Cile: Ai compagni del mondo dall’ex penitenziario. Scritto di Alberto, el nico, Olivares

Fratelli e sorelle, da tanto tempo la realtà dell’impero continua essendo ancora più forte in ogni angolo della nostra vita, tutto trascorre in un corso di bassa intensità nella ribellione, “l’idea” ci reclama, ogni giorno, non ci dimentichiamo dei sogni, dei/le liberatori/e, e della rabbia contenuta x anni di ingiustizia sociale. Vedo dalla mia cella che i giochi politici si fanno realtà, che le carceri sono immuni, che nelle strade seguono a metà le volontà ribelli. fratelli e sorelle, questa non è la soluzione alla sottomissione umana, ma voglio esprimere quello che sento in ogni atto di casino e di poca azione diretta, continuo rapito da un sistema di polizia e ho la urgenza di muovermi, perché senza di voi, noi detenuti rimaniamo solx, in ogni bomba un invito al sistema a non abusare dei/le prigionieri/e, un furto al ricco è una fessura al sistema istituito.

Voi siete l’idea, voi siete la mia libertà e quella di tutti i rapiti del mondo

Distruggere per costruire

Facciamo tutto per tutti e niente per noi

GIÙ LO STATO DI POLIZIA
GIÙ LE PRIGIONI

COLLETTIVO 22 Gennaio

CENTRO DI STERMINO EX PENITENZIARIO MODULO A

ALBERTO OLIVARES FUENZALIDA

fonte

Leave a Reply

Your email address will not be published.