Lipsia: Vetri rotti a catena di negozi bio “Biomare”

187457Lipsia, 9 agosto 2016

Da alcuni mesi è in atto una campagna d’immagine della catena di negozi bio “Biomare” a Lipsia che si considera alternativa al capitalismo; il caro-acquisto di viveri regionali nei negozi dovrebbe contribuire a un mondo migliore visto che “smuoverebbe molto di più che, scontenti, puntare il dito su altri, sul sistema, sullo Stato o sul capitalismo”. L’appello a più “organizzazione indipendente” sarà anche giusto, solo che BioMare si attiene alle regole del gioco capitalista e sia negando ogni rapporto di classe con il solito discorso del “dialogo” sia sottacendo i privilegi del tipico ceto dei clienti (medio-alto con finanze abbondanti) in più le favorisce. Così sì che si può discutere comodamente sul mondo migliore delle spese.

Alcunx trovarono la campagna vomitevole come noi e alcuni giorni fa rompevano i vetri di una filiale. Ma la rivendicazione era breve e scarsa. Secondo noi una dichiarazione più esaustiva sarebbe stata più sensata. Dopo, il dirigente di BioMare attaccava alcuni manifesti e sosteneva la cavolata borghese tipo “Chi lancia pietre non ha argomenti”. A questa idioza abbiamo risposto anche noi con dei manifesti.

Fonte: Linksunten

Traduzione dal tedesco mc, CH

Leave a Reply

Your email address will not be published.