Italia: Campagna contro i veleni in tutta la Lombardia – Comunicato del Nucleo Danaus plexippus Fai/Fri

Ricevuto con l’immagine:

ATTACCO SENZA LIMITI

…Per il momento abbiamo utilizzato gli strumenti del nemico contro di esso.
Abbiamo alimentato la civiltà con il veleno che produce…

Cellula Nicola e Alfredo
F.A.I./F.R.I.

LE SCELTE DELL’ATTACCO

La sicurezza è un tema ricorrente all’interno dell’attuale società industrializzata che sicura non può sentirsi, in quanto distribuisce e riversa su sé stessa quotidianamente odio, violenza e veleni. Stabilendo di volta in volta i limiti di tollerabilità dei cancri che sviluppa al suo interno, cerca di abituare alla loro accettazione. Per cui le “polveri sottili” possono accumularsi entro una certa soglia, la tortura in carcere dovrebbe limitarsi alla sola negazione della lettura di ogni tipo di testo all’interno delle sezioni detentive più punitive, l’acqua è potabile solo se contiene una determinata quantità di metalli pesanti… Quello che è “sicuro” è dunque l’avvelenamento continuo cui siamo sottoposti, è solo il potere a fissare la dose giornaliera consigliata.
In questi giorni abbiamo deciso di sottolineare l’ingestibilità di questi limiti. Quelli che potrebbero incatenare l’azione anarchica, facendone una mera ripetizione macchinosa di slogan violenti e pratiche innocue, li abbiamo superati da tempo, assaporando di volta in volta la bellezza di scoprire e reinventare nuovi modi d’attacco. I limiti che affrontiamo oggi, sono invece quelli che stabiliscono la sicurezza d’un prodotto alimentare.
Se il consumatore medio si ritiene tutelato dai controlli che gli stessi fabbricanti di nocività applicano a loro stessi, noi con questa azione rendiamo palese l’inattuabilità di un meccanismo d’autocontrollo all’interno di settori, come quelli dell’alimentare, chimico, agricolo, ingegneristico (che sempre più si somigliano), in cui il profitto non è vero che viene prima della salute dei consumatori, ma avviene proprio sulla loro salute in un circolo veleno-antidoto-veleno senza fine.

Attualmente ogni alimento destinato ad uso umano è accompagnato da un limite massimo residuo di pesticidi che può contenere “a norma di legge”. Abbiamo deciso di aumentare la quantità di questi residui che si trovano normalmente sugli scaffali di tutti i supermercati, nascosti all’interno di prodotti che ci spacciano per sicuri.
A partire dall’inizio della settimana a cavallo tra maggio e giugno, mentre i più si preparano ad eleggere chi prenderà decisioni sulla loro vita, noi stiamo man mano sostituendo alcuni prodotti presenti all’interno dei supermercati con i “nostri” dai limiti massimi residui superiori. Per ora abbiamo sostituito solo il numero di prodotti visibili negli allegati fotografici. Prevediamo di terminare il nostro stoccaggio entro fine giugno, termine massimo di tempo che abbiamo posto alla nostra azione odierna. Ogni settimana aggiungeremo una siringa di veleno alla soluzione acqua/veleno che andremo a sostituire. Lo faremo perché manipoliamo unicamente delle sostanze che l’industria alimentare utilizza a suo piacimento, e partiamo con un quantitativo leggero di veleno non conoscendo, al contrario dei camici bianchi, gli effetti che può avere. Ci interessa quindi essere incisivi e non giocare con le parole. Questo è il nostro test iniziale. La sua continuazione e inasprimento dipendono da quanto interessi economici ed interessi “sociali” entrino in conflitto.
La nostra operazione toccherà tutta la regione Lombardia facendosi beffa di varie catene di distribuzione visitate, studiate e infine scelte appositamente per la miglior riuscita di questa campagna contro i veleni.
Quello a cui puntiamo è chiaramente il ritiro dal mercato dei prodotti che abbiamo utilizzato, nel periodo di tempo che abbiamo posto, ma ci teniamo a far si che le contraddizioni su cui poggia l’intera società in cui siamo immersi siano sbattute in faccia a tutti, anche a chi cerca di girarsi dall’altra parte. Poiché sappiamo che una mano di verde non basterà a ripulire un intero mondo ormai assuefatto alle proprie tossicità, perché accettare di essere avvelenati un po’ per volta equivale a morire ogni giorno.

