Grecia: Comunicato dei prigionieri membri della CCF sulla morte di Marian Kola

MIRUPAFSHIM*

Ma, dopo tutto, come si ottiene davvero la libertà? L’unica cosa certa è che essa sta fuori dalle celle della Democrazia, fuori dal magazzino delle anime umane, fuori dalla terra della “correzione”, obbedienza, apatia e droghe psichiatriche.

Ogni giorno è una realtà ripetitiva. Ogni giorno, pomeriggio, sera ascolti il suono dei portachiavi. La conta. Devono essere sicuri che sei chiuso, dentro quattro mura. E solo un girare nel cortile della prigione, mentre guardi il cielo azzurro, che ti fa bramare l’esterno… e l’indomani si riparte… in una routine quotidiana, dove il tempo sembra congelarsi…

In questo contento, se sei fortunato, puoi anche incontrare gente, la cui mente non è imprigionata dal cemento. Pensano costantemente a come tirare giù le mura, come fuggire… Li, nelle segrete di Trikala, abbiamo incontrato Marian.

Non vogliamo encomiare nessuno. Sappiamo, in un modo o nell’altro, che Marian non era anarchico, né un nostro compagno. Ma sappiamo anche che aveva uno spirito libero e che il suo sguardo volgeva all’orizzonte, cercando sempre la possibilità di lasciare lo spazio e il tempo della prigione.

Ecco perché abbiamo scelto di parlarne. Per le poche parole che abbiamo scambiato con lui. Per quanto ha voluto e ottenuto la sua libertà senza condizioni. Per il modo appassionato con il quale ha realizzato il suo sogno. Per la libertà, per la quale ha sanguinato ed è morto. Per un cammino, che davvero in pochi percorrono fino alla fine. Per tutte quelle cose che abbiamo apprezzato di lui, quando lo abbiamo incontrato.

Un addio per te, amico nostro. Un addio per tutti quelli che “cadono” mentre cercano di fuggire dalle celle della Democrazia.

Alcuni prigionieri membri della CCF che si sono trovati insieme a Marian nella prigione di Trikala

PS. Per le imboscate mortali e i moderni cacciatori di teste, non abbiamo parole. Il nostro piacere è vedervi piangere sopra le bare dei vostri colleghi morti.

 Mirupafshim significa “fino a quando ci rivedremo” in albanese.

Note:

1. Marian Kola era un prigioniero membro di una banda di rapinatori. Egli, insieme ad altri 10 detenuti, era scappato dalla prigione di Trikala alcuni mesi fa per poi darsi alla macchia. Tutta la polizia greca con l’aiuto dell’esercito ha fatto diversi tentativi di riprenderli. Un civile ed un poliziotto (quello che si suppone sia stato ucciso da Kola stesso) sono morti in diverse occasioni in sparatorie tra fuggitivi e poliziotti. Durante questa ricerca, i mass media hanno dipinto la banda come “nemico pubblico numero uno”, preparando l’omicidio dei fuggitivi. In totale, 11 sono fuggiti dalla prigione di Trikala il 22 Marzo 2013. Quattro sono stati localizzati ed arrestati, 2 sono stati localizzati ed uccisi dai poliziotti (tra questi 2, Kola che è stato ucciso il 21 Luglio 2013). Cinque rimangono ancora latitanti.

2. È da notare che la nazionalità albanese del gruppo ha avuto un ruolo cruciale nel demonizzarli, visto che la minoranza albanese è stata l’obiettivo principale del razzismo greco tra gli anni ’80 e ’90. La settimana scorsa, un gruppo di latitanti è stato localizzato in una montagna nel nord ovest della Grecia. Il loro covo è stato invaso dai poliziotti e Kola è stato ucciso.

fonti : a, b

Leave a Reply

Your email address will not be published.