Incendio doloso da parte di un gruppo di fascisti nello stabile della stazione radio libera Radio Revolt

Incendio doloso da parte di un gruppo di fascisti nello stabile della stazione radio libertaria Radio Revolt, la sera di Martedi 9 Novembre. Circa 20-25 persone, armate con bastoni, martelli, manganelli e coltelli hanno lanciato molotov contro il vagone* che ospitava la sede di Radio Revolt, il quale è stato completamente distrutto dall’incendio. La risposta dei compagni è stata imminente: quelli che erano bloccati nel vagone sono riusciti ad uscire fuori e hanno cacciato via i fascisti. Mentre i compagni cercavano di spegnere il fuoco con canne dell’acqua, la fornitura idrica nell’area è stata “per caso” sospesa.
Secondo una testimonianza dei vigili del fuoco, la polizia ha preteso che i 6 veicoli dei Vigili del Fuoco fossero accompagnati dalle forze dell’ordine (In Grecia c’è il diritto di asilo nelle Università, quindi alla polizia è vietato l’ingresso).
Questo tipo di ordini ai vigili del fuoco hanno chiaramente funzionato come azione complementare all’atto criminale dei fascisti. Era ovvio che fosse impossibile estinguere il fuoco con l’uso di mezzi convenzionali, come estintori a sciuma. Nel frattempo gli sbirri, che in un tempo assai rapido si sono concentrati fuori dal campus universitario, sembravano guardassero curiosi il fatto, nascondendo in realtà fra loro i responsabili dell’incendio.

Lo stato e le sue gang non ci faranno tacere! Non ci fanno paura, non ci fermano!

* Lo spazio in cui si trova il Radio Revolt è una vecchia carrozza ferroviaria dentro il campus dell’ Università Aristotele di Salonicco

Leave a Reply

Your email address will not be published.