Buenos Aires: Incendio di una macchina della polizia e un jeep di lusso dagli Amici della Terra

Come avevamo già annunciato, la polizia diventerà bersaglio di attacco, sia con dei proiettili o con incendi o esplosivi. Le cose che facciamo le diciamo con il proprio nome, e così vogliamo che facciano i compagni. Non vogliamo dire che stiamo realizzando una campagna velenosa perché abbiamo bruciato una macchina della polizia, e anche se non hanno escluso questa possibilità, ogni cosa ha il suo tempo.

Diamo il benvenuto a tutte le azioni volte alla rottura con l’ordine, l’indifferenza e la normalità, al di fuori la loro efficacia. Consideriamo però necessaria una migliore analisi della realtà, nel momento che mettiamo in atto un’azione di solidarietà con i prigionieri della guerra sociale, ed una scelta più adatta per il tipo del conflitto che vogliamo attuare per diffondere il caos e la distruzione che vengono proposte dalla Federazione Anarchica Informale in questi luoghi.

Siamo consapevoli della necessità di moltiplicare le azioni contro i simboli di potere e del sfruttamento, e crediamo che il modo migliore per aumentare il grido della distruzione è attraverso la propaganda dei fatti. Aderiamo quindi al progetto della Federazione Anarchica Informale, contribuendo con attacchi diretti contro il Capitale e lo Stato, incitando l’azione diretta, e lo scambio di opinioni con altri compagni che hanno deciso di passare all’offensiva.

In questo modo, come ci hanno già consigliato i compagni dell’O.R Cospirazione delle Cellule di Fuoco, dobbiamo dire che sia meglio di non limitarci ad un ragionamento radicale ed insurrezionale attraverso il quale possiamo sentire un’identificazione con la Federazione Anarchica Informale, ma portare anche questa intolleranza nella pratica della nostra vita quotidiana, ed ancora di più dal momento che ci facciamo avanti verso la ricerca dell’anarchia.

Per essere più chiari ed efficaci, dobbiamo spiegare a coloro che sono interessati alla nostra azione in qualsiasi modo, che ogni tanto facciamo quello che facciamo, in modo da essere più sincere le nostre intenzioni ed avere un maggiore rispetto ed impegno a questa guerra fino alla fine.

Il 1° Ottobre 2012, alle ore 1.30 della notte, abbiamo incendiato una machina del 47° commissariato della Polizia Federale dell’Argentina (4250 Nazca Avenue, nel quartiere di Villa Pueyrredón), all’angolo della stessa tana dei sbirri e sotto il naso e le loro camere.

Rivendichiamo anche la responsabilità per l’incendio di un jeep di lusso, parcheggiato accanto società privata di sicurezza e sorveglianza SPS, nel quartiere di Villa Devoto.

Amici della Terra / Federazione Anarchica Informale

Leave a Reply

Your email address will not be published.