Grecia: “Sempre colpevole” – Testo di Panagiotis Argirou a proposito del processo per i 250 attacchi della CCF / FAI-FRI

ccf-768x509

«SEMPRE COLPEVOLE»

I processi degli Anarchici che hanno scelto una forma violenta per le loro idee e valori, che scelgono di associare il loro odio verso il Potere col fuoco, gli esplosivi e le pallottole, sono un nuovo esempio di guerra tra la rivolta anarchica e il mondo della sovranità. Ecco perché, per arrivare alla fine di un simile processo, il terzo di fila che devo affrontare a causa della mia azione come membro del gruppo anarchico di azione diretta Cospirazione delle Cellule di Fuoco, sento il bisogno delle parole per rispondere di nuovo a tutt* i/le compagn* anarchic* fuori dalle mura.

Dal settembre 2009, quando ho fatto il salto verso la libertà illegale pur essendo ricercato, scegliendo di continuare l’azione anarchica prendendo parte alla Cospirazione delle Cellule di Fuoco fino ad oggi, sono passati 6 anni. Sei anni, cinque dei quali passati a correre attraverso il tempo concreto, lo spazio e la realtà soffocante della cattività. Circa 1825 giorni a camminare in tondo per chilometri sotto un pezzo di cielo scolpito di filo spinato. Circa 1825 giorni rinchiuso prima del tramonto.

Da cinque anni assente dai vagabondaggi nelle vie selvagge dell’azione anarchica, assente da quei bei momenti in cui l’attacco spezza la regolarità. Cinque anni in cui la comparsa dei/lle compagn*, amic* e degli amori si riflettono nelle finestre delle visite in ore e giorni predeterminati, completando un puzzle di ritratti sbiaditi di tante persone che hanno una ragione vitale di oltrepassare la soglia della prigione sperando “a volte di nuovo insieme”.

Eppure, in questi cinque anni, non c’è stato un solo momento in cui ho guardato indietro e dubitato che ne valesse davvero la pena. Perché il valore e la bellezza della rivolta anarchica non possono venire sostituiti dalla fredda matematica di una corte di giustizia.

Nonostante i cinque anni di continue persecuzioni, le decine d’anni di condanna che mi sono imposti, i tribunali che ne aggiungono altre decine, sempre più anni, sempre più giorni d’isolamento in questa Isola che non c’è blindata, resto fiero delle mie scelte, di aver raggiunto la Cospirazione delle Cellule di Fuoco e dell’insieme delle sue azioni. Subiamo i vostri processi ancora e ancora, sempre sotto il giogo delle stesse accuse:
Terrorista, terrorista, terrorista…

È QUESTO, È QUESTO IL BUON MODO DI PENSARE…

Per la vostra civiltà marcia
Per gli ideali avvelenati e i valori che rappresentate
Per la brutalità e l’orrore su cui costruite le vostre carriere

SARÒ SEMPRE UN TERRORISTA

Perché pur essendo prigioniero, il mio cuore è ovunque nelle cospirazioni anarchiche che vengono architettate contro la cultura del potere, a fianco di chi brucia la monotonia, a fianco di chi incita in qualsiasi modo all’insurrezione anarchica permanente e a fianco di chi respinge i propri limiti attraverso gli attacchi contro la sovranità, per questa ragione:

SARÒ SEMPRE COLPEVOLE!

Quanto all’azione globale della Cospirazione delle Cellule di Fuoco, ne sono una parte vivente allo stesso modo in cui questa fa parte della mia vita. Eppure questo non riguarda che me e i/le mie* compagn* e in nessun caso sono disposto ad aiutare le autorità giudiziarie nel loro lavoro. Ma tutti i giudici che hanno contribuito attivamente alla guerra contro l’insurrezione anarchica devono tenere a mente che le loro responsabilità non spariranno mai e gli saranno sempre alle calcagna.

E dalla storia ho imparato che col passare degli anni ci sono delle coscienze che scelgono di marciare nelle tracce della rivolta anarchica e di armare i propri desideri. Per tutt* i/le compagn* che sono forse già in cammino nell’ombra o che lo saranno forse in futuro, devo dire che se ho provato occasionalmente qualche momento di libertà, è stato attraverso gli attacchi anarchici che mi ricordano che la rivolta costante continua.

Allora sono orgoglioso che anche ora, dopo cinque anni di prigionia e parecchi altri che incombono su du me, io possa ancora gridare attraverso le crepe dei vostri muri rinforzati da doppi strati di cemento e triplici linee di filo spinato.

NEMMENO UN MILLIMETRO INDIETRO.
9MM NELLA TESTA DEI GIUDICI.

Panagiotis Argirou
Orgoglioso membro della Cospirazione delle cellule di fuoco – FAI / FRI

in francese

Leave a Reply

Your email address will not be published.