Aspropyrgos, Attica: Continua lo sciopero della “Acciaierie Greche” – Flirtati da vicino dalle forze politiche autoritarie

Martedi’, 13 Dicembre, i lavoratori hanno invitato ad uno sciopero di 24 ore l’intero complesso Thriassio (la più grande area industriale in Grecia, situata nell’ Attica occidentale, 25 KM a nord ovest di Atene), in solidarietà con la lotta dei lavoratori delle acciaierie.

Sabato, 10 Dicembre, una serie di gruppi di solidarietà ha trascorso la giornata fuori i cancelli della fabbrica “Acciaierie Greche” (Helliniki Halivourgia) con i 400 scioperanti come segno di solidarietà verso la loro lotta. La cucina collettiva “EL CHEF” del Ritrovo degli Immigrati ( Steki Metanaston, Exarchia) ha cucinato per gli scioperanti e i loro sostenitori mentre altri hanno tenuto un concerto di Rebetiko.

Sabato era il 42˚ giorno di sciopero degli operai della fabbrica. Gli scioperanti hanno chiesto la cancellazione dei piani per portare le loro giornate lavorative da 8 a 5 ore, e il ripristino delle decine di compagni di lavoro licenziati finora (è  già stato annunciato un licenziamento di 50 persone).

Attraverso un video correlato, uno degli scioperanti spiega che durante i 30 anni in cui ha lavorato nelle Acciaierie Greche di Aspropyrgos, ci sono stati 7 infortuni mortali sul posto di lavoro, mentre nel corso di questi anni decine di altri lavoratori sono rimasti gravemente feriti (gravi ustioni, amputazioni, e cosi’ via) all’interno del laminatoio di questa fabbrica infernale.

Le linee di comunicazione tra i rappresentanti sindacali e i padroni della fabbrica rimangono aperte, ma nessuna delle due parti si muove. Il proprietario Manesis minaccia ulteriori licenziamenti se gli scioperi continueranno. Tutti gli scioperanti restano uniti e risoluti nel continuare lo sciopero finchè saranno soddisfatte le loro richieste.

Gli scioperanti hanno ricevuto ringraziamenti e un considerevole sostegno – come visite, donazioni di denaro e cibo – da molti differenti gruppi ed individui. Di fronte a questo enorme sostegno da molti settori della società , gli scioperanti sentono la responsabilità di continuare lo sciopero in nome di tutti coloro che li sostengono.

Gli occhi di molti in tutto il paese sono puntati su di loro, e l’esito di questa lotta sarà un banco di prova per i lavoratori e per i padroni capitalisti di tutto il paese. Tuttavia, la mancanza di sostegno da parte dell’industria ha messo pressione sulla loro causa. La fabbrica “sorella” a Volos ha dovuto accettare il piano di riduzione del lavoro, e i rappresentanti sindacali della fabbrica non hanno risposto alle chiamate degli uomini delle Acciaierie.

Quando ad alcuni degli scioperanti è stato chiesto sè, al di là di tornare a lavorare con condizioni migliori, avessero in programma di appropriarsi della fabbrica, hanno risposto che non hanno alcuna intenzione di fare ciò. Altri capiscono che è assolutamente impossibile,qui, ripetere quello che è successo in Argentina, perchè il grande proprietario industriale fa parte di un grande monopolio che comprende non solo la produzione, ma anche le altre industrie collegate alla Acciaierie (come la logistica e la costruzione).

Se siamo d’accordo con questa visione o no, ciò che resta difficile è mantenere lo sciopero nelle mani dei lavoratori stessi. Gli obbiettivi della loro lotta sono semplici e specifici della fabbrica. Ma essi stessi sentono la connessione tra la loro lotta e quella di tutti i lavoratori locali o immigrati in Grecia, contro i padroni, in un momento in cui la crisi economica viene sfacciatamente utilizzata come arma contro le nostre vite. Questo collegamento, tra la lotta specifica e quella più ampia, ha reso difficile mantenere lo sciopero in “mano” dei lavoratori stessi.

Anche se i lavoratori prendono decisioni tra loro attraverso assemblee regolari di tutta la fabbrica, molti gruppi politici fanno a gara per mettere il loro messaggio politico sullo sciopero e ne fanno la bandiera delle loro esaurite ideologie politiche. Questo è stato evidente durante le azioni di solidarietà di Sabato quando un rappresentante dei delegati del PAME (Fronte Militante di Tutti i Lavoratori) è arrivato in fabbrica, gridando i loro slogan e sventolando le loro bandiere, uno scioperante ha commentato “Noi lo abbiamo cominciato come lavoratori, ma ora sono arrivati i partiti politici”.

Deve essere chiaro che le forze autoritarie come il PAME e lo stesso KKE (partito “comunista” della Grecia) stanno strangolando lo sciopero fin dall’inizio, dato che molti Stalinisti sono tra gli stessi scioperanti. E’ stato distribuito un documento interessante, che cita le parole di Deli Maria che si descrive come una donna che parla a nome degli “sposi dei lavoratori dell’Acciaieria”, affermando che sono stati supportati dal PAME sin dall’ inizio della loro lotta. Il suo discorso emozionato appare anche su Indymedia Atene (come quà), ma è stato pubblicato in precedenza su Rizospastis, il principale giornale calunniatore appartenente al KKE, con il titolo: “25 Novembre 2011: Discorso pronunciato all’incontro di ieri ad Elefsina di Deli Maria, donna di un’operaio siderurgico in sciopero”. Un piccolo sunto: “Fin dal primo momento, il PAME e i sindacati di classe sono con noi, il KKE è con noi. Fin dal primo momento, questa lotta si è basata sulle risoluzioni e sulle decisioni di sindacati, associazioni, federazioni, società di donne e giovani, comitati popolari, comitati di disoccupati, studenti, etc. Fin dal primo momento, un fiume di solidarieta’ e’ stata espressa verso i lavoratori dell’industria dell’acciaio e verso le loro famiglie. Ci inchiniamo alla grandezza della solidarietà tra la classe operaia e le persone. Ci inchiniamo alla solidarietà internazionale di tutti i lavoratori.”

Il giorno 13 Dicembre, alle 20.00 (GMT +2), abbiamo ascoltato qualcosa in più sulla situazione dagli scioperanti delle “Acciaierie Greche” tramite un’ intervista registrata e una discussione dal vivo (in greco) sulla stazione radio libera di Atene 98FM.

Aggiornamenti relativi (1,2) e traduzioni sul sito occupied london

Leave a Reply

Your email address will not be published.