Barchem, Paesi Bassi : Dichiarazione di alcuni degli imputati del caso dei “Barchem 4”

Queste parole sono per tutti quelli tra noi che si sono sentiti impotenti di fronte a un nemico mille volte più grande di noi.

Negli ultimi anni la repressione contro ogni lotta di liberazione è aumentata. In diversi paesi l’attenzione delle autorità si è concentrata su diversi movimenti, ma la sostanza rimane la stessa: Stati e governi proteggono gli sfruttatori, non gli sfruttati. Proteggono gli esecutori, non le vittime. Proteggono quelli che stuprano, uccidono e schiavizzano. Non quelli che sfidano l’esistenza stessa delle gabbie. Per fare questo, stanno utilizzando nuove leggi, unità speciali della polizia, sempre maggiori e migliori tecniche di sorveglianza.

In questo caso recente contro il movimento di liberazione animale, quelli che scrivono sono stati accusati di un ‘crimine’: di avere presumibilmente liberato quasi 5000 visoni dalle loro gabbie, dove avrebbero scontato una vita di paura, angoscia e reclusione prima di venire uccisi e trasformati in cappotti di pelliccia, nell’allevamento di animali da pelliccia del villaggio olandese di Barchem. Per questa ragione affronteremo il processo dal 25 al 27 settembre in Olanda.

Non sprecheremo ulteriori parole sull’evento specifico, considerando il fatto che il processo non è ancora cominciato, ma ci piacerebbe offrire la nostra prospettiva al movimento su cosa sta facendo la repressione, su cosa la repressione significa realmente per noi.

La repressione deve essere affrontata a testa alta. Dobbiamo aspettarcela, dobbiamo essere preparati e pronti ad accettare le conseguenze per aver sfidato la realtà delle cose. Senza questa consapevolezza vivremo la nostra vita nella paura, e non saremo in grado di lottare in alcun modo efficace. La repressione nasce dall’efficacia. Ogni azione ha una reazione, ecco perchè i governi e la polizia intervengono per fermare i metodi efficaci che usiamo per raggiungere i nostri scopi. Se fossimo stati inefficaci, allora niente sarebbe stato fatto per fermarci, perchè alle autorità non sarebbe interessato.

Dobbiamo accettare l’idea della repressione, se quello che vogliamo è creare una lotta che porterà a un qualunque tipo di cambiamento. La repressione e il reale cambiamento sono di base due lati della stessa medaglia. La peggiore reazione alla repressione è per noi di fuggire impauriti. E’ questo che dà alla repressione il suo potere. Come movimento scegliamo come reagire alla repressione, e se possiamo permettergli di toccarci o meno. Continuare con le campagne che loro cercano di fermare è in assoluto il miglior modo di sfidare e combattere la repressione. Ritornare più duri, migliori, meglio organizzati, più forti e più preparati. Aspettarsi e affrontare la repressione in modo da attenuare il suo impatto nel momento in cui arriva. Imparare dai nostri errori reciproci e rafforzare le nostre strategie. Altrimenti, lasciamo le autorità con un modello che possono usare per schiacciare ogni tipo di dissenso, in ogni altro tipo di movimento.

E’ così che lavorano: colpiscono uno di noi per educarne mille. Questo è il vero scopo degli arresti e delle perquisizioni, dell’isolamento e della prigione. E’ la loro arma migliore: instillare la paura nelle nostre teste per renderci disarmati, per ridurci al silenzio.

Per questa ragione, mentre affrontiamo questo processo ci piacerebbe che tutti ricordassero che anche noi abbiamo la nostra arma. E’ un’arma più forte delle loro perchè è costruita sull’empatia e sulla rabbia, ha le sue basi nella passione e sincerità tra persone che condividono lo stesso senso di urgenza: è chiamata solidarietà.

Solidarietà significa supportarci gli uni con gli altri nel momento del bisogno, ma anche contrattaccare, non lasciare che la paura vinca sulle nostre vite, o ci fermi dall’essere efficaci. Significa unirsi come movimento, con tutte le nostre forze, capacità, e conoscenze. E in definitiva, unirsi attraverso il nostro obiettivo condiviso: la fine dello sfruttamento crudele degli altri esseri viventi e del pianeta che ci ospita tutti.

La solidarietà è la chiave per mantenere viva ogni lotta e per creare un movimento che non saranno mai in grado di spezzare.

Perchè nessuno è libero, finchè TUTTI non sono liberi!

Alcuni imputati del caso “Barchem 4”

fonte —versione in tedesco qui / sito di supporto qui

Leave a Reply

Your email address will not be published.