Partiamo con una spiegazione tecnica della nostra operazione:
il veleno utilizzato è il Roundup della Monsanto, bottiglia di liquido concentrato per 560 mq. Il nostro kit: una siringa, un imbuto, una bottiglia d’acqua da 1,5 litri, pinzette, cacciavite, pennello a punta fine, colla. I prodotti avvelenati: biscotti di soia Misura, salsa di soia Suzi wan, salsa di soia Kikkoman, salsa di soia Save (nelle versioni “traditional” e “japan style”).
Cerchiamo giustamente di dare meno indizi possibili agli sbirri che indagheranno, per questo alcune delle foto allegate sono state ritoccate (non siamo fotografi di professione e abbiamo dovuto supplire a qualche carenza tecnica, nonché distrazione in fase di “posa”). I lotti e altri codici dei prodotti sono stati coperti o cancellati per evitare il ritiro mirato di determinate partite lasciandone altre in vendita.

Abbiamo cominciato aggiungendo una siringa di Roundup alla bottiglia d’acqua, ma come già detto è solo la soluzione di partenza. Siamo stati attenti ad evitare qualsiasi possibile intaccamento nell’aspetto delle confezioni dei prodotti, abbiamo trovato per ognuno il modo perfetto di violarne la falsa sicurezza alimentare. A tutte le salse abbiamo estratto una siringa di salsa ed aggiunto una di soluzione. Per i biscotti abbiamo iniettato una siringa di soluzione di Roundup nella busta ed agitato. Delle pinzette per sopracciglia ci hanno aiutato nell’apertura di entrambi i tipi di salsa Save. Ne abbiamo inserito un’estremità sul retro dell’apertura del tappo, da lì poi un cacciavite ci ha permesso di estrarre tappo e relativo sigillo intatti. Per richiudere abbiamo dovuto solo fare pressione sul tappo. Con le salse Kikkoman ci è bastato svitare il tappo assieme alla pellicola di plastica, togliere il tappino anti-sgocciolamento e rifare il tutto all’inverso dopo la sostituzione. Anche quello per la salsa Suziwan è stato un procedimento abbastanza semplice. Tirare con forza il tappo assieme ai sigilli e premere il tutto per riconfezionare è stato rapido e pulito. Con i biscotti Misura siamo partiti dal fondo della confezione aprendo leggermente il sigillo a caldo, giusto lo spazio necessario a far entrare il nostro ago, per poi rimpacchettare con pennello e colla.
Fatto questo i primi corrieri hanno rifornito i supermercati per questo test iniziale.

È stato sin troppo immediato scegliere i protagonisti della nostra azione. Vari settori tecnologici convogliano i propri interessi nell’industria alimentare, tanto da inglobarla. Le stesse aziende che investono sulla ricerca tecnologica, che puntano a sdoganare gli organismi geneticamente modificati (OGM) nel mondo, leader nel settore chimico dei fitofarmaci, si fanno proprietari, letteralmente, anche di semi e piante. I brevetti infatti rendono possibile il copyright su qualsiasi cosa.
La Monsanto riveste un ruolo chiave in questo campo. Nata agli inizi del Novecento, ha fatto subito breccia nel settore chimico durante la seconda guerra mondiale grazie alla diffusione del DDT, spruzzato su intere popolazioni e fatto passare per panacea, nascondendone la reale tossicità. Da allora ha iniziato un lungo percorso costellato di intrecci politici, forzature e coercizioni per mezzo delle quali è diventata una delle maggiori forze economiche mondiali, tanto da ricevere le attenzioni di un altro colosso come Bayer che ne sta trattando l’inglobamento proprio in questi giorni. L’impero Monsanto spazia dalla chimica all’agricoltura, passando per l’ingegneria genetica. Si è resa responsabile dello spargimento dell’Agente Arancio (diossina al 100%) in Vietnam, dell’insabbiamento dei dati tossicologici relativi ai suoi brevetti PCB, di svariate ricerche in campo nucleare, fino ad arrivare ai giorni nostri. Apripista nella corsa all’appropriazione di ogni diritto sull’esistente, si è subito interessata a far equiparare gli OGM alle normali coltivazioni. Grazie a questa “equivalenza in sostanza”, avvenuta negli anni novanta negli Stati Uniti ad opera di un suo futuro dirigente infiltrato negli organi di controllo, è riuscita ad evitare test ed ottenere autorizzazioni in relazione alle sue nuove creazioni. Dopo la commercializzazione di una vasta gamma di pesticidi, con l’utilizzo dell’ingegneria genetica è riuscita ad ottenere brevetti su numerose piante OGM resistenti ai suoi stessi pesticidi, o che addirittura sviluppano esse stesse il pesticida al loro interno. È qui, in questo passaggio di rendere artificiale ogni aspetto delle nostre vite, pensando che alla spregiudicatezza delle loro azioni si risponderà con vile rassegnazione, che il nostro cerchio si chiude. Il Roundup è il pesticida più diffuso al mondo. Il suo principio attivo è il glifosato, erbicida che ritroviamo ormai in gran parte delle falde acquifere. È messo in relazione dagli stessi detentori delle verità scientifiche con vari tipi di cancro, problemi renali, Parkinson ed Alzheimer. La Monsanto ottenne il brevetto per il Roundup nel 2002 a cui seguì l’immissione sul mercato di una serie di piante OGM ad esso resistenti. Tra queste la soia Roundup Ready (praticamente la tipologia più coltivata al mondo) ha reso schiavi di questa multinazionale migliaia di contadini costretti a pagare i diritti di concessione per poter seminare. La “rivoluzione verde”, come venne nominata la vasta operazione di diffusione degli OGM in tutto il mondo capeggiata dalla “umanitaria” Fondazione Rockefeller, ha reso così possibile, grazie ai finanziamenti destinati agli agricoltori in difficoltà, la dipendenza di quest’ultimi dai “padroni delle sementi”.
Se milioni sono i litri di questo pesticida che vengono irrorati sulle piantagioni di soia in tutto il mondo una siringa in più è una goccia nell’oceano.
Mentre l’Unione Europea continua a sospendere il giudizio sugli effetti cancerogeni del glifosato, noi ributtiamo sul piatto il problema.

