[Cile] 22 Maggio: Giornata del Caos – Cinque anni dopo la caduta in combattimento del punky Mauri

Cinque anni dopo la caduta in combattimento del compagno Mauricio Morales che è morto il 22 Maggio 2009 attaccando la scuola della gendarmeria con un ordigno esplosivo. Attraverso questa propaganda vogliamo contribuire all’espansione della memoria dei/le nostrx compagnx anarchici/che, sabotando la macchina dell’amnesia funzionale solamente alla cultura del dominio.

Facciamo un richiamo alla proliferazione dei gesti contro il potere, affrontando tutte le forme di autorità.

Ricordiamo l’irriducibile vita del compagno, il suo grande sorriso, i suoi desideri di libertà e le sue contraddizioni, che denotano la prassi insurrezionale.

Claudia, Jhony, Mauri, Angryvivono nella rivolta.
LA NOSTRA MEMORIA È NERA, IL NOSTRO CUORE ANCHE.

Maggio 2014.

Sul manifesto si legge:

Per l’espansione del caos e dell’anarchia.
Per la propagazione del fuoco come la peggiore morte nera!

Il 22 Maggio 2009 il compagno anarchico Mauricio Morales si dispose per attaccare la miserabile scuola della Gendarmeria del Cile. Un malfunzionamento del artefatto esplosivo che trasportava abbia innescato la detonazione anticipatamente, uccidendolo sul posto immediatamente e inaspettatamente. Il messaggio anarchico è chiaro: chi fa della tortura sistematica un mestiere semina odio e raccoglierà tempeste. Perché sostenere questo ordine di morte ha un prezzo; nessun debito sarà cancellato, e nessuno rimane dimenticato. Tranquillità nelle loro tane? Pace sociale? Noi sosteniamo che la vendetta e lo scontro saranno permanenti, affinando l’obiettivo e alzando gli scenari del conflitto fino ad un punto di non ritorno.

Spero ridendo la morte tagliente con il petto duro e pieno di vita;
che l’insorto fuoco illumini le notti cupe di Maggio.

Un altro manifesto qui.

Leave a Reply

Your email address will not be published.