Italia: Dichiarazione del compagno Federico Buono sul processo del 10 Ottobre

Nella notte del 15 giugno la casualità pone davanti a noi una pattuglia Polfer (Polizia Ferroviaria) nel quartiere Lambrate di Milano. Nella perquisizione avvenuta nel nostro fermo ci trovarono in possesso di due “inneschi artigianali per ordigno”. Sempre il 15 giugno io e il compagno Mattia entriamo a San Vittore. Il successivo 8 luglio il tribunale del riesame ci scarcera. In questo periodo di discussione e approfondimenti politici su come affrontare un processo partendo da principi anarchici-rivoluzionari, io nel determinare il corso degli eventi, tratto la questione posta in essere separandomi da delle scelte che io considero inapplicabili con il principio esposto.

Comprendere le ragioni del caso occorrerebbe più di una premessa.

Per un successivo dibattito sulla questione politica e non sulle proprie scelte personali sono aperto a qualsiasi confronto: CaracoKaos@Krutt.org

“Una rottura dalle infinite possibilità”

Nel processo del 10 Ottobre che mi vede coinputato per possesso e porto in pubblica via di materiale esplodente, vado a chiarire la mia posizione, questo per non dare fraintendimenti a chi legge: Da adesso in poi la mia scelta è quella di proseguire in maniera individuale. Il motivo fondante è dato dall’incongruenza nell’affermare una proposta rivoluzionaria e poi fare uso di cavilli burocratici che ristabiliscono –in una “giustapposizione” degli eventi vissuti– un “confronto” tra l’accusato e l’accusatore.

“La menzogna è la verità che ricorda a se stessa com’è venuta la mondo, maschera della maschera, dall’altra parte della maschera, ancora maschera.”

(Frammenti di un sordo muto in apnea, P. Porcu)

Indossare una maschera (quella di una difesa innocentista), per poi proporre un attacco politicoesistenziale alla fine è per me stabilire una “menzogna”.

Usare una difesa legale per far determinare il giusto/sbagliato, cercando di minimizzare, la parte viva di me stesso e delle mie scelte –che vanno solo allo scontro– è incompatibile con quello che io nel mio percorso di “irruente radicalità”, ho scelto.

L’incompatibilità sta nel rifiutare un ruolo (quello dell’imputato) e poi ristabilirlo facendosi “difendere” e usufruire di quello che le leggi stabiliscono in termini di “certezza “della pena:

“Non cedere a ricatti quando si è prigionieri è e deve essere l’elemento fondamentale per proseguire, pur nei limiti fisici mentali della propria prigionia, un percorso rivoluzionario.”

(Negare ogni resipiscienza)

In questo c’è un annullamento della propria volontà e del proprio “agire”.

Nel mio percorso di rottura con il “mondo circostante”-eretto da un fitto legame di regole di subordinazione al ruolo di umano automizzato- non permetto a nessuno, che non sia la mia volontà, di decidere per me e per questo rifiuto a priori di: presenziare al processo e sottostare a qualunque interrogatorio.

Rifiuto ogni accomodamento nel far venire un perito di parte (e su questo che sta l’incompatibilità nel farsi difendere).

Inoltre nel rifiutare a priori nel non farsi assoggettare a un diritto o dovere dato da una corte giudicante, la mia scelta è quella della revoca degli avvocati.

In questo una “rottura” data dall’attacco, sperimenta infinite possibilità di rivolta nelle scelte che si attuano e che da anarchico rivoluzionario sono l’espressione di me stesso:

“Agire significa essere dotato di una soggettività intrinseca di potenzialità offensiva.”

Federico Buono

Leave a Reply

Your email address will not be published.