AI COMPLICI, AGLI INSORTI

Eravamo stanchi di pensieri di libertà atrofizzati dal realismo politico dei teorici della rivoluzione non qui, non ora e di azioni monche perché prive di consequenzialità, efficacia e chiarezza comunicativa, per cui abbiamo deciso di dare una svolta alle nostre vite e progettualità con questo primo contributo alla lotta alle nocività della civilizzazione ed all’evolversi delle strategie economiche del dominio, in chiave eco-sostenibile. La nostra svolta è stata duplice:
La svolta è avvenuta con il tipo di azione che abbiamo scelto. Ad una forma ormai consolidata di attacco, sempre e comunque incisiva, abbiamo aggiunto un nuovo avvelenamento goccia a goccia delle merci del nemico. Uno stillicidio di veleni che combatte e mette in evidenza l’avvelenamento quotidiano e globale che la società iper-tecnologica, consumista, alienata ed alienante impone. La somministrazione omeopatica dei loro veleni mette in evidenza la realtà quotidiana di auto-avvelenamento a cui la civilizzazione industrializzata sottopone corpi e menti.
La svolta è stata anche la decisione di inserirsi nel mare magnum del dibattito che rimbalza da un lato all’altro del globo grazie alle azioni che dal lontano 2003 portano avanti vari e differenti individui e gruppi affini che aderiscono alla Federazione Anarchica Informale, ed al suo ulteriore allargamento nel Fronte Rivoluzionario Internazionale, continuando a fornire prospettive vive e stimolanti al binomio pensiero-azione che sta alla radice dell’anarchia. Il dialogo che si è instaurato attraverso azioni e rivendicazioni lo abbiamo letto negli anni: alterna contributi critici e di metodo fondamentali a slogan e raccolte di saluti, spesso con riduzioni semplicistiche dei problemi. Proveremo a sviscerare alcuni problemi e sciogliere certi nodi di fondo, per noi fonte di fruttuose discussioni.

