocciola]riseup.net

in inglese, greco

Leave a Reply

Your email address will not be published.