Cile: Lettera di Marcelo Villarroel

638959_768

“E le frontiere esistono solo per chi le rispetta…”

Tramite questa lettera voglio salutare con tutto l’affetto ribelle di un prigioniero che si rifiuta di vivere secondo le regole del gran dio capitale, rinchiuso nel carcere capitalista dello stato cileno a causa di vari sotterfugi della legalità borghese che mi tiene adesso come ostaggio della democrazia, del suo stato e del suo dominio. Ad oggi, dopo 3 anni ed 8 mesi dalla nostra espulsione dall’Argentina, la nostra situazione giuridica continua ad essere in un limbo giustificato solo dalla ragion di stato, per la vendetta statale che giustifica qualsiasi azione o movimento del potere atto a mantenere la pace sociale…

La nostra custodia preventiva si è trasformata nella più lunga custodia nella storia della nuova riforma processuale cilena. 45 mesi per Freddy e anche per me. 37 mesi per Juan. Tempo durante il quale non siamo andati a processo ma abbiamo incontrato una infinità di irregolarità fatte dalle “teste rotte” capaci di tutto pur di farci restare dietro le sbarre. Anche se l’aspetto giuridico è la scusa formale con la quale lo stato perpetra la sua vendetta, il fatto di fondo è la repressione permanente per chi si ribella contro tutto l’esistente e non ha mai rinnegato un’alternativa di vita anticapitalista. È l’eterna battaglia per la liberazione totale che si scontra con gli sgherri dei carnefici sempre pronti ad arrestarci. In questa battaglia diventiamo tutti e tutte fratelli e sorelle da diversi territori ma con una stessa strada. Per questo è vitale preservare e rafforzare la nostra memoria di resistenza offensiva senza scordare nessun/a compagno/a e fratello e sorella in prigione…in Messico, Bolivia, Grecia, Indonesia, Italia, Cile ci sono ribelli sociali che fomentano, lottano, insistono e non dormono confortati dal benessere. L’idea e l’azione offensiva cresce e la rivolta continua ad essere contagiosa, e con essa anche la necessaria lotta anticarceraria come sfida per la trasformazione radicale di tutto ciò che ci opprime. Per questo è continuo l’invito a non cessare l’attività anche più semplice nel quotidiano fino a quelle più complesse tra chi lotta fuori dalle mura della prigione. Anche se passassero mille anni, in questo cammino di emancipazione non tornerei indietro… la nostra libertà non ha prezzo, i nostri cuori e le nostre coscienze nemmeno, per esse andiamo a prenderci tutto…

Un abbraccio rivoluzionario libertario!

Finché c’è miseria ci sarà ribellione!

Marcelo Villarroel Sepúlveda
Prigioniero libertario
Carcere di Alta Sicurezza, Santiago/Cile

Sabato 10 Agosto 2013

fonte

Leave a Reply

Your email address will not be published.