– Il binomio tra legalità ed illegalità lo crea il dominio a seconda di quanto voglia alzare l’asticella della propria tolleranza, in base a pressioni e tensioni sociali ed alla propria valutazione del rischio (si vedano ad esempio l’evoluzione delle legislazioni cosiddette anti-terrorismo, della repressione di piazza, ecc.). Legalità e recupero vanno di pari passo, per cui siamo noi a privilegiare determinate pratiche, non in quanto illegali, ma in quanto più efficaci. Ci rendiamo semplicemente conto che, se dobbiamo affrontare in maniera incisiva e seria un problema, la soluzione sfocia con naturalezza nell’illegalità, visto che gli strumenti legali che ci vengono “offerti” (contro-informazione, sensibilizzazione sociale su di un problema, manifestazioni e proteste) non ci bastano e non ci interessano.
– Siamo insorti, insorgenti non insurrezionalisti. Stiamo insorgendo ogni giorno, lavorando di lima a spezzare le nostre proprie, individuali catene. Non abbiamo masse da educare, fomentare alla “insurrezione che verrà”. Non prepariamo nessun terreno cercando di “unire movimento specifico e popolo, guerriglia e prospettive insurrezionali”. Non cerchiamo ruoli di condottieri o avanguardia, presente o futura. Tanto i condottieri rivoluzionari di oggi, una volta che poggeranno il culo su di uno scanno, diventeranno i carnefici dei ribelli di domani. Per questo odiamo la politica, che con la mediazione incancrenisce il libero fluire dialettico tra pensiero ed azione. Non abbiamo tempo né desiderio di costruire un processo rivoluzionario a lungo termine. Non è il sol dell’avvenire che ci abbaglia ma il fulmine a ciel sereno dell’atto di rivolta scelto, meditato, progettato e soprattutto urgentemente necessario contro l’avanzare sempre più veloce della macchina del dominio.
– Aderiamo in continuità critica alla F.A.I., in critica perché non comprendiamo il rischio di trasformare una libera – nel tempo e nello spazio – rete in piattaforma. Proporre una “piattaforma informale dell’azione anarchica polimorfa” con strutture ed infrastrutture significa ingabbiare una bestia che per sua natura deve restare selvaggia. L’azione è multiforme, sfaccettata e cangiante come la vita, però la multiformità non può diventare un facile slogan che copra, come un banco di nebbia, le carenze dell’azione stessa. Ogni giorno siamo nelle strade, nelle librerie anarchiche, alle cene, ai concerti, negli squat, ma se dovessimo associare tutto questo al reale attacco al potere che sentiamo urgente e necessario staremmo mentendo a noi stessi. Questo significherebbe livellare l’anarchia elevando quello che è, o a questo punto dovrebbe essere, il “quotidiano” anarchico a fine ultimo.
– Non vogliamo supplire con “strutture” o peggio “infrastrutture” alle mancanze pratiche organizzative dei singoli, non è la mera unione a fare la forza, anzi le strutture sclerotizzano l’azione. Crediamo invece sia tuttora valida la vecchia ipotesi di una rete di compagni che, senza conoscersi, siano dialoganti attraverso le azioni, come propose il primo testo che lanciò la progettualità informale: crescita tecnico/teorico/pratica attraverso lo sviluppo delle azioni. “Conciliare organizzazione e dibattito teorico/pratico con l’anonimato di gruppi/singoli è possibile mediante un dialogo diffuso attraverso le azioni, che oltre ad apportare il loro specifico discorso distruttivo veicolano anche altri messaggi (attraverso modalità e mezzi utilizzati, obbiettivo comunicazione), indipendentemente dai danni materiali”.
– Spontaneismo non è sinonimo d’informalità e tantomeno informalità significa disorganizzazione o pressappochismo. Le azioni vengono spontaneamente progettate dall’idea di una o più menti insorte, si consolidano attraverso la critica e l’analisi per risolvere problemi tattici e logistici, per poi sbocciare come fiori velenosi nei campi della società assopita.
– lnformalità non significa incontro con “altri gruppi politici di affinità” per coordinare le lotte, ma l’informalità è l’antidoto alla delega politica. È il metodo che rende qualitativamente migliore i rapporti tra individui, evitando di intessere relazioni “politiche” ai fini di una crescita quantitativa. L’informalità è aperta ma non trasversale.
– Aderiamo in critica e continuità al Fronte Rivoluzionario Internazionale. In critica perché non siamo e non vogliamo diventare una “organizzazione armata” né sentiamo il bisogno di sottolinearlo in relazione al disarmo ed alle critiche riformiste dei più. Siamo invece fieri di essere parte di quel caotico fronte di compagni in guerra alla società, faccia a faccia col nemico, armi in pugno. Sempre tornando al testo da cui nacque la Federazione Anarchica Informale: “Inoltre chi fa parte della Federazione Anarchica Informale ne è militante a tutti gli effetti solo nel momento specifico dell’azione e della sua preparazione, non investe l’intera vita e progettualità dei compagni, ciò permette di mettere definitivamente in soffitta ogni specialismo lottarmatista”.
– Siamo individualisti non collettivisti. È un moto individuale alla base del nostro agire. Creiamo libere ed instabili associazioni di individui per rendere più incisiva l’azione. Le rivendicazioni di lotta collettive portano alla delega, germe della politica, ed al riformismo. Le organizzazioni stabili di sintesi cristallizzano il contenitore in luogo di potenziare i contenuti: forniscono un trampolino di lancio ai politici di professione, un’alternativa ed il paravento del numero (benché esiguo) agli ignavi.

Non sottovalutiamo l’importanza fondamentale della dialettica tra compagni, che siano dentro e fuori le carceri, per questo ringraziamo per gli stimoli offerti ai nostri cervelli ed alle nostre pratiche gli scritti dei compagni in carcere (Nikos Romanos, Alfredo Cospito, Nicola Gai, i compagni incarcerati delle CCF, …) e gli scritti rivendicativi dei compagni che aderiscono alla F.A.I. (CCF cellula di guerriglia urbana, Gruppo Kapibara, Comitato pirotecnico per un anno straordinario, …), che seppur differenti e spesso contraddittori ci hanno aiutato a sciogliere dubbi e spinto a concretizzare il nostro agire.

La grande scommessa di questi tempi è allo stesso tempo folle e necessaria.
Folle che manipoli sparsi di sognatori tentino di combattere il dominio, necessario che lo facciano.

Nucleo Danaus plexippus
FEDERAZIONE ANARCHICA INFORMALE
FRONTE RIVOLUZIONARIO INTERNAZIONALE

Prima settimana di giugno del 2016
Alla prossima