Contatti

Per contribuire in traduzioni, correzioni e/o materiale di prima mano per la pubblicazione, come ad esempio aggiornamenti dalle strade, aggiornamenti di azioni, rivendicazioni di responsabilità, testi di compagni imprigionati o perseguitati, richiami, opuscoli, articoli di opinione, ecc: contrainfo(at)espiv.net

Nürtingen, Germania: Vernice alla pretura

23 febbraio 2018

Mercoledì 21 febbraio sono statx processatx 6 antifa dal tribunale di pretura Nürtingen. Si trattava della resistenza vicino all’area della fiera di Stoccarda di fine aprile 2016 contro il programma federale del partito AFD. Tuttx lx sei subirono condanne a pene pecuniarie e condanne condizionali. Un giorno e una notte dopo con lo spray colorato abbiamo lasciato alla pretura lo slogan “Antifa rimane legittimo” e attaccato la facciata dello stabile con vari sacchetti alla vernice. Purtroppo il vetro blindato nell’entrata era troppo resistente per ulteriori cambiamenti sostanziali dello stabile.

Nel processo contro lx 6 non si trattava di responsabilità individuale. È indifferente chi avrebbe fatto che cosa e a chi sarebbero da attribuire quali azioni. È indifferente quanto “clementi” oppure “dure” sono da considerare le pene. Il problema non è una giudice o un pubblico ministero. Il tribunale ha fatto quello che in questo Stato e sistema deve fare. Ecco il problema. Ha fatto del dinamismo di persone che si contrappongono con coraggio e passione ai razzisti, agli sciovinisti e ai nemici di una società libera un reato con conseguenze pesanti. Anche la miserabile pretura è, con ciò, una piccola ruota in questo sistema che permette l’attuale crescita della destra. Se si condanna la legittima resistenza non è neutrale bensì una presa di posizione.
A questo abbiamo risposto con una presa di posizione pratica.

Fonte: Indymedia

Traduzione dal tedesco mc, CH

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>