Udine: Di che colore è la tua bandiera quando brucia?

Venerdì 8 maggio a Udine sono state perquisite tre abitazioni con il pretesto di un tricolore bruciato da mani fortunatamente ignote il 24 aprile.

Come spesso accade il mostro da sbattere in prima pagina sono stati gli anarchici.

Molte anime belle si sono precipitate a condannare l’episodio poiché in quei giorni l’italica bandiera assurge a feticcio per celebrare una liberazione tradita, chiedendo punizioni celeri e l’immancabile incremento di sorveglianza e telecamere. A loro rispondiamo con il motto di molti che misero a rischio o persero la vita durante la resistenza: “Non per la patria, ma per la Libertà”.

Detto questo, appare chiaro l’intento intimidatorio dell’operazione, sia per il dispiegamento di forze (in un caso in 10 per un’abitazione), sia per l’arroganza con cui si sono comportati (che per altro constatiamo senza troppo stupore).

L’occasione è servita per appropriarsi di computer, telefoni, volantini, opuscoli, manifesti… e fare le solite domande inopportune per sapere qualcosa in più sulle nostre vite.

Nell’esprimere la nostra solidarietà e vicinanza ai compagni perquisiti, ribadiamo che non ci faremo intimidire poiché chi agisce in nome dello Stato e della Patria ben poco può ottenere reprimendo chi vive per la Libertà.

“in the white flames of burning flags we found a world worth dying for”
– tra le bianche fiamme delle bandiere che ardono abbiamo trovato un mondo per cui vale la pena morire –
(Rise Against)

Anarchiche, anarchici e solidali di Udine e del Friuli

Leave a Reply

Your email address will not